ristorante

12 Febbraio 2024

Soulgreen: l’insostenibile pesantezza del termine “vegano”

di Anna Muzio


Soulgreen: l’insostenibile pesantezza del termine “vegano”


“Siamo partiti con l’idea di avvicinare le persone alla cucina vegetale, con un approccio vegetariano. Dopo un anno e mezzo abbiamo però capito che il termine vegano allontanava le persone, in Italia c’è molta preclusione. Allora abbiamo iniziato a proporre anche pesce da pesca sostenibile ed evitiamo di usare il termine vegano nel menù, anche se l’approccio, ad esempio nei dessert, nei formaggi, resta quello”. 

Federica Grasso, General Manager del ristorante SoulgreenFederica Grasso, General Manager del ristorante Soulgreen

A parlare è Federica Grasso, General Manager di Soulgreen. Nato sette anni fa a Milano, Soulgreen oggi preferisce presentarsi come ristorante di cucina mediterranea fusion., a cui si è aggiunto da marzo del 2020 un locale a Dubai.

“La proposta è identica, ma la discriminante forte rispetto alla concorrenza è la possibilità che abbiamo di offrire alcolici, e ciò ci avvantaggia. La clientela è molto diversa, abbiamo una terrazza con vista su Dubai meravigliosa, piacciono le tapas e i piatti in condivisione", racconta la manager.

"Quanto al vegano, inizia a suscitare interesse, ci sono gruppi che si passano le informazioni sui posti dove andare in caso di intolleranze o esigenze particolari, sul plant based c’è decisamente più apertura, non è visto come una ‘setta’ chiusa e che tende a escludere”.

VEGETALE NON È POVERO

L'occasione dell'incontro con la manager di Soulgreen è la presentazione del nuovo menù del locale milanese. Oltre dieci portate principali che mettono in evidenza la ossessiva ricerca delle materie prime. “Il nuovo menù celebra i sette anni del locale – spiega Grasso -, ed è frutto di un percorso in continua evoluzione, cercato e desiderato da chi come noi non vuole mai fermarsi. Abbiamo reinterpretato e realizzato ricette per intrigare ed emozionare in un modo completamente nuovo attraverso materie prime semplici ma di carattere e qualità assoluta”.

Il tutto con prezzi fermi al pre-Covid con picchi sui 20-22 euro per piatti come il tonno rosso Fuentes (proveniente dalla Spagna da allevamenti in mare aperto). 

Quanto alle opzioni vegetali, “purtroppo nella testa della gente c’è l’idea che vengano da materie prime ‘povere’ e quindi debbano costare poco, senza pensare al grande lavoro che c’è dietro. Ed è nostro compito spiegarglielo”. Tra queste c’è anche una proposta che è diventata un po’ un piccolo classico del locale, quello del piatto di “formaggi” a base vegetale - anacardi, mandorle, noci o ceci - presentati con pere alla griglia e marmellata di frutti rossi.

TURNI? PER ORA AL BRUNCH

Una delle “strategie milanesi” adottata da molti ristoranti che hanno dovuto fronteggiare la tempesta perfetta di affitti e costi delle materie prime alle stelle e clienti in crisi economica è al momento quella di stabilire per i clienti dei turni, doppi o a volte pure tripli.

Voi come vi state muovendo? “Siamo riusciti a inserirli per il brunch, all’inizio l’idea di venire alle 12 ha incontrato delle resistenze, ora i clienti si sono abituati. La sera invece è ancora difficile ma riusciamo comunque ad accontentare tutti facendo due turni, senza imposizioni. A pranzo siamo in una zona ricca di uffici e lavoriamo bene ma la fascia è quella, dall’una alle 2, non si sfugge”.

il banco aperto del baril banco aperto del bar

"OPEN" BAR

La cocktail list, introdotta lo scorso settembre con la consulenza di Flavio Angelillo e del gruppo Farmily, sarà presentata a breve e ha l’intento di interagire con la linea food. Sia in ottica no waste, con il riutilizzo si certi ingredienti dalla cucina, sia in ottica cocktail pairing, per esaltare i sapori del piatto, come nel caso del Gambero con latte di cocco che viene servito con il mini drink Carota Zen (Mezcal, cordiale di carota e zenzero, acido citrico, zucchero).

Interessante la scelta del bancone lungo la parete, con il bartender che anziché stare dietro al banco lavora e interagisce a stretto contatto con i clienti nella sala che funge da bar la sera e all’aperitivo. 

Il piccolo banco tradizionale con macchina per caffè è riservato invece alla colazione e ai brunch nella prima parte della giornata. “Un progetto che ha subìto uno stop dopo il Covid ma che vogliamo riprendere e ampliare, anche con un progetto di caffè speciali insieme al nostro fornitore, caffè Morettino di Palermo”, conclude Grasso.

TAG: PLANT BASED,SOULGREEN,FEDERICA GRASSO,VEGANO

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook Seguici su Instagram

Oppure rimani sempre aggiornato sul mondo del fuori casa iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

14/06/2024

L'appuntamento è per venerdì 14 giugno alle ore 18:30 presso il Convivium Bar di Monaci delle Terre Nere alle pendici dell'Etna. In collaborazione con Campari Academy, Salvatore Calabrese metterà...

14/06/2024

Destinazione: World of Coffee Copenaghen, Bella Center, dal 27 al 29 giugno 2024. E occhi puntati sulla delegazione italiana che gareggerà nei campionati mondiali SCA, gli ultimi che mancano da...

A cura di Anna Muzio

14/06/2024

Con l'arrivo del mese di giugno riparte Mare Mio by Gin Mare, l'iniziativa condivisa con Marevivo – Fondazione Ambientalista ETS che mira a proteggere e preservare la bellezza e la vita del Mar...

14/06/2024

Chi l’ha detto che in Italia i giovani non lavorano? Anche se i numeri lo dicono con certezza – 2,1 i milioni di Neet (i 15-34enni che non studiano né hanno un impiego) nel nostro Paese e solo...

 


Una soluzione di filtrazione ad alte prestazioni in grado di soddisfare le esigenze principali nelle cucine professionali quando si parla di vapore e lavaggio. Si chiama BRITA...


Intelligente e interconnesso, capace di assicurare non solo una protezione ottimale delle macchine da caffè, ma anche una qualità costante in tazza e un servizio più efficiente. Sono i 'plus'...


Iscriviti alla newsletter!

I PIÙ LETTI

È andata all'amaro Amara la medaglia d'oro della Spirits Selection del Concours Mondial de Bruxelles: il riconoscimento, ottenuto a due anni di distanza da quello al World Liqueur Awards, è frutto...


I VIDEO CORSI







I LUNEDÌ DI MIXER

Si sente spesso dire che tra gli ingredienti fondamentali per il successo di un pubblico esercizio ce n’è uno non certo facile da reperire: l’esperienza. Se è così, allora Tripstillery va sul...


Altro che Roma e Milano: i cocktail bar piacciono e funzionano anche in piazze lontane dai circuiti classici dei grandi centri urbani e delle località turistiche famose. La prova più eclatante è...


Dal 2001 Christian Sciglio e Guido Spinello si sono dati una missione: far vivere un’esperienza autentica di una casa del Sud Italia, e precisamente siciliana, accogliendo al meglio i clienti nel...


Quanto ne sappiamo noi italiani di grappa? Troppo poco, a giudizio di Leonardo Pinto di Grappa Revolution, che in questa puntata de Il Lunedì di Mixer ci spiega come viene definito – in base...


In qualsiasi drink list che si rispetti è indispensabile inserire dei cocktail analcolici, così da rispondere alle attese di chi per motivi religiosi, di salute, culturali o semplicemente perché...



Quine srl

Direzione, amministrazione, redazione, pubblicità

Tel. +39 02 864105 | Fax +39 02 72016740 | P.I.: 13002100157

©2024 - Tutti i diritti riservati - Responsabile della protezione dati: dpo@lswr.it
Privacy Policy

Top