caffè

07 Dicembre 2023

Ode al caffè napoletano: al via il nuovo training center di Kimbo

di Anna Muzio


Ode al caffè napoletano: al via il nuovo training center di Kimbo

Diffondere la cultura dell’espresso napoletano con un approccio mutuato dal mondo del vino, offrendo ai suoi frequentatori approfondimenti sulle caratteristiche e peculiarità della Canephora/Robusta. E' la mission del nuovo Kimbo training center che Mixerplanet ha avuto la possibilità di visitare, coprendo una realtà che sorge proprio a lato dello stabilimento del torrefattore a Scampia.

UN CENTRO NUOVO DI ZECCA

Siamo all’interno dello storico stabilimento industriale nonché quartier generale dell’azienda, nata a Napoli nel 1963 nel Rione Sanità, a metà strada tra Scampia e Melito di Napoli. Un’area non facile su cui però l’azienda intende continuare a scommettere. Parlando addirittura di una “doppia missione": quella di elevare la Robusta ma anche un territorio degradato.

Ospitato in una moderna palazzina che contiene anche i laboratori di ricerca e sviluppo, il Kimbo training center è strutturato in due aree didattiche: un’area tecnica con dieci postazioni altamente professionali e un’area per la formazione teorica con cinquanta posti a sedere e i necessari servizi audiovisivi.

Non manca nemmeno un vero e proprio bar dove realizzare le diverse metodologie di estrazione del caffè, prezioso non solo per i focus specializzati e le analisi sensoriali sulle varie miscele ma anche per le future attività dedicate alla mixology. Ad esempio, abbiamo ammirato con curiosità una particolarissima macchina per il “cold brew alla napoletana” che parte dalla tipica cuccuma.

PER BARISTI, MA NON SOLO

Tra le novità della nuova stagione formativa del centro, i corsi di formazione SCA e i corsi rivolti a sommelier, ristoratori, professionisti e appassionati di settori limitrofi al caffè come birra, cocktail, cioccolato, formaggio, olio. Per tutti i target, l'idea è di aumentare la consapevolezza della materia prima ma anche della valenza culturale e territoriale della 'tazzulella'. Che non a caso sarà celebrata per il secondo anno grazie alla 'Giornata cittadina della cultura del caffè napoletano', istituita dal Comune di Napoli domenica 10 dicembre.

Ma non è finita, perchè attraverso il 'nuovo' centro si vuole coinvolgere anche il consumatore finale. “E' un percorso che intendiamo fare a piccoli passi. Partendo dal basso per creare consapevolezza verso un rito quotidiano che si accompagna a una materia prima misconosciuta e, anche, a tante false concezioni", ha detto a Mixerplanet Tommaso Luongo, presidente di AIS Campania e parte del Comitato Scientifico del Training Center, composto a suo volta dai coffee expert Francesca BiekerAndrej Godina e Mauro Illiano.

ODE ALLA CANEPHORA

Centrale alla produzione della miscela napoletana, la varietà Canephora o Robusta è stata a lungo considerata inferiore dal punto di vista sensoriale. "CIò nonostante possiede alcune caratteristiche di corpo e certe note sensoriali, tattili e di retrogusto atte a bilanciare quella acidità dell’Arabica che non sempre incontra il gusto italiano”, ha detto Illiano.

Occorre riscoprire la varietà Robusta della Coffea Canephora quale specie botanica che può risollevare le sorti dei Paesi di produzione e lo storytelling da raccontare al consumatore – ha aggiunto Godina, in collegamento dalla piantagione Umami Area in Honduras -. Spesso la specie Arabica e la specie Canephora sono state considerate come pari, creando confusione nel mercato e non conferendo il giusto posto a nessuna delle due. Per questo motivo, oggi, è fondamentale per tutto il settore differenziare le due specie botaniche e valorizzarle per le loro singole qualità e proprietà sensoriali".

Abbiamo sempre investito nella ricerca – ha sottolineato Mario Rubino, attuale presidente di Kimbo SPA – ma oggi inauguriamo un ciclo, perché riteniamo più che mai come era sia necessaria la diffusione di una vera cultura del caffè, come da tempo ormai si fa per il vino”. Il coinvolgimento di Ais Campania consente di usufruire di un patrimonio di approccio alla didattica, linguaggio e nobilitazione della materia prima che, evidentemente, al caffè ancora manca. Non è stata casuale, dunque, l’apertura del Training Center non solo nel 2023, anno del sessantesimo anno di vita di Kimbo, ma anche a prologo della "Giornata cittadina della cultura del caffè napoletano".

TAG: KIMBO,KIMBO TRAINING CENTER

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook Seguici su Instagram

Oppure rimani sempre aggiornato sul mondo del fuori casa iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

12/07/2024

Meno del 10% delle imprese italiane della ristorazione utilizza un sistema di ordini e pagamenti integrato a supporto del proprio business. L'obiettivo è ridurre tempi di attesa e...

12/07/2024

Obiettivo whisk(e)y, o whisky. Comunque lo vogliate chiamare sarà lui il protagonista del Bar Convent Berlin 2024, la manifestazione in programma nella capitale tedesca dal 14 al 16 ottobre...

11/07/2024

I consumi di vino negli Stati Uniti stentano a ripartire: il saldo tendenziale dei primi cinque mesi del 2024 basato sugli ordini dei magazzini da parte di Horeca e grande distribuzione segna un -8%...

11/07/2024

Il Pulp & Purple di Omar Vesentini, proprietario dell’Hemingway Cocktail Bar di Como, è il miglior signature cocktail della quinta edizione della Como Lake Cocktail Week. Il bartender ha...

 


Una soluzione di filtrazione ad alte prestazioni in grado di soddisfare le esigenze principali nelle cucine professionali quando si parla di vapore e lavaggio. Si chiama BRITA...


Intelligente e interconnesso, capace di assicurare non solo una protezione ottimale delle macchine da caffè, ma anche una qualità costante in tazza e un servizio più efficiente. Sono i 'plus'...


Iscriviti alla newsletter!

I PIÙ LETTI

È andata all'amaro Amara la medaglia d'oro della Spirits Selection del Concours Mondial de Bruxelles: il riconoscimento, ottenuto a due anni di distanza da quello al World Liqueur Awards, è frutto...


I VIDEO CORSI







I LUNEDÌ DI MIXER

Si sente spesso dire che tra gli ingredienti fondamentali per il successo di un pubblico esercizio ce n’è uno non certo facile da reperire: l’esperienza. Se è così, allora Tripstillery va sul...


Altro che Roma e Milano: i cocktail bar piacciono e funzionano anche in piazze lontane dai circuiti classici dei grandi centri urbani e delle località turistiche famose. La prova più eclatante è...


Dal 2001 Christian Sciglio e Guido Spinello si sono dati una missione: far vivere un’esperienza autentica di una casa del Sud Italia, e precisamente siciliana, accogliendo al meglio i clienti nel...


Quanto ne sappiamo noi italiani di grappa? Troppo poco, a giudizio di Leonardo Pinto di Grappa Revolution, che in questa puntata de Il Lunedì di Mixer ci spiega come viene definito – in base...


In qualsiasi drink list che si rispetti è indispensabile inserire dei cocktail analcolici, così da rispondere alle attese di chi per motivi religiosi, di salute, culturali o semplicemente perché...



Quine srl

Direzione, amministrazione, redazione, pubblicità

Tel. +39 02 864105 | Fax +39 02 72016740 | P.I.: 13002100157

©2024 - Tutti i diritti riservati - Responsabile della protezione dati: dpo@lswr.it
Privacy Policy

Top