pubblici esercizi

23 Aprile 2024

Celiachia: firmato il protocollo tra Fipe e Aic per sensibilizzare i pubblici esercizi


Celiachia: firmato il protocollo tra Fipe e Aic per sensibilizzare i pubblici esercizi


È stato firmato a Roma il Protocollo d'intesa tra Fipe-Confcommercio e Aic - Associazione Italiana Celiachia per lo sviluppo e la promozione di iniziative volte a diffondere una maggiore conoscenza della celiachia all’interno dei pubblici esercizi in Italia e garantire la massima attenzione e qualità nel servizio per i clienti affetti da tale patologia. 

Con l'accordo, le due associazioni si impegneranno a sensibilizzare le imprese associate alla Federazione ai temi legati alla celiachia e alla dieta senza glutine e a promuovere la conoscenza del programma AFC - Alimentazione Fuori Casa di Aic, strumento informativo per la salute della clientela celiaca volto a mettere gli imprenditori a conoscenza delle azioni pratiche da intraprendere riducendo e massimizzando gli investimenti dedicati.

A dimostrare come oggi sia quanto mai necessario un intervento radicale in tale ambito è una recente indagine su ristorazione e celiachia commissionata da Aic che ha fatto emergere una serie di sostanziali differenze nell’approccio al servizio senza glutine tra i locali aderenti al programma rispetto a quelli non aderenti. Come riporta l’indagine infatti, il 63% dei gestori di locali non facenti parte di AFC dichiara di avere una conoscenza superficiale della materia; il 68% di queste attività, inoltre, non utilizza l’apposita dicitura anche se prepara piatti senza glutine.

“Con questo accordo ci impegniamo a sensibilizzare ancora di più i ristoratori sul tema della celiachia, una malattia che è ancora sottostimata e oggetto di molta disinformazione" ha detto Lino Enrico Stoppani, presidente di Fipe-Confcommercio, sottolineando che non si tratta solamente di ampliare e adattare l’offerta nel menù, ma anche di agire con azioni di formazione per il personale riguardo la preparazione, la conservazione e la somministrazione degli alimenti gluten free. "Da sempre Fipe e i pubblici esercizi rappresentano simboli di ospitalità e inclusione: vogliamo che lo siano sempre di più per tutti” ha aggiunto Stoppani.

“Siamo particolarmente felici di siglare questo protocollo d'intesa con Fipe che ci permetterà di far crescere i locali aderenti al programma AFC e garantire a tutti la possibilità di viaggiare e mangiare al ristorante con la certezza di essere accolti da professionisti informati sulla celiachia e sulla dieta senza glutine” ha commentato Rossella Valmarana, presidente di Aic, la quale ha rimarcato il fatto che per le circa 600mila persone celiache in Italia la dieta senza glutine sia l’unica terapia possibile e quindi un vero e proprio salvavita.

TAG: LINO ENRICO STOPPANI,ASSOCIAZIONE ITALIANA CELIACHIA,FIPE-CONFCOMMERCIO,ROSSELLA VALMARANA

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook Seguici su Instagram

Oppure rimani sempre aggiornato sul mondo del fuori casa iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

15/07/2024

A dieci anni dalla nascita e con diversi riconoscimenti nazionali e internazionali all'attivo, 50 Kalò raddoppia e apre una nuova pizzeria in Piazza della Repubblica, a Napoli. Concepita da Ciro...

12/07/2024

Meno del 10% delle imprese italiane della ristorazione utilizza un sistema di ordini e pagamenti integrato a supporto del proprio business. L'obiettivo è ridurre tempi di attesa e...

12/07/2024

A settant'anni dalla scomparsa avvenuta il 13 luglio 1954 il drinksetter di Anthology by Mavolo Riccardo Campagna omaggia Frida Kahlo con il cocktail Colibrì.

12/07/2024

Si chiude sostanzialmente in pareggio, rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, il primo semestre del 2024 per il Pinot Grigio del Nordest, con un volume pari a circa 900mila ettolitri e...

 


Una soluzione di filtrazione ad alte prestazioni in grado di soddisfare le esigenze principali nelle cucine professionali quando si parla di vapore e lavaggio. Si chiama BRITA...


Intelligente e interconnesso, capace di assicurare non solo una protezione ottimale delle macchine da caffè, ma anche una qualità costante in tazza e un servizio più efficiente. Sono i 'plus'...


Iscriviti alla newsletter!

I PIÙ LETTI

È andata all'amaro Amara la medaglia d'oro della Spirits Selection del Concours Mondial de Bruxelles: il riconoscimento, ottenuto a due anni di distanza da quello al World Liqueur Awards, è frutto...


I VIDEO CORSI







I LUNEDÌ DI MIXER

Si sente spesso dire che tra gli ingredienti fondamentali per il successo di un pubblico esercizio ce n’è uno non certo facile da reperire: l’esperienza. Se è così, allora Tripstillery va sul...


Altro che Roma e Milano: i cocktail bar piacciono e funzionano anche in piazze lontane dai circuiti classici dei grandi centri urbani e delle località turistiche famose. La prova più eclatante è...


Dal 2001 Christian Sciglio e Guido Spinello si sono dati una missione: far vivere un’esperienza autentica di una casa del Sud Italia, e precisamente siciliana, accogliendo al meglio i clienti nel...


Quanto ne sappiamo noi italiani di grappa? Troppo poco, a giudizio di Leonardo Pinto di Grappa Revolution, che in questa puntata de Il Lunedì di Mixer ci spiega come viene definito – in base...


In qualsiasi drink list che si rispetti è indispensabile inserire dei cocktail analcolici, così da rispondere alle attese di chi per motivi religiosi, di salute, culturali o semplicemente perché...



Quine srl

Direzione, amministrazione, redazione, pubblicità

Tel. +39 02 864105 | Fax +39 02 72016740 | P.I.: 13002100157

©2024 - Tutti i diritti riservati - Responsabile della protezione dati: dpo@lswr.it
Privacy Policy

Top