Venditalia 2014 conferma il suo primato internazionale

Venditalia, Esposizione Internazionale della Distribuzione Automatica, con l’edizione del 2014 che si è tenuta dal 7 al 10 maggio presso i padiglioni di Fieramilanocity, ha confermato nei numeri il suo primato internazionale tra le manifestazioni di settore. Ventisette mila mq circa di area espositiva, 250 espositori di cui il 20% esteri, e un sostanziale aumento dei visitatori provenienti da oltre 90 Paesi. E tra questi, spicca il forte aumento degli operatori dell’Europa dell’Est e dell’America Latina.

Venditalia-2014

All’interno degli stand sono state presentate le tecnologie più innovative, prodotti e marchi di riconosciuta qualità e attrezzature di particolare attrattività per design, ergonomicità e interfaccia con l’utente. «Il settore della distribuzione automatica è solido e in continua crescita – afferma Lucio Pinetti, presidente di Venditalia e Confida (Associazione Italiana Distribuzione Automatica) -, tra i pochi ancora in grado di mantenere occupazione e contribuire, in anni di recessione economica, al sostegno del sistema Paese. Tutto questo, purtroppo, solo grazie agli investimenti messi in campo dalle singole aziende, che invece di essere supportate come meriterebbero, sono invece bersaglio di continue norme penalizzanti e soggette a una incomprensibile stretta creditizia. La mancanza di interventi governativi che liberino risorse finanziarie e la miopia del sistema bancario rischiano di creare un grave pregiudizio a un settore che è un’eccellenza del Made in Italy, tanto apprezzata all’estero quanto trascurata in Italia».

Al lavoro per la Special Edition 2015

Appena chiusa questa edizione, Venditalia però guarda già all’immediato futuro con una “Special Edition” per il 2015. L’occasione è naturalmente Expo 2015 ed i suoi temi portanti. Non a caso la “Special Edition” si terra in contemporanea e con la collaborazione di Tuttofood, che aprirà i battenti dal 3 al 6 maggio 2015, proprio nella settimana di inaugurazione dell’esposizione universale. «Oltre alle finalità commerciali, ovviamente proprie di una manifestazione fieristica, ampio spazio sarà destinato alla presentazione di progetti coerenti con i temi di Expo, dove potranno essere evidenziate caratteristiche positive del comparto per importanti tematiche come l’accesso un cibo sicuro, l’informazione e l’educazione alimentare e il risparmio energetico, solo per portare alcuni esempi» conclude Lucio Pinetti.