birra

14 Luglio 2022

Corpse Reviver #2, il drink che... resuscita i morti

di Stefano Fossati


Corpse Reviver #2, il drink che... resuscita i morti

Nato in epoca pre-proibizionista, il Corpse Reviver #2 (letteralmente "resuscita morti") era stato pensato originariamente per "rianimare" i bevitori dagli effetti della sbornia della sera precedente (di qui il nome). Il che significa che doveva essere bevuto di primo mattino prima di recarsi al lavoro (!).

La ricetta compare per la prima volta nel 1930 nel "Savoy Cocktail Book" del mitico Harry Craddock, in cui peraltro si avverte che "quattro Corpse Reviver bevuti uno dopo l’altro (ri)uccideranno nuovamente il resuscitato". Dimenticato per decenni, questo cocktail è stato incluso nella lista Iba nella categoria Contemporary Classics, anche se nessuno oggi raccomanderebbe di assumerlo a colazione...

Drink bilanciato in cui spicca l'aroma di limone accompagnato da una punta di assenzio, a seconda dei gusti può essere addolcito aggiungendo un pizzico di zucchero, anche se la ricetta Iba non lo contempla.

Per noi lo ha preparato Alessandro De Luca, titolare del Rufus Cocktail Bar di Milano: guarda la video ricetta.

corpse reviverLa ricetta Iba del Corpse Reviver #2

Tecnica:
Shake and Strain

Bicchiere:
Coppetta

Ingredienti:
30 ml gin
30 ml Cointreau
30 ml Lillet Blanc
30 ml succo di limone fresco
1 dash assenzio

Garnish:
Zest di arancia

L'assenzio

L’assenzio oggi non è molto diffuso. Colpa della mistificazione che ha subito negli anni. “Tra censure, notizie tendenziose e prodotti scadenti, l’assenzio nell’immaginario collettivo è considerato ancora un distillato maledetto, se non allucinogeno”, osserva Giuseppe Capotosto, brand ambassador di Bordiga, da tempo impegnato nella promozione e divulgazione dell’assenzio.

Va fatto un chiarimento. “Proibito a inizio ‘900, legalizzato nuovamente in Francia nel 2000, è un prodotto controverso. Condizionato dall’assenza di un disciplinare ufficiale, sopra le parti, che ne regoli la produzione. Situazione che ha permesso di spacciare per assenzio anche prodotti industriali mediocri realizzati con coloranti e privi di erbe naturali”, precisa Fulvio Piccinino.

Infine, ulteriore freno alla diffusione dell’assenzio è la forte richiesta di drink low alcol che mal si sposa in teoria con un distillato noto per la sua elevata gradazione alcolica. Una credenza errata. L’assenzio può avere dai 40 ai 70 gradi, intanto. E poi va dosato. In ogni caso “è apprezzato da una clientela consapevole, adulta e abituata al consumo di drink a tenore alcolico piuttosto alto e amante del sapore dell’anice”, sottolinea Luigi Barberis, titolare del Caffè degli Artisti di Alessandria.

TAG: CAFFè DIEMME,CORPSE REVIVER

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook Seguici su Instagram

Oppure rimani sempre aggiornato sul mondo del fuori casa iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

16/04/2024

Oroboro: si chiama così il nuovo progetto di comunicazione varato da Compagnia dei Caraibi che al suo interno annovera il blog di approfondimento Around The Blog, il booklet Tales From The Box e il...

16/04/2024

C'è la commistione tra mixology e arte alla base dell'installazione “Unlocking No. 3 Flavours”, in mostra dal 15 al 28 aprile, in occasione del FuoriSalone, all’Università Statale di...

16/04/2024

E' tempo di rinascita per la grappa. Distillato italiano per eccellenza che, dopo l'approvazione in sede europea di un testo che per la prima volta aveva inserito tutte le produzioni del mondo...

16/04/2024

Si chiama “TerritOri” il nuovo ristorante di Casa Vissani che aprirà ufficialmente le porte il prossimo 18 aprile nella Sala Rock della stessa struttura situata a Baschi (Terni). Proiettato...

 

Intelligente e interconnesso, capace di assicurare non solo una protezione ottimale delle macchine da caffè, ma anche una qualità costante in tazza e un servizio più efficiente. Sono i 'plus'...


Intelligente e interconnesso, capace di assicurare non solo una protezione ottimale delle macchine da caffè, ma anche una qualità costante in tazza e un servizio più efficiente. Sono i 'plus'...


Iscriviti alla newsletter!

I PIÙ LETTI

È andata all'amaro Amara la medaglia d'oro della Spirits Selection del Concours Mondial de Bruxelles: il riconoscimento, ottenuto a due anni di distanza da quello al World Liqueur Awards, è frutto...


I VIDEO CORSI







I LUNEDÌ DI MIXER

Si sente spesso dire che tra gli ingredienti fondamentali per il successo di un pubblico esercizio ce n’è uno non certo facile da reperire: l’esperienza. Se è così, allora Tripstillery va sul...


Altro che Roma e Milano: i cocktail bar piacciono e funzionano anche in piazze lontane dai circuiti classici dei grandi centri urbani e delle località turistiche famose. La prova più eclatante è...


Dal 2001 Christian Sciglio e Guido Spinello si sono dati una missione: far vivere un’esperienza autentica di una casa del Sud Italia, e precisamente siciliana, accogliendo al meglio i clienti nel...


Quanto ne sappiamo noi italiani di grappa? Troppo poco, a giudizio di Leonardo Pinto di Grappa Revolution, che in questa puntata de Il Lunedì di Mixer ci spiega come viene definito – in base...


In qualsiasi drink list che si rispetti è indispensabile inserire dei cocktail analcolici, così da rispondere alle attese di chi per motivi religiosi, di salute, culturali o semplicemente perché...



Quine srl

Direzione, amministrazione, redazione, pubblicità

Tel. +39 02 864105 | Fax +39 02 72016740 | P.I.: 13002100157

©2024 - Tutti i diritti riservati - Responsabile della protezione dati: dpo@lswr.it
Privacy Policy

Top