05 Aprile 2024

GDR 2024 - Le interviste di Mixer. Chef Mariutti oltre la tv: “Il mio segreto? I giovani e il territorio”

di Giulia Di Camillo


GDR 2024 - Le interviste di Mixer. Chef Mariutti oltre la tv: “Il mio segreto? I giovani e il territorio”

L'ospitalità, con le sue eccellenze sparse per tutta la penisola, sono al centro del ciclo di interviste che il nostro sito dedica alla Giornata della Ristorazione indetta da FIPE Confcommercio per il prossimo 18 maggio. La manifestazione, di cui Mixer è media partner e a cui è possibile aderire a questo link, giunge quest’anno alla sua seconda edizione.

Un ristorante può essere anche casa. È il caso dell’Osteria Turlonia, a Praturlone di Fiume Veneto in provincia di Pordenone, aperta e guidata dal 2009 dal classe ‘84 Federico Mariutti, chef figlio d’arte (nato da papà pizzaiolo e mamma cameriera) che ha fatto di un antico bar-bottega dei primi del Novecento un ristorante affermato in Friuli Venezia Giulia e non solo, che parla dei profumi e dei sapori locali, di rispetto per chi lavora la terra e le materie prime che poi le persone ritrovano trasformate nei piatti che arrivano a tavola. Con lui - la definisce “spalla destra” - la moglie Isabella, sommelier e responsabile di sala.

Federico Mariutti, che si ritrova spesso sul piccolo schermo, è anche un membro dell’Alleanza Slow Food, e nel suo background oltre al diploma alberghiero annovera esperienze in strutture alberghiere nazionali come il Gritti Palace di Venezia, il Savoy di Firenze, il Savini di Milano o anche il Rigoletto (due stelle Michelin) a Reggiolo di Reggio Emilia.

Sul sito di Turlonia scrivi: “Amo la cucina nelle sue forme più semplici e sincere”. Basterebbe questo per capire la filosofia del tuo ristorante…

L’Osteria Turlonia prende il posto di un bar-bottega dei primi del Novecento. Dove una volta si faceva tutto, si prendeva il caffè ma si faceva anche la spesa, persino con il baratto. La filosofia è stata una dall’inizio: dare voce e lustro al territorio che ci ospita, che in sostanza è dove sono nato. Attenzione, però, non parliamo di una semplice cucina tipica, ma di esprimere al massimo le potenzialità locali e dare la massima visibilità”.

Come si lavora in quest’ottica?

Dall’apertura non ci siamo mai fermati. Abbiamo sempre fatto degli sviluppi e seguito un percorso volto al miglioramento quotidiano. Parte tutto dal territorio: dopo 15 anni abbiamo già un folto numero di riferimenti di produttori che sono divenuti certezza. Ma se ho bisogno di qualcosa che non ho, lo cerco attorno a me. Nei nostri campi”.

Vai direttamente tu?

Io ho macinato, e macino ancora chilometri su chilometri per andare dai piccoli produttori e poter portare nei piatti dei miei clienti il meglio della materia prima. Ciò che conta poi, è dare un volto, una storia a queste realtà facendo storytelling. Chi lavora dietro le quinte per noi va raccontato e valorizzato nel modo opportuno. Lo facciamo anche nel nostro nuovo menù di primavera”.

Bello perché hai un team giovane, che condivide con te un’etica che per certi versi è ancora di altri tempi…

Oltre a mia moglie Isabella, il mio braccio destro, ho tra cucina e sala quattro ragazzi giovanissimi. Marina e Aurora, che sono con me dietro ai fornelli, sono rispettivamente classe 2001 e 2002. Nessuno di loro ha intenzione di scappare, lavorano con motivazione e insieme abbiamo dato vita a un bel clima”.

Oltre a formare loro, fai formazione esterna?

La faccio con Fipe, per la provincia di Pordenone sono vice presidente, così come faccio laboratori e anche showcooking. Cerco di essere sempre in piazza per mostrare a tutti cosa il nostro mestiere può offrire”.

E infatti hai fatto diversa televisione…

Sì, diverse esperienze. La tv la faccio volentieri, consente di esprimere se stessi e il territorio da cui si proviene nel mio caso. Anche questo aiuta a dare lustro alla cultura gastronomica locale”.

Nel suo percorso, l’Osteria Turlonia ha incrociato la pandemia da Covid. Come l’avete superata?

Anni difficili. Ma noi siamo stati reattivi nella risposta. Ho avuto due belle idee ripagate dai numeri. Per primo, ho inventato un delivery settimanale del mio menù in forma completamente refrigerata. In pratica: raccoglievo gli ordini, facevo le preparazioni abbattendole per poi procedere al sottovuoto. Consegnavo ogni settimana i miei piatti con le istruzioni su come rigenerarli al meglio, in modo che le persone potessero vivere un’esperienza molto simile a quando frequentavano la mia osteria”.

La seconda idea?

Le cene a tema. Consegnavamo delle dinner box sempre con le istruzioni per preparare i piatti, e poi ci collegavamo su zoom per farci compagnia, raccontando i prodotti, fino al momento della cena. Poi ovviamente lasciavo cenare tutti in pace”.

Queste cose incarnano perfettamente i valori del settore, pronto a celebrarlo il 18 maggio?

Prontissimo. Si tratta di una giornata che porta con sé un milione di valori. La ristorazione è passione, sacrifici e soprattutto convivialità. È importante poter ribadire il suo lato sociale e di legalità. Anche di leggerezza per gli ospiti”.

Il piatto che proporrai qual è?

Qualcosa da condividere, ci sto lavorando. Magari un antipasto o un secondo da mettere al centro”.

TAG: GIORNATA DELLA RISTORAZIONE,GDR 2024,OSTERIA TURLONIA,FEDERICO MARIUTTI,FIPE

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook Seguici su Instagram

Oppure rimani sempre aggiornato sul mondo del fuori casa iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

15/07/2024

A dieci anni dalla nascita e con diversi riconoscimenti nazionali e internazionali all'attivo, 50 Kalò raddoppia e apre una nuova pizzeria in Piazza della Repubblica, a Napoli. Concepita da Ciro...

12/07/2024

Meno del 10% delle imprese italiane della ristorazione utilizza un sistema di ordini e pagamenti integrato a supporto del proprio business. L'obiettivo è ridurre tempi di attesa e...

12/07/2024

A settant'anni dalla scomparsa avvenuta il 13 luglio 1954 il drinksetter di Anthology by Mavolo Riccardo Campagna omaggia Frida Kahlo con il cocktail Colibrì.

12/07/2024

Si chiude sostanzialmente in pareggio, rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, il primo semestre del 2024 per il Pinot Grigio del Nordest, con un volume pari a circa 900mila ettolitri e...

 


Una soluzione di filtrazione ad alte prestazioni in grado di soddisfare le esigenze principali nelle cucine professionali quando si parla di vapore e lavaggio. Si chiama BRITA...


Intelligente e interconnesso, capace di assicurare non solo una protezione ottimale delle macchine da caffè, ma anche una qualità costante in tazza e un servizio più efficiente. Sono i 'plus'...


Iscriviti alla newsletter!

I PIÙ LETTI

È andata all'amaro Amara la medaglia d'oro della Spirits Selection del Concours Mondial de Bruxelles: il riconoscimento, ottenuto a due anni di distanza da quello al World Liqueur Awards, è frutto...


I VIDEO CORSI







I LUNEDÌ DI MIXER

Si sente spesso dire che tra gli ingredienti fondamentali per il successo di un pubblico esercizio ce n’è uno non certo facile da reperire: l’esperienza. Se è così, allora Tripstillery va sul...


Altro che Roma e Milano: i cocktail bar piacciono e funzionano anche in piazze lontane dai circuiti classici dei grandi centri urbani e delle località turistiche famose. La prova più eclatante è...


Dal 2001 Christian Sciglio e Guido Spinello si sono dati una missione: far vivere un’esperienza autentica di una casa del Sud Italia, e precisamente siciliana, accogliendo al meglio i clienti nel...


Quanto ne sappiamo noi italiani di grappa? Troppo poco, a giudizio di Leonardo Pinto di Grappa Revolution, che in questa puntata de Il Lunedì di Mixer ci spiega come viene definito – in base...


In qualsiasi drink list che si rispetti è indispensabile inserire dei cocktail analcolici, così da rispondere alle attese di chi per motivi religiosi, di salute, culturali o semplicemente perché...



Quine srl

Direzione, amministrazione, redazione, pubblicità

Tel. +39 02 864105 | Fax +39 02 72016740 | P.I.: 13002100157

©2024 - Tutti i diritti riservati - Responsabile della protezione dati: dpo@lswr.it
Privacy Policy

Top