spirits

01 Dicembre 2023

Gin: si legge Michter’s, si pronuncia Farmer’s

di Maurizio Maestrelli


Gin: si legge Michter’s, si pronuncia Farmer’s

Si fa presto a dire gin. Di questi tempi più che mai. L’arrivo sul mercato di nuove etichette non sembra infatti conoscere sosta a dispetto di chi annuncia “esplosioni” di una bolla che, come tutte le bolle, prima o poi magari si verificherà. Ma, per ora, l’onda del distillato di ginepro non accenna a perdere la sua forza e allora, nel mare in tempesta dell’universo gin, si deve iniziare a usare il discernimento.

Discernimento ad esempio tra chi il gin lo fa partendo dalle materie prime e chi inizia con un alcol già rettificato, discernimento tra chi ha un concetto e una storia, credibile, da raccontare e chi cavalca semplicemente il fenomeno.

Ecco, Farmer’s Gin risponde ai primi requisiti. La new entry firmata, e già questo è un dettaglio che non passa inosservato, dalla famiglia Magliocco più nota per essere la produttrice del whisky americano Michter’s (premiata quest’anno come “Most admired whiskey in the world” da Drinks International) nasce nell’Idaho, uno degli stati americani a maggior vocazione agricola e custode di una delle più grandi aree naturali pressoché intatte degli States, dalla 1000 Springs Mill, azienda che coltiva da tre generazioni grano biologico certificato.

Il cereale poi passa alla Distilled Resources Inc. di Rigby, sempre nell’Idaho, prima distilleria degli Stati Uniti a essere certificata biologica nel lontano 1999. Ovviamente ginepro, anch’esso USA, e le otto botaniche che compongono il bouquet, dal coriandolo ai fiori di sambuco, dai boccioli di rosa all’arancia e al lime, seguono gli stessi criteri di selezione pertanto non stupisce che Fine Spirits, la società guidata da Paolo Gargano che distribuisce Farmer’s Gin in esclusiva per l’Italia, abbia scelto come palcoscenico di debutto un’azienda come Ferdy’s Wild. 

La comunicazione, per funzionare bene, deve essere coerente e i valori in comune tra Ferdy, che continua a portare le sue mucche all’alpeggio, e Farmer’s Gin sono evidenti. Come è evidente anche il fatto che ci si trova di fronte a un gin ben costruito e definito, dove l’impronta caratterizzante del ginepro è avvertibile ma elegante, ben integrata dalle note più terrose della radice di angelica e a quelle più fini e delicate del fiore di sambuco e della rosa con uno sprint finale dettato dagli agrumi.

Buono liscio, aspetto non così scontato come si potrebbe presumere, di raffinatezza austera in un Martini e dalla solidità affidabile ma pure rispettosa dei partner in un Negroni.

TAG: NEGRONI,MARTINI,GIN,FARMER’S GIN

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook Seguici su Instagram

Oppure rimani sempre aggiornato sul mondo del fuori casa iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

12/07/2024

Meno del 10% delle imprese italiane della ristorazione utilizza un sistema di ordini e pagamenti integrato a supporto del proprio business. L'obiettivo è ridurre tempi di attesa e...

12/07/2024

Obiettivo whisk(e)y, o whisky. Comunque lo vogliate chiamare sarà lui il protagonista del Bar Convent Berlin 2024, la manifestazione in programma nella capitale tedesca dal 14 al 16 ottobre...

11/07/2024

I consumi di vino negli Stati Uniti stentano a ripartire: il saldo tendenziale dei primi cinque mesi del 2024 basato sugli ordini dei magazzini da parte di Horeca e grande distribuzione segna un -8%...

11/07/2024

Il Pulp & Purple di Omar Vesentini, proprietario dell’Hemingway Cocktail Bar di Como, è il miglior signature cocktail della quinta edizione della Como Lake Cocktail Week. Il bartender ha...

 


Una soluzione di filtrazione ad alte prestazioni in grado di soddisfare le esigenze principali nelle cucine professionali quando si parla di vapore e lavaggio. Si chiama BRITA...


Intelligente e interconnesso, capace di assicurare non solo una protezione ottimale delle macchine da caffè, ma anche una qualità costante in tazza e un servizio più efficiente. Sono i 'plus'...


Iscriviti alla newsletter!

I PIÙ LETTI

È andata all'amaro Amara la medaglia d'oro della Spirits Selection del Concours Mondial de Bruxelles: il riconoscimento, ottenuto a due anni di distanza da quello al World Liqueur Awards, è frutto...


I VIDEO CORSI







I LUNEDÌ DI MIXER

Si sente spesso dire che tra gli ingredienti fondamentali per il successo di un pubblico esercizio ce n’è uno non certo facile da reperire: l’esperienza. Se è così, allora Tripstillery va sul...


Altro che Roma e Milano: i cocktail bar piacciono e funzionano anche in piazze lontane dai circuiti classici dei grandi centri urbani e delle località turistiche famose. La prova più eclatante è...


Dal 2001 Christian Sciglio e Guido Spinello si sono dati una missione: far vivere un’esperienza autentica di una casa del Sud Italia, e precisamente siciliana, accogliendo al meglio i clienti nel...


Quanto ne sappiamo noi italiani di grappa? Troppo poco, a giudizio di Leonardo Pinto di Grappa Revolution, che in questa puntata de Il Lunedì di Mixer ci spiega come viene definito – in base...


In qualsiasi drink list che si rispetti è indispensabile inserire dei cocktail analcolici, così da rispondere alle attese di chi per motivi religiosi, di salute, culturali o semplicemente perché...



Quine srl

Direzione, amministrazione, redazione, pubblicità

Tel. +39 02 864105 | Fax +39 02 72016740 | P.I.: 13002100157

©2024 - Tutti i diritti riservati - Responsabile della protezione dati: dpo@lswr.it
Privacy Policy

Top