pubblici esercizi

10 Febbraio 2022

Snacking: per i consumatori contano mindfulness e well-being


Snacking: per i consumatori contano mindfulness e well-being

I consumatori preferiscono lo spuntino al pasto tradizionale. Ma non solo: mindfulness e well-being giocano un ruolo sempre più importante nelle scelte dei consumatori riguardo allo snacking.

Lo dice "State of Snacking Report 2021", survey frutto della collaborazione tra The Harris Poll e Mondelēz International, che ogni conduce uno studio globale sulle tendenze dei consumatori in 12 Paesi. Il report di quest'anno mostra come considerazioni sulla mindfulness e il well-being siano sempre più importanti quando si tratta di scegliere uno snack, tanto che i consumatori preferiscono fare spuntini come abitudine alimentare rispetto al pasto tradizionale (il 64%, in aumento del 5% dai primi risultati nel 2019).

La tendenza a preferire lo snacking si accentua tra le giovani generazioni, con il 75% della Generazione Z che sostituisce almeno un pasto al giorno con uno snack.

Ma vediamo gli altri principali risultati della survey:

  • Definizione più ampia - Quasi l'80% dei consumatori a livello globale afferma che la loro definizione di snack si è evoluta negli ultimi 3 anni includendo più o diversi tipi di cibi, occasioni per mangiare o altri elementi.
  • Oltre la nutrizione – L'85% dei consumatori mangia almeno uno snack al giorno per gratificazione; l’88% sostiene che una dieta equilibrata possa includere un pò di indulgenza e il 74% afferma che non può immaginare un mondo senza cioccolato.
  • Scelte d’acquisto allineate con i valori - L'85% dei consumatori in tutto il mondo vuole acquistare snack da aziende che compensano la loro impronta ambientale.
  • Più ampia l’esperienza di snacking attraverso i social – Più della metà delle persone a livello globale afferma che i social media sono stati fonti di ispirazione per provare un nuovo snack nel corso dell’ultimo anno.
  • Gratificazione e benessere emotivo - Le abitudini dei consumatori indicano che, sia il nutrimento che la gratificazione fanno parte di uno stile di vita equilibrato, ogni giorno l'85% dei consumatori mangia almeno uno snack per il nutrimento e uno per gratificazione. In aggiunta, lo snacking continua ad essere utilizzato per il benessere emotivo, quasi 8 consumatori su 10 concordano che alcuni snack dovrebbero essere consumati solo per piacere o gratificazione, senza che sia necessario preoccuparsi troppo degli aspetti legati alla nutrizione (79%).
  • Consumo consapevole - Un consumo guidato dai propri valori è sempre più una priorità, l'86% dei consumatori ritiene che monoporzioni e trasparenza degli ingredienti siano importanti per le loro scelte di snacking.
  • Social media come fonti di ispirazione - I social media sono una crescente fonte di scoperta. Più della metà dei consumatori globali (55%) afferma che i social media li hanno ispirati a provare un nuovo snack nell'ultimo anno, una maggioranza ancora più estesa tra la Gen Z (70%) e i millennials (71%).

Il nostro State of Snacking Report evidenzia come la definizione di snacking stia evolvendo tra i consumatori di tutto il mondo”, ha dichiarato Dirk Van de Put, Chairman e CEO di Mondelēz International. “Lo snacking è molto più di una fonte di nutrizione e gratificazione; è anche una fonte di connessione sociale e di ispirazione per esperienze più ampie. In particolare, i consumatori continuano a preferire le occasioni di snacking nel corso della giornata rispetto ai pasti tradizionali - questo crescente comportamento, accellerato dalla pandemia in corso, diventa sempre più parte della vita quotidiana".

Inoltre, sottolinea l'indagine, i consumatori stanno sperimentando nuovi canali per acquistare snack; più della metà, infatti, riferisce di aver acquistato snack usando almeno tre canali non tradizionali o emergenti nell'ultimo anno (53%). Questi canali includono le app di consegna, gli ordini online per il ritiro in-store e i siti web direct-to-consumer.

Infine, i consumatori sono sempre più consapevoli nelle loro decisioni d'acquisto, poiché sono più in contatto con i loro valori. Stanno facendo sforzi per conoscere meglio i marchi o le aziende da cui acquistano e stanno diventando più attenti sulla sostenibilità degli snack che scelgono. In questa prospettiva, la riduzione dei rifiuti è in cima alle loro priorità, i consumatori affermano che l'impatto ambientale numero uno sulle loro scelte alimentari è la disponibilità di imballaggi a basso spreco (78%).

TAG: CAFFè DIEMME,MONDELEZ INTERNATIONAL,DIRK VAN DE PUT,SNACKING

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook Seguici su Instagram

Oppure rimani sempre aggiornato sul mondo del fuori casa iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

17/05/2024

Apre oggi pomeriggio a Napoli, in piena Galleria Umberto I, Mondadori MA Bookstore & Mondadori Caffè Kremoso. L'appuntamento con la new-entry della...

17/05/2024

C'è un nuovo premium gin nel portfolio Mercanti di Spirits, Crespo Luna Rosa – Strawberry & Rose, un prodotto senza coloranti, senza aromi artificiali e con poche calorie, imbottigliato...

17/05/2024

A prima vista Kevin Kos sembra un giovane ufficiale austriaco della Vienna primo Novecento. Alto, biondo, gli occhi chiari coi i baffi arricciati all’insù. Siamo in una saletta riservata del Drink...

A cura di Sapo Matteucci

17/05/2024

Giampiero Pacchiano, Cris Sola del Kadavè. Sono loro i vincitori dei Barback Games 2024, quest’anno al Roma Bar Show. I due ragazzi da Sant’Anastasia (NA)...

 

Intelligente e interconnesso, capace di assicurare non solo una protezione ottimale delle macchine da caffè, ma anche una qualità costante in tazza e un servizio più efficiente. Sono i 'plus'...


Intelligente e interconnesso, capace di assicurare non solo una protezione ottimale delle macchine da caffè, ma anche una qualità costante in tazza e un servizio più efficiente. Sono i 'plus'...


Iscriviti alla newsletter!

I PIÙ LETTI

È andata all'amaro Amara la medaglia d'oro della Spirits Selection del Concours Mondial de Bruxelles: il riconoscimento, ottenuto a due anni di distanza da quello al World Liqueur Awards, è frutto...


I VIDEO CORSI







I LUNEDÌ DI MIXER

Si sente spesso dire che tra gli ingredienti fondamentali per il successo di un pubblico esercizio ce n’è uno non certo facile da reperire: l’esperienza. Se è così, allora Tripstillery va sul...


Altro che Roma e Milano: i cocktail bar piacciono e funzionano anche in piazze lontane dai circuiti classici dei grandi centri urbani e delle località turistiche famose. La prova più eclatante è...


Dal 2001 Christian Sciglio e Guido Spinello si sono dati una missione: far vivere un’esperienza autentica di una casa del Sud Italia, e precisamente siciliana, accogliendo al meglio i clienti nel...


Quanto ne sappiamo noi italiani di grappa? Troppo poco, a giudizio di Leonardo Pinto di Grappa Revolution, che in questa puntata de Il Lunedì di Mixer ci spiega come viene definito – in base...


In qualsiasi drink list che si rispetti è indispensabile inserire dei cocktail analcolici, così da rispondere alle attese di chi per motivi religiosi, di salute, culturali o semplicemente perché...



Quine srl

Direzione, amministrazione, redazione, pubblicità

Tel. +39 02 864105 | Fax +39 02 72016740 | P.I.: 13002100157

©2024 - Tutti i diritti riservati - Responsabile della protezione dati: dpo@lswr.it
Privacy Policy

Top