Paola Iezzi (ex Paola & Chiara): Ristoratori, curate le luci FOTO

Paola Iezzi (ex Paola & Chiara): Ristoratori, curate le luci FOTO

Da bambina Paola Iezzi sognava di diventare chef. Poi la passione per la musica ha preso il sopravvento e 21 anni fa ha debuttato a Sanremo con la sorella Chiara (la bionda del duo) con il brano Amici come prima. Vi dice niente? Tormentone in radio, restò in cima alle classifiche di vendita per mesi.

Dopo lo scioglimento del duo, cinque anni fa, Paola Iezzi ha intrapreso la carriera di solista e di DJ, nonché coltivato l’interesse per la moda e la fotografia, diventando un’icona fashion con oltre 45 mila follower su Instagram. La incontriamo al Party Pop organizzato da Michele Chiocciolini nel suo negozio di borse in Brera, a Milano (via Ponte Vetero 23).

Paola Iezzi (da Instagram)

Se ti dico… ristorante?
Potremmo parlare per ore di cucina! Da bambina sognavo di diventare chef, poi la passione per la musica ha preso il sopravvento. Detto questo, cucino discretamente e ritengo il cibo uno dei piaceri della vita. In questa logica, per me il ristorante è un’occasione per condividere un’esperienza che oltre a coinvolgere i sensi è anche una forma di cultura.

Con chi preferisci andare al ristorante, in coppia o con gli amici?
In generale con gli amici!

Che tipo di ristorante preferisci?
Sono un’esteta, sono attratta dal bello. Mi fidelizzano i ristoranti dove oltre alla qualità del cibo trovo anche un’illuminazione curatissima, un arredo armonioso e una musica di sottofondo adeguata.

Trattoria o ristorante chic?
Preferisco gli ambienti conviviali, curati, ma non troppo formali.

Dove, al contrario, non torni più?
Per me la luce è essenziale: se l’illuminazione è troppo forte non torno.

Tre indirizzi dove ci consigli di cenare?
Tutti a Milano. Adoro l’Aromando Bistrot, in via Moscati. Ormai il titolare Savio, ex sommelier di Carlo Cracco, è diventato un amico.
Per gli appassionati di carne, vi suggerisco l’argentino El Porteño: è famoso per la carne alla griglia (salamelle, filetto, costata…) servita con cinque contorni in assaggio, ma c’è anche menu vegetariano! Oltre a un’ampia scelta di vini argentini c’è anche un’interessante lista cocktail.
Dedicato a chi ama la cucina etnica, provate Rebetiko, una piccola taverna greca in via Cagnola dove oltre a una cucina di qualità troverete un ambiente molto piacevole.

Articoli correlati

La prima passione di Davide Silvestri è stata la recitazione, ma il richiamo per il mondo della birra ha avuto la meglio. Ecco perché...

Oggi le formule più diffuse nella fascia predinner sono l’apericena con buffet e l’aperitivo tradizionale con piattino al tavolo.APERICENA CON BUFFET L’apericena è una valida...

L’ex concorrente del GF Vip Ignazio Moser ci parla di vino, di ristoranti e di buona cucina cominciando… dal suo rapporto con la moda.Ha...

L’attrice Giglia Marra, fidanzata del leader dei Tiromancino, traccia la mappa dei locali dove ama cenare con il suo uomo, ex di Claudia Gerini,...

Alessandro Borghese, che ha aperto da poco il ristorante Il lusso della semplicità, ci parla dei trend della ristorazione e di come affermarsi nel...

Il bartender Fabio Brugnolaro ( protagonista anche della sezione Mixing in Bangkok della rubrica di Mixing in the world) non ha dubbi: "Il modo...

Nicola Santini traccia le regole di bon ton dietro al bancone e racconta: "Mi sono avvicinato al mondo del bere miscelato grazie a Marina...
video

Il bartender di fama internazionale Dom Costa in questa video intervista ci parla del mondo del bere miscelato contemporaneo. Tra tendenze, riflessioni e commenti.Dal...