spirits

01 Febbraio 2024

Armagnac, Sarzi Amadè e Domaine Tariquet celebrano 40 anni di partnership

di Anna Muzio


Armagnac, Sarzi Amadè e Domaine Tariquet celebrano 40 anni di partnership

In una serata multisensoriale, a Milano a The Doping Bar, la degustazione di quattro etichette monovitigno di Bas-Armagnac Domaine Tariquet si è intrecciata con la musica jazz del maestro Sandro Cerino, polistrumentista e compositore di musica classica e jazz e arrangiatore di fama internazionale.

Così l’importatore Sarzi Amadé ha voluto porre l’attenzione su un distillato antico ma dalle grandi potenzialità, indicato da molte classifiche come uno dei distillati da tenere d’occhio nel 2024.

ALLE ORIGINI DELL'ARMAGNAC

Tutta la presentazione corre sul filo del terroir e del cépage, il vitigno. Florence Boucheron, export manager, ha presentato, evidemment en francais, la storia affascinante di un Domaine che dal 1683 si dedica alla produzione di Armagnac nella regione di Guascogna e che dal 1912 è proprietà della famiglia Grassa.

La zona dell’Armagnac è divisa in tre sottozone – Haut Armagnac, Armagnac Ténarèze e Bas Armagnac – di cui, come ci ha tenuto a precisare Alessandro Sarzi Amadé, patron della casa distributrice milanese del Domaine, l’ultima è la più prestigiosa “perché fatta di terreni sabbiosi, più vicini all’Oceano”.

Ogni varietà di uva, proveniente esclusivamente dai vigneti del Domaine, è distillata in un tradizionale alambicco di rame per Armagnac, riscaldato a legna, e invecchiata nelle cantine centenarie in botti nuove di rovere francese a grana fine con tostatura leggera. Il colore che varia con l’invecchiamento è assolutamente naturale e rilasciato dai legni. La filosofia della famiglia Grassa è quella di preservare la freschezza e il potenziale aromatico delle uve. 

La pazienza, il tempo che passa è la forza dell’Armagnac e poi la vicinanza alla terra, l’Armagnac rappresenta davvero il terroir”, dice Boucheron.

I 4 ARMAGNAC IN DEGUSTAZIONE

Sono tutti monovitigno con invecchiamenti diversi e progressivi


10 anni Ugni blanc 100%, 49,5°

L’Ugni Blanc è vitigno più caratteristico dell’Armagnac e conferisce freschezza, delicatezza e giovinezza.Al naso si percepiscono note di burro e ananas tostato. Al palato caffè, pane tostato e pepe di Cayenna. Colonna sonora: Interpretazione di Cerino del tema della Primavera di Vivaldi in chiave jazz.

18 anni Plant de Graisse 100%, 49,3°

Il Plant de Graisse è un rarissimo vitigno antico, che dopo la crisi filossera era stato per lo più rimpiazzato da vitigni diffusi in zona come il Colombe e dimenticato. È stato ripiantato dalla famiglia Grassa nel 2001: “è in grado di donare una grande finezza” secondo Boucheron rivela una stupefacente diversità aromatica, sostenuta dalla grassezza tipica del vitigno e una grande persistenza al palato. Al naso note di buccia d'arancia, spezie, cacao amaro e liquirizia al palato. Colonna sonora: Joseph Kosma / Jacques Prévert, Les feuilles morts.

20 anni Baco 100%, 42°

Il Baco è un vitigno della zona ma raramente viene usato in purezza per l’Armagnac. “È un vitigno appassionante che dona struttura, corposità e profondità, adatto all’invecchiamento”. Al naso ricorda le spezie, il pepe e lo zenzero. Al palato è caratterizzato da arancia amara e spezie. Colonna sonora: Sandro Cerino, Ritmo speziato.

25 anni Pure Folle Blanche 100%, 42°

È l’ultimo nato, una sfida per il lungo invecchiamento. Un vitigno prefilossera che ha rischiato l’estinzione perché, racconta Florence Boucheron, è “difficile, complesso, fragile, sensibile al gelo e alle malattie. Ma garantisce grande eleganza e finezza. Con i 25 anni si raggiunge un nuovo livello di maturità e rotondità, sono esaltate le note floreali e anche il pepe, ma in modo dolce”. La famiglia Grassa ci crede talmente tanto che ha vinificato a Pure Folle Blanche 25 ettari dei suoi 110 totali. Per dare un’idea, questo vitigno copre solo il 5% della produzione totale di Armagnac. Al naso: caramello e aromi di pasticceria, frutti a nocciolo, frutta secca e spezie.Da degustare dopo i pasti, con un sigaro o del cioccolato amaro. Colonna sonora: Duke Ellington, In a Sentimental Mood.

CHI E' SARZI AMADE'

Da 40 anni importatore di Domaine Tariquet, dal 1966 Sarzi Amadè e attiva nella distribuzione di grandi vini e distillati su tutto il territorio nazionale. Una realtà familiare nata dalla passione di Nicola Sarzi Amadè, affiancato sin dal principio dalla moglie Gabriella.

Dopo avere operato su scala regionale con prodotti vinicoli made in Italy, Nicola inizia a viaggiare in Francia dove, racconta il figlio Alessandro, inizia a visitare cantine ed enoteche e a prendere contatti diretti con i vignerons. Oggi sono quasi 400 le cantine selezionate in tutto il mondo, con la Francia al primo posto, seguita da Portogallo, Germania, Stati Uniti e Spagna.

Tra le collaborazioni in atto ci sono in Italia Aldo Conterno e Benanti, in Francia quasi 250 cantine tra cui Petrus, Château D’Yquem, Domaine Armand Rousseau, Domaine Leflaive e Domaine Comte de Vogüé, in Portogallo varie tipologie di Porto e produttori di acquavite e distillati come Cognac, Bas Armagnac, Calvados, Rum caraibici e Whisky scozzesi.

Oggi alla guida della società ci sono i figli di Nicola e Gabriella, Claudia e Alessandro.L’headquarter distributivo, con un’estensione di più di 2000 metri quadrati, è nel centro di Milano e garantisce alle oltre 600.000 bottiglie conservate una temperatura ideale costantemente monitorata. 

TAG: BAS-ARMAGNAC,SARZI AMADè,ALESSANDRO SARZI AMADè,DOMAINE TARIQUET

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook Seguici su Instagram

Oppure rimani sempre aggiornato sul mondo del fuori casa iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

24/06/2024

Tutela del patrimonio regionale, della semplicità e attenzione alla stagionalità degli ingredienti: sono tutti qui gli elementi chiave del nuovo menu estivo di Daniel Canzian,...

24/06/2024

Con 3.085 tagliandi, Franco Gallamini del Bar Rita di via Ravegnana, a Ravenna, si conferma il barista più votato della provincia, come avvenuto già lo scorso anno, conquistando il primo...

24/06/2024

Si chiama Wingman la nuova session IPA del birrificio scozzese BrewDog: a caratterizzarla sono frutti tropicali, le note di pino e l’intenso aroma agrumato. Il risultato è una birra rinfrescante,...

24/06/2024

Un nuovo progetto a 360° gradi che, attraverso la ristorazione e le filiere che le girano intorno, si impegna a valorizzare il territorio di Cavallino Treporti (Ve) e della laguna di Venezia. Si...

 


Una soluzione di filtrazione ad alte prestazioni in grado di soddisfare le esigenze principali nelle cucine professionali quando si parla di vapore e lavaggio. Si chiama BRITA...


Intelligente e interconnesso, capace di assicurare non solo una protezione ottimale delle macchine da caffè, ma anche una qualità costante in tazza e un servizio più efficiente. Sono i 'plus'...


Iscriviti alla newsletter!

I PIÙ LETTI

È andata all'amaro Amara la medaglia d'oro della Spirits Selection del Concours Mondial de Bruxelles: il riconoscimento, ottenuto a due anni di distanza da quello al World Liqueur Awards, è frutto...


I VIDEO CORSI







I LUNEDÌ DI MIXER

Si sente spesso dire che tra gli ingredienti fondamentali per il successo di un pubblico esercizio ce n’è uno non certo facile da reperire: l’esperienza. Se è così, allora Tripstillery va sul...


Altro che Roma e Milano: i cocktail bar piacciono e funzionano anche in piazze lontane dai circuiti classici dei grandi centri urbani e delle località turistiche famose. La prova più eclatante è...


Dal 2001 Christian Sciglio e Guido Spinello si sono dati una missione: far vivere un’esperienza autentica di una casa del Sud Italia, e precisamente siciliana, accogliendo al meglio i clienti nel...


Quanto ne sappiamo noi italiani di grappa? Troppo poco, a giudizio di Leonardo Pinto di Grappa Revolution, che in questa puntata de Il Lunedì di Mixer ci spiega come viene definito – in base...


In qualsiasi drink list che si rispetti è indispensabile inserire dei cocktail analcolici, così da rispondere alle attese di chi per motivi religiosi, di salute, culturali o semplicemente perché...



Quine srl

Direzione, amministrazione, redazione, pubblicità

Tel. +39 02 864105 | Fax +39 02 72016740 | P.I.: 13002100157

©2024 - Tutti i diritti riservati - Responsabile della protezione dati: dpo@lswr.it
Privacy Policy

Top