cocktail

31 Ottobre 2017

Mixing in Paris: Up & Down by Oscar Quagliarini

di Nicole Cavazzuti


Mixing in Paris: Up & Down by Oscar Quagliarini

Oscar Quagliarini è il responsabile del lancio di Herbarium, bar parigino dell'hotel National Des Arts Et Metiers, appartenente al gruppo di Julien Cohen. Ed è protagonista di una nuova sezione della rubrica Mixing in the world, ovvero: Mixing in Paris. Il tema della seconda puntata? Uno sguardo agli spirits: up & down a Parigi. Clicca qui se ti sei perso la prima puntata di Mixing in Paris.

Oscar Quagliarini, partiamo dalla vodka.
A Parigi non solo resta stabile il consumo, ma c’è ancora molta ricerca di prodotti premium e di nicchia.

E il gin?
Alla francese, ça va. Diciamolo, non ha preso piede come in Spagna e in Italia. Certo non manca una buona offerta di prodotti, ma a Parigi al gin si preferisce il rum.

A proposito di rum. Va di più liscio o in cocktail?
Il rum è molto richiesto soprattutto come base per drink.

Parliamo di whisky.
Se dici whisky a Parigi, penso subito alla Maison du Whisky. Fondata nel 1956, è una vera e propria istituzione parigina, tramandata di generazione in generazione per la gioia dei veri intenditori. Ed è una meta imprescindibile per barman e appassionati di questo distillato perché si possono studiare e degustare oltre mille marche. A Parigi il whisky piace, sia liscio che come base per i cocktail, non a caso in bottigliera all'Herbarium offriamo una selezione di 70 whisky scozzesi.

Tequila e mezcal, invece?
Si trovano varie bottiglie di buona qualità, ma non sono molto richieste i cocktail con tequila e mezcal, fatta eccezione per i locali specializzati, dove vengono consumate sia come base per i drink, sia per il consumo liscio.

E veniamo alla cachaça.
Super up: a Parigi uno dei cocktail più richiesto è la Caipirinha.

Altri distillati di tendenza?
Vanno moltissimo vermouth e bitter.
Nel campo bitter, Aperol la fa da padrone, trainato dallo Spritz che a Parigi è ancora più consumato che a Padova.

Davvero?
Purtroppo sì, per come la penso io! Ti dico solo che da Grazie utilizziamo quasi 700 bottiglie all'anno di Aperol.

TAG: APEROL,OSCAR QUAGLIARINI,MIXING IN THE WORLD,MIXING IN PARIS

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook Seguici su Instagram

Oppure rimani sempre aggiornato sul mondo del fuori casa iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

21/02/2024

È Joshua Perrone, Bar Manager del ristorante asiatico Hato, il vincitore della seconda edizione della St. Moritz Cocktail Week, evento supportato da St. Moritz Tourismus AG che celebra l’arte...

21/02/2024

125 buyer provenienti dall'estero, 600 brand di food & beverage dislocati in 14 padiglioni e le manifestazioni concluse con +20% di visite professionali rispetto al 2023: con questi numeri si è...

20/02/2024

È ormai un appuntamento annuale quello che la famiglia dello chef Nino Rossi organizza nella sua magione a Santa Cristina d’Aspromonte, in Calabria. È la sede del ristorante stellato Qafiz ma in...

20/02/2024

Sarà Italia Zuccheri - Coprob, in rappresentanza di una cooperativa di 7000 aziende agricole che gestiscono l’approvvigionamento della materia prima da agricoltura sostenibile certificata e da...

 

Iscriviti alla newsletter!

I VIDEO CORSI







I LUNEDÌ DI MIXER

Altro che Roma e Milano: i cocktail bar piacciono e funzionano anche in piazze lontane dai circuiti classici dei grandi centri urbani e delle località turistiche famose. La prova più eclatante è...


Dal 2001 Christian Sciglio e Guido Spinello si sono dati una missione: far vivere un’esperienza autentica di una casa del Sud Italia, e precisamente siciliana, accogliendo al meglio i clienti nel...


Quanto ne sappiamo noi italiani di grappa? Troppo poco, a giudizio di Leonardo Pinto di Grappa Revolution, che in questa puntata de Il Lunedì di Mixer ci spiega come viene definito – in base...


In qualsiasi drink list che si rispetti è indispensabile inserire dei cocktail analcolici, così da rispondere alle attese di chi per motivi religiosi, di salute, culturali o semplicemente perché...


Gli ingredienti e gli strumenti sono quelli di sempre: latte, caffè, lattiera e una tazza. A fare la differenza è l’abilità del barista e la sua conoscenza della tecnica di decorazione per...



Quine srl

Direzione, amministrazione, redazione, pubblicità

Tel. +39 02 864105 | Fax +39 02 72016740 | P.I.: 13002100157

©2024 - Tutti i diritti riservati - Responsabile della protezione dati: dpo@lswr.it
Privacy Policy

Top