A Le Manzane una vendemmia che accende la Speranza

È tempo di vendemmia all’azienda agricola Le Manzane. La cantina di San Pietro di Feletto (Tv) celebra questo antico e festoso rito contadino con un grande evento aperto al pubblico all’insegna della solidarietà che domenica 6 settembre porterà tra i filari di Glera i bambini della “Città della Speranza”. Saranno proprio loro a staccare i grappoli dorati dal vigneto adiacente la cantina, dando ufficialmente il via alla quarta edizione della vendemmia solidale. Un appuntamento ormai consolidato che vede ogni anno centinaia di volenterosi ed enoappassionati, forniti di forbice e cassetta, partecipare alla raccolta manuale delle uve. Un’occasione da non perdere per vivere uno dei momenti più suggestivi ed importanti dell’intera stagione vitivinicola, immersi nel meraviglioso scenario delle colline del Prosecco Superiore. La giornata proseguirà con un aperitivo e un succulento pranzo in cantina.

Ricco e variegato il programma che prevede spettacoli di giocoleria per i più piccoli con Gigi Miracol Saltinbianco, l’ex tempore di pittura del Gruppo Artisti Contrada Granda e musica dal vivo con la partecipazione straordinaria di Federico Stragà. L’artista, che si è esibito sul palco dell’Ariston nelle due edizioni del Festival di Sanremo del 1998 e del 2003, diventato celebre con il tormentone “L’Astronauta”, presenterà il suo ultimo singolo “Che cos’è l’arte?” ed interpreterà alcuni brani di cantautori italiani.

L’intero incasso della giornata e parte del ricavato dalla vendita, nel periodo prenatalizio, delle bottiglie di Prosecco Superiore ottenuto con l’uva vendemmiata domenica 6 settembre sarà destinato alla Fondazione “Città della Speranza”. Anche il contributo di partecipazione alla manifestazione di 10,00 euro, pranzo incluso, sarà devoluto in beneficenza. Sarà possibile, inoltre, sostenere la Fondazione “Città della Speranza” effettuando un versamento sul c/c postale n. 13200365 o su uno dei conti correnti presenti sul sito www.cittadellasperanza.org indicando come causale “Vendemmia Solidale nr. 011/15-Tv” o acquistando uno dei quadri che i pittori del Gruppo Artisti Contrada Granda realizzeranno durante la vendemmia trasformando il piazzale della cantina Le Manzane in una galleria d’arte en plein air.

I dipinti avranno come tema “Una luce di Speranza tra i vigneti” e gli artisti potranno ispirarsi al motto dei bambini della “Città della speranza” “Voglio diventare grande!”. La Fondazione “Città della Speranza”, che da vent’anni si impegna nella ricerca oncologica pediatrica, è nata, infatti, perché il sogno di crescere di ogni bambino potesse sempre diventare realtà.

I partner e gli sponsor che hanno condiviso gli obiettivi benefici della vendemmia solidale 2015 sono: Banca della Marca, Ca’ del Poggio Ristorante & Resort, Arti Grafiche Conegliano, Dersut Caffe’, Dolomiti.it, Foto Francesco Galifi, Gruppo Artisti Contrada Granda, Icas, Kappavideo, Polisportiva Valcervano, Rotas, S’Paul n’ Co. Design e Vetreria Etrusca. L’evento è patrocinato dalla Regione del Veneto, dalla Provincia di Treviso e dai Comuni di San Pietro di Feletto, Conegliano, Valdobbiadene con il sostegno del Consorzio Tutela del Vino Conegliano Valdobbiadene Prosecco.

I posti in cantina sono limitati e su prenotazione. Per le iscrizioni contattare lo 0438 486606 o scrivere una e-mail a info@lemanzane.it.


Il programma

Festa e beneficienza nella Terra del Prosecco Superiore

Ore 9.00 – Apertura giornata della vendemmia solidale, accoglienza e registrazione ospiti all’ingresso e distribuzione braccialetti a ricordo dell’evento.

Ore 9.30 – Inizio vendemmia solidale e inizio Ex Tempore di pittura con prenotazione dei quadri del Gruppo Artisti Contrada Granda.

Ore 11.30 – Federico Stragà, Sanremo ’98 e 2003, presenta i suoi successi tra cui “L’Astronauta”, il suo
ultimo singolo e alcune canzoni italiane.

Ore 12.00 – Aperitivo con Prosecco Superiore Docg e stuzzichino dell’Adriatico in collaborazione con Ca’ del
Poggio Ristorante & Resort.

Ore 13.00 – Pranzo in caneva in collaborazione con la Polisportiva Valcervano.

Ore 18.00 – Ringraziamento agli ospiti, saluti e chiusura attività.

Per tutta la giornata, intrattenimento con Gigi Miracol Saltinbianco.
L’hashtag per seguire l’evento e darne visibilità su twitter è #ProseccoeSperanza.
La Fondazione Città della Speranza nasce il 16 dicembre 1994 per volontà di un gruppo di imprenditori veneti, guidati da Franco Masello, con l’obiettivo di costruire la nuova Clinica Oncoematologica Pediatrica, diretta allora dal professor Luigi Zanesco. Il nuovo reparto, prima grande impresa realizzata dalla Fondazione Città della Speranza, viene inaugurato nel 1996. Nel 1998 sono pronti anche il Nuovo Day Hospital e i Laboratori di Ricerca, mentre nel 2003 viene inaugurato il Nuovo Pronto Soccorso Pediatrico di Padova. Nel 2004 viene inaugurato il Day Hospital Pediatrico di Vicenza e nel 2010 il nuovo Pronto Soccorso Pediatrico di Vicenza. L’8 giugno del 2012 viene inaugurata l’ultima grande opera: l’Istituto di Ricerca Pediatrica Città della Speranza, il più grande centro di ricerca sulle malattie infantili d’Europa. Fin dalla sua nascita la missione della Fondazione Città della Speranza è stata quella di migliorare le condizioni di cura e assistenza dei bambini e di sostenere la ricerca scientifica in ambito oncologico e, oggi, in tutti gli ambiti della pediatria. Dal 1999 ad oggi la Fondazione ha finanziato più di 69 Progetti di Ricerca per una spesa complessiva di oltre 20 milioni di euro. L’impegno oggi è quello di sostenere la ricerca per almeno due milioni di euro all’anno. Solo negli ultimi 5 anni sono stati raccolti 18 milioni di euro. Consapevole del valore scientifico degli studi e delle procedure condotti nel centro padovano, nel 1999 la Fondazione si è dotata di un Comitato Scientifico Internazionale, formato da autorevoli scienziati italiani ed europei, che sceglie e valuta i progetti scientifici da finanziare. La Clinica di Oncoematologia Pediatrica di Padova, oggi diretta dal prof. Giuseppe Basso, è collegata ai più importanti centri italiani ed europei ed è Centro di coordinamento regionale della rete per l’oncoematologia pediatrica. Ospita il 90% dei pazienti del Veneto, con oltre 1500 ricoveri all’anno, 7000 prestazioni di day-hospital e attività di trapianto di midollo osseo. Attualmente, almeno il 20% dei piccoli pazienti proviene da paesi extraeuropei. Grazie ai finanziamenti erogati dalla Città della Speranza oggi la Clinica di Oncoematologia Pediatrica è Centro di riferimento nazionale per la diagnosi delle leucemie acute e per la caratterizzazione molecolare di linfomi e sarcomi e Centro di coordinamento di protocolli nazionale ed europei di diagnosi e cura di linfomi, sarcomi, tumori cerebrali ed epatici, tumori rari.