Three Dreamers, il nuovo rosso d’eccellenza di Fantini

Il prossimo 18 febbraio si celebrerà il Global Drink Wine Day, la giornata dedicata al vino che “global” non lo è per davvero, essendo ricorrenza nata e diffusa soprattutto negli Stati Uniti d’America, ma sempre più winelovers del resto del mondo segnano comunque la data sul calendario.

Ecco perché, qualche mese fa, un sito di enoappassionati australiani ha lanciato una sorta di “decalogo” del Drink Wine Day, con l’idea appunto di trasformarlo sempre più da evento nazionale statunitense a globale. 

 

Quale etichetta Fantini poteva portare all’attenzione del pubblico di winelovers di tutto il pianeta, in occasione del Global Drink Wine Day 2022, se non Three Dreamers? Si tratta del nuovissimo fiore all’occhiello del gruppo, uno straordinario rosso da uve Montepulciano d’Abruzzo biologiche appassite con la stessa tecnica dell’Amarone. È appena stato lanciato sul mercato, ma gli esperti che l’hanno assaggiato in anteprima l’hanno trovato semplicemente eccellente. Dicono quelli di Fantini: «Three Dreamers è la tenacia del passato, l’innovazione del presente e l’ambizione del futuro. È ciò che siamo e saremo: la sintesi perfetta di sapere e sapori».

Three Dreamers by Fantini dunque come vino d’eccellenza e come celebrazione di una straordinaria impresa italiana. Già la prima produzione che sta raggiungendo il mercato – vendemmia 2018 – prevede una bottiglia iconica, dal design completamente nuovo; l’etichetta riproduce una sorta di portale, con la toppa per la chiave; quest’ultima tintinna appesa al collarino, come dire evocativamente: “Usami per aprire la serratura ed entrare in questo sogno, il nostro sogno”.