pubblici esercizi

31 Marzo 2022

Il vino come brand sulla Rete: una ricerca spiega come fare

di Claudio Ferrara


Il vino come brand sulla Rete: una ricerca spiega come fare

Sulla Rete il vino può diventare un brand da proporre con successo su mercati più ampi, anche internazionali. Ma occorre scegliere lo stile di comunicazione giusto.

È il messaggio che emerge dalla ricerca sulla comunicazione del vino da parte dei Consorzi dal titolo "Comunicare il vino italiano all'estero via web. Il ruolo dei consorzi di tutela", realizzata da Astarea in collaborazione con The Round Table e presentata in occasione della premiazione dei vincitori del Premio Gavi La Buona Italia 2022.

Condotta su 21 Consorzi del vino italiani, la ricerca e ha identificato quattro cluster comportamentali nel modo di comunicare, via sito web. I Promoter hanno un’anima spiccatamente commerciale, mentre i Sistemici puntano sulla narrazione e la valorizzazione delle cantine. I Funzionali promuovono il lavoro delle cantine e dei coltivatori e, infine, i Valorizzanti puntano a creare delle vere e proprie community.

Da notare che, su 123 Consorzi analizzati, quasi il 30% ha ancora il sito internet istituzionale solo in lingua italiana. Tutti i website dei finalisti hanno invece almeno anche la lingua inglese, a dimostrazione del crescente impegno del settore verso l’internazionalizzazione.

La ricerca prevedeva anche due focus, rispettivamente sull’enoturismo e il business estero. Riguardo al primo tema, lo stile di comunicazione più efficace si è rivelato essere quello capace di associare in un unico sguardo il tema della produzione a quello del territorio, mentre per quanto riguarda l’export, si conferma che la capacità di orientarsi verso l’estro è più significativa quando il Consorzio manifesta un ruolo particolarmente significativo.

Due affondi entrambi di grande interesse, considerando la posta in gioco. Il 2021 è stato un anno record per le esportazioni di vino italiano, che ha superato i 7 miliardi di euro in valore (dati Osservatorio UIV). Quanto all’enoturismo, l’Osservatorio Turismo Nomisma/Unicredit rivela che vanta 15 milioni di presenze e genera 2,65 miliardi di euro di fatturato, con una spesa di oltre 350 milioni in esperienze enogastronomiche solo da parte dei viaggiatori italiani.

TAG: CAFFè DIEMME,BRAND,ENOTURISMO,THE ROUND TABLE,ASTAREA,PREMIO GAVI LA BUONA ITALIA 2022.

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook Seguici su Instagram

Oppure rimani sempre aggiornato sul mondo del fuori casa iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

12/07/2024

Meno del 10% delle imprese italiane della ristorazione utilizza un sistema di ordini e pagamenti integrato a supporto del proprio business. L'obiettivo è ridurre tempi di attesa e...

12/07/2024

Obiettivo whisk(e)y, o whisky. Comunque lo vogliate chiamare sarà lui il protagonista del Bar Convent Berlin 2024, la manifestazione in programma nella capitale tedesca dal 14 al 16 ottobre...

11/07/2024

I consumi di vino negli Stati Uniti stentano a ripartire: il saldo tendenziale dei primi cinque mesi del 2024 basato sugli ordini dei magazzini da parte di Horeca e grande distribuzione segna un -8%...

11/07/2024

Il Pulp & Purple di Omar Vesentini, proprietario dell’Hemingway Cocktail Bar di Como, è il miglior signature cocktail della quinta edizione della Como Lake Cocktail Week. Il bartender ha...

 


Una soluzione di filtrazione ad alte prestazioni in grado di soddisfare le esigenze principali nelle cucine professionali quando si parla di vapore e lavaggio. Si chiama BRITA...


Intelligente e interconnesso, capace di assicurare non solo una protezione ottimale delle macchine da caffè, ma anche una qualità costante in tazza e un servizio più efficiente. Sono i 'plus'...


Iscriviti alla newsletter!

I PIÙ LETTI

È andata all'amaro Amara la medaglia d'oro della Spirits Selection del Concours Mondial de Bruxelles: il riconoscimento, ottenuto a due anni di distanza da quello al World Liqueur Awards, è frutto...


I VIDEO CORSI







I LUNEDÌ DI MIXER

Si sente spesso dire che tra gli ingredienti fondamentali per il successo di un pubblico esercizio ce n’è uno non certo facile da reperire: l’esperienza. Se è così, allora Tripstillery va sul...


Altro che Roma e Milano: i cocktail bar piacciono e funzionano anche in piazze lontane dai circuiti classici dei grandi centri urbani e delle località turistiche famose. La prova più eclatante è...


Dal 2001 Christian Sciglio e Guido Spinello si sono dati una missione: far vivere un’esperienza autentica di una casa del Sud Italia, e precisamente siciliana, accogliendo al meglio i clienti nel...


Quanto ne sappiamo noi italiani di grappa? Troppo poco, a giudizio di Leonardo Pinto di Grappa Revolution, che in questa puntata de Il Lunedì di Mixer ci spiega come viene definito – in base...


In qualsiasi drink list che si rispetti è indispensabile inserire dei cocktail analcolici, così da rispondere alle attese di chi per motivi religiosi, di salute, culturali o semplicemente perché...



Quine srl

Direzione, amministrazione, redazione, pubblicità

Tel. +39 02 864105 | Fax +39 02 72016740 | P.I.: 13002100157

©2024 - Tutti i diritti riservati - Responsabile della protezione dati: dpo@lswr.it
Privacy Policy

Top