Riccardo Illy: «Pronti ad acquisire vini dalla lunga storia»

Dal caffè al vino: è la svolta di illy. «Il nostro gruppo conta di acquisire in futuro vini che abbiano una lunga storia: brunello di Montalcino, barolo, champagne, borgogna», ha annunciato l’imprenditore Riccardo Illy nel corso della presentazione dell’etichetta francese di champagne Taittinger (con cui l’azienda triestina ha recentemente stretto un’alleanza distributiva), organizzata in un locale di Opicina, sul Carso triestino. «Vogliamo quelli che io chiamo vini universali – ha detto Illy a La Stampa -, con un passato importante, longevi, già distribuiti a livello mondiale. Sono pochissimi i territori al mondo che danno vita a vini monovitigno: questa è la nostra vocazione. Non volgiamo solo distribuire, ma produrre direttamente» ha spiegato l’imprenditore, aggiungendo: «Speriamo di diventare soci di Taittinger (…). Nel nostro gruppo il vino ha un ruolo di lunghissimo termine: puntiamo alla crescita della corazzata illycaffè e allo stesso tempo volgiamo fare crescere più in fretta il the Damman e il cioccolato Domori. Pensiamo di reinvestire nel settore vinicolo il cash flow di queste aziende, una volta mature. Ma sarà compito dei nipotini, tra una ventina d’anni».