attualità

21 Dicembre 2022

Mense in crisi, Scarsciotti (Angem): “Il governo deve intervenire”

di Giulia Di Camillo


Mense in crisi, Scarsciotti (Angem): “Il governo deve intervenire”

Il quadro è drammatico e il governo deve intervenire”. E' l’allarme lanciato da Carlo Scarsciotti, presidente dell’associazione della ristorazione collettiva Angem legata a Fipe Confcommercio, riguardo la situazione ormai insostenibile in cui versano le imprese che lavorano con il servizio mense nelle scuole, negli ospedali e nelle Rsa.

Il colpo di grazia al settore arriva dall’inflazione, dal caro energia e dall’impennata dei costi delle materie prime alimentari (+23%), tutti fattori ormai fuori controllo per un comparto, quello della ristorazione collettiva, che conta circa 92mila lavoratori di cui l’80% donne. A soffrire di più sono le realtà che hanno siglato i contratti di appalto – con prezzi fissi e non modificabili – nel pre-pandemia e prima dell’entrata in vigore del decreto Sostegni Ter, Provvedimento che invece impone alle stazioni appaltanti di inserire nei bandi di gara clausole per la revisione dei prezzi, oggi però ancora carenti e mal applicate.

Il nostro settore possiamo definirlo energivoro, abbiamo centri cottura importanti e l’aumento delle bollette è pesante – spiega Scarsciotti – Le nostre imprese nel 2022 spenderanno 346 milioni di euro in più rispetto al 2020. Altro tema centrale è quello che riguarda le derrate alimentari e in particolare modo i prodotti della filiera biologica, o molto onerosi o difficili da reperire, perché quelle poche disponibilità che ci sono vanno in prima battuta su settori price premium e alla grande distribuzione organizzata”.

Inflazione, il costo per preparare un piatto è aumentato del 55%

Attualmente la preparazione di un piatto servito in mensa comporta un costo del +55%, su un prezzo medio a livello nazionale di 4,50 euro. “Considerato che il 75% dei contratti di appalto sono stati siglati prima dell’entrata in vigore del decreto Sostegni Ter è chiaro che il settore delle mense sta lavorando in perdita e rischia di esplodere e sparire – aggiunge il presidente di Angem – Parliamo di un servizio di interesse pubblico essenziale (ogni anno vengono serviti oltre 760 milioni di pasti all’interno di scuole, ospedali e centri di assistenza, ndr) e non vogliamo in alcun modo penalizzare le famiglie: ad oggi 5 milioni di bambini, anziani e degenti rischiano di non avere più un pasto. Inoltre, la percentuale di chi ha sottoscritto i contratti dopo il Sostegni Ter vive nel limbo delle decisioni delle stazioni appaltanti, libere di dettare le condizioni contrattuali che preferisce”.

Scarsciotti: “Servono finanziamenti canalizzati agli enti locali”

L’incontro di Angem e Fipe con il governo è costante, ma la momento fatti concreti non se ne vedono. “Siamo di fronte a una situazione inaccettabile. Sono necessari, urgentemente, finanziamenti canalizzati agli enti locali, in modo tale da concedere la revisione dei prezzi per le nostre aziende e non accollare gli aumenti alle famiglie. Senza questi fondi, che vanno a compensare gli extra costi, non usciamo da questo scenario drammatico. In tutto ciò, ovviamente, è indispensabile dare alle stazioni appaltanti una linea di indirizzo univoca, con l’obiettivo di valorizzare e ridare fiato alle migliaia di aziende del comparto”, prosegue Scarsciotti.

Qui il link alla campagna Angem-Fipe lanciata sui social media per sensibilizzare governo (e utenti) sulle condizioni in cui versa il comparto mense e richiedere un pronto intervento.

TAG: FIPE – CONFCOMMERCIO,MENSE,ANGEM,FIPE

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook Seguici su Instagram

Oppure rimani sempre aggiornato sul mondo del fuori casa iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

16/04/2024

Oroboro: si chiama così il nuovo progetto di comunicazione varato da Compagnia dei Caraibi che al suo interno annovera il blog di approfondimento Around The Blog, il booklet Tales From The Box e il...

16/04/2024

C'è la commistione tra mixology e arte alla base dell'installazione “Unlocking No. 3 Flavours”, in mostra dal 15 al 28 aprile, in occasione del FuoriSalone, all’Università Statale di...

16/04/2024

E' tempo di rinascita per la grappa. Distillato italiano per eccellenza che, dopo l'approvazione in sede europea di un testo che per la prima volta aveva inserito tutte le produzioni del mondo...

16/04/2024

Si chiama “TerritOri” il nuovo ristorante di Casa Vissani che aprirà ufficialmente le porte il prossimo 18 aprile nella Sala Rock della stessa struttura situata a Baschi (Terni). Proiettato...

 

Intelligente e interconnesso, capace di assicurare non solo una protezione ottimale delle macchine da caffè, ma anche una qualità costante in tazza e un servizio più efficiente. Sono i 'plus'...


Intelligente e interconnesso, capace di assicurare non solo una protezione ottimale delle macchine da caffè, ma anche una qualità costante in tazza e un servizio più efficiente. Sono i 'plus'...


Iscriviti alla newsletter!

I PIÙ LETTI

È andata all'amaro Amara la medaglia d'oro della Spirits Selection del Concours Mondial de Bruxelles: il riconoscimento, ottenuto a due anni di distanza da quello al World Liqueur Awards, è frutto...


I VIDEO CORSI







I LUNEDÌ DI MIXER

Si sente spesso dire che tra gli ingredienti fondamentali per il successo di un pubblico esercizio ce n’è uno non certo facile da reperire: l’esperienza. Se è così, allora Tripstillery va sul...


Altro che Roma e Milano: i cocktail bar piacciono e funzionano anche in piazze lontane dai circuiti classici dei grandi centri urbani e delle località turistiche famose. La prova più eclatante è...


Dal 2001 Christian Sciglio e Guido Spinello si sono dati una missione: far vivere un’esperienza autentica di una casa del Sud Italia, e precisamente siciliana, accogliendo al meglio i clienti nel...


Quanto ne sappiamo noi italiani di grappa? Troppo poco, a giudizio di Leonardo Pinto di Grappa Revolution, che in questa puntata de Il Lunedì di Mixer ci spiega come viene definito – in base...


In qualsiasi drink list che si rispetti è indispensabile inserire dei cocktail analcolici, così da rispondere alle attese di chi per motivi religiosi, di salute, culturali o semplicemente perché...



Quine srl

Direzione, amministrazione, redazione, pubblicità

Tel. +39 02 864105 | Fax +39 02 72016740 | P.I.: 13002100157

©2024 - Tutti i diritti riservati - Responsabile della protezione dati: dpo@lswr.it
Privacy Policy

Top