Quando la birra Wührer era protagonista della reclame…

Le divertenti scenette pubblicitarie della birra Wührer con Isabella Biagini e Ugo Tognazzi, ‘capellone’ nel mitico Carosello dei favolosi Anni ’60: dagli archivi della famiglia Wührer alla mostra “La birra a Brescia. Un nuovo sorso di storia tra passato e futuro”. E’ questa l’ultima anticipazione delle tante sorprese che la rassegna promette ai bresciani che ancora oggi sono legati al marchio Wührer e alla famiglia a cui esso appartenne fino agli Anni ’80.

La rassegna, che si terrà a Brescia dal 27 febbraio al 6 marzo all’Antica Birreria Wührer di v.le Bornata 46, è aperta al pubblico (1°piano, salone Pietro Wührer Junior. Da lunedì a venerdì ore 19-22; sabato e domenica ore 12-22). Ad accogliere i visitatori all’inaugurazione (27 febbario ore 11,30) saranno il titolare del locale Leo Ruocco e Federico Wührer, con la nuova birra artigianale WCesar, marchio creato da Federico sul filo di una passione mai sopita, in onore del padre Cesare, l’ultimo Wührer che lavorò con i fratelli alla Bornata.

image-33L’iniziativa giunta alla sua seconda edizione, oltre agli spot del Carosello, presenta numerose esclusive come i dadi Wührer, le preziose carte intestate di marchi acquisiti e/o fondati dai Wührer (Birra Italia, Roma e Paszkowski), le cartoline postali pubblicitarie e tante altre ‘vestigia’, che rappresentano quanto la birra fa profondamente parte, da ben oltre 150 anni, del vissuto dei bresciani e non solo. Per tutta la settimana, Antica Birreria Wührer propone il menù WCesar: raffinati piatti della tradizione birraria e gustose pizze con uno special price a partire da € 12, che comprende la degustazione della birra WCesar – L’artigianale di famiglia, nelle sue tre tipologie: Red (Italian IPA), Saison (con malto di frumento e fiocchi di avena) e Blonde (doppio malto).

www.anticabirreria.it