Aumentano le potenzialità dei prodotti del Sud Italia

Negli ultimi anni un numero crescente di prodotti alimentari provenienti dal meridione ha visto una diffusione sempre più capillare a livello nazionale. È il caso della mozzarella di bufala campana DOP che funge da traino ad altre specialità come la pasta di Gragnano IGP, la cipolla di Tropea, l’arancia rossa di Sicilia, la liquirizia di Calabria e la burrata pugliese.

In fermento è anche il settore enologico col Primitivo di Manduria e il Montepulciano d’Abruzzo DOP che destano particolari interessi. A tal proposito Mauro Rosati, direttore della Fondazione Qualivita, afferma che «si è verificata un’emancipazione dell’imprenditoria agroalimentare del Sud, che ha compensato i deficit della politica incapace di spendere le risorse comunitarie concesse per accompagnare queste produzioni. Molto del successo di questi prodotti è dovuto anche al turismo, i turisti assaggiano i prodotti italiani e li ricercano in seguito a casa loro, alimentando le nostre esportazioni».

Una tendenza che ci si augura possa proseguire speditamente anche in futuro come volano per l’economia.

Fonte: Alimenti News