Vittorio Brumotti, da Striscia a Expo 2015

“Sono davvero felice di essere di nuovo a Expo Milano 2015, per me incontrare tanta gente e vivere in un ambiente così sereno e positivo svolge un’azione terapeutica e mi aiuta a guarire”. Con queste parole Vittorio Brumotti (nelle foto di Daniele Mascolo), campione di bike trial e presente al sito espositivo per girare alcune puntate della trasmissione tv “Paperissima Sprint”, ha salutato il Commissario Unico delegato del Governo di Expo Milano 2015, Giuseppe Sala, che si è voluto sincerare di persona delle sue condizioni fisiche dopo il brutto episodio che lo ha visto protagonista lo scorso mese di agosto.

“Mi sto riprendendo lentamente – ha aggiunto Brumotti, Ambassador di Expo Milano 2015 -, dopo l’operazione ho riacquistato quasi completamente la vista all’occhio destro e tornare al lavoro mi aiuta sicuramente a vivere il futuro con maggior ottimismo”. L’Esposizione Universale è la sua prima uscita pubblica dopo l’incidente: “La gente mi regala tanto affetto, non chiede più l’autografo ma si informa sul mio stato di salute. Una soddisfazione enorme: ora non dirò più ‘a bombazza’ ma ‘sto bene grazie’”.

IMG-20150909-WA004Vittorio Brumotti (Finale Ligure, 14 giugno 1980) è un campione di bike trial e un personaggio televisivo italiano. Inviato di Striscia la notizia dal 2008, noto con il nome di 100% Brumotti, è campione di bike trial e detentore di 10 record mondiali riconosciuti dal Guinness dei Primati. È inoltre insegnante di informatica.Nato a Finale Ligure, vive a Boissano in provincia di Savona; a 11 anni comincia a praticare bike trial. Tra il 2007 e il 2008 ha compiuto un viaggio negli Stati Uniti con lo scopo di aggiudicarsi la “benedizione” da parte del pluripremiato mountain biker Hans Rey, incontrando altri personaggi come Ryan Leech e Jeff Lenosky. Dal suo viaggio negli Stati Uniti è stato tratto un DVD. È entrato tre volte nel Guinness dei Primati grazie ad alcune imprese sportive.

Il 6 dicembre 2008, al Motor Show di Bologna si è cimentato superando 28 ostacoli e il 17 maggio 2009 in Sardegna si è tuffato da 17 metri con la bici nelle acque antistanti la Grotta del Bue Marino a Cala Gonone. Poco tempo dopo è tornato in Sardegna per un nuovo record: sulla sommità della guglia naturale di Punta Caroddi, un picco a circa 150 metri sul livello del mare, ha effettuato 71 saltelli sulla sola ruota posteriore. Il suo primo record è stato presentato al programma Lo show dei record condotto da Barbara d’Urso. A fine agosto 2011 in Valtellina legato in sicurezza con alcune guide alpine, è partito dal Rifugio Casati posto a 3.269 metri e dopo 6 ore ha raggiunto la vetta a 3.769 metri del Monte Cevedale lungo la via normale senza mai mettere piede a terra, alternando pedalate (su gomme chiodate) a salti di crepacci.