cocktail

05 Dicembre 2022

Gli spirits di Opificio Fred per una mixology naturale

di Jessika Pini


Gli spirits di Opificio Fred per una mixology naturale

Spirits artigianali e con ingredienti di prima qualità, provenienti dal territorio friulano e italiano sono il tratto distintivo dei prodotti di Federico Cremasco. Tra le novità il Vermouth aromatizzato al miele di castagno, il bitter addolcito con il melograno e in primavera una tonica speciale

Prosegue la crescita di Opificio Fred, distintiva azienda friulana produttrice di spirits artigianali con ingredienti di alta qualità. Gin, bitter, vermouth, amaro e liquori frutto della meticolosa ricerca di Federico Cremasco, erborista, alchimista e distiller, capace di esaltare le qualità organolettiche del patrimonio botanico locale e italiano. Le materie prime vegetali che Fred utilizza nei suoi prodotti provengono dal suo orto botanico, dalle colline e dai boschi che circondano Polcenigo, paese di risorgiva in provincia di Pordenone, oppure dalle zone più vocate d’Italia. La capacità e la pazienza di Fred di creare degli equilibri perfetti, anche tra un numero rilevante di botaniche, ha generato prodotti premium per la mixology di qualità che si differenziano dall’ampia offerta di mercato di queste referenze.

Botaniche in equilibrio perfetto

Pensato per il classico Negroni il trittico della linea Fred Jerbis. Gin 43, tra i gin in commercio con il maggior numero di botaniche, si caratterizza per la colorazione giallo-paglierina data dall’infusione a freddo dei fiori d’arancio e zafferano. Grazie al recente acquisto di un nuovo alambicco Federico Cremasco porta la propria capacità produttiva giornaliera a 1.000 litri. Vermut 25 invece, realizzato con un vino autoctono friulano di alta qualità, il Verduzzo, presenta 18 gradi ed è composto da 25 erbe, con un affinamento del prodotto di quasi 1 anno. Nella nuova versione viene proposto con l’aggiunta di miele di castagno. Infine troviamo Bitter addolcito con il melograno sia per spritz che per cocktail.

Nell’autunno del 2021 è stata lanciata la linea di liquori Fred Alkemil. Realizzata artigianalmente con botaniche friulane seguendo un’antica ricetta del XIX secolo, la nuova linea di liquori è composta da Curaçao Imperiale, Rosolio di Bergamotto, Crème de Cassis, Ratafia alla ciliegia, Maraschino, Creme Violette, Liqueur Peach e Alchermes.

La prossima primavera, inoltre, Opificio Fred lancerà una tonica molto speciale, recuperando l’antica ricetta del 1953 della Gorgazzina nata proprio a Polcenigo.

Il territorio al centro

Il Friuli è una delle regioni botanicamente più affascinanti d’Italia e da secoli questo patrimonio è stato sfruttato nella tradizione locale”, spiega Cremasco che con la sua attività ha contribuito a valorizzare il territorio.

A Polcenigo nel cuore della zona collinare delle Prealpi friulano, Fred ha realizzato un giardino botanico, la distilleria, un cocktail bar, dove la drink list pensata con i suoi prodotti è abbinata a focacce gourmet, e di recente ha rilevato la pizzeria, la cui specialità è una pizza a lunga lievitazione e cotta in teglia, proposta anch’essa con farciture gourmet o classiche. Come aperitivo sono proposte colorate varianti dello spritz (Prosecco-violetta, Prosecco-bergamotto, Prosecco Alchermes, ecc.) con la linea Fred Alkemil.

100% ecosostenibile

Nel 2023 Opificio Fred si certificherà 100% ecosostenibile. Il percorso verso la sostenibilità vede un impegno lungo tutta la filiera per consegnare al consumatore prodotti artigianali, bio, ecosostenibili, no waste ed eco-friendly. Le botaniche vengono essiccate, macerate e distillate in corrente di vapore, senza l’aggiunta di coloranti o di altre sostanze chimiche. Mentre le bottiglie, tutte da 700 ml, sono realizzate in vetro riciclato, con tappo in faggio naturale e gli imballaggi in cartone riciclato all’80%, fermo restando l’obiettivo di portare anche il packaging al 100% della riciclabilità. L’energia utilizzata nella produzione arriva da fonti rinnovabili e non vengono utilizzati combustibili fossili.

Oggi la linea Fred Jerbis, presente sul mercato italiano e in continua espansione su quello estero, in particolare negli Usa, si è allargata anche a nuovi spirit – Gin 7 Acacia Barrel, Fernet 25 Chestnut Barrel, Vermut 16 Cherry Barrel – che ricalcando le caratteristiche di tutti i prodotti di Opificio Fred, si presentano equilibrati, facili da bere, ma allo stesso tempo ricchi di profumi e sfumature.

TAG: FRED JERBIS,OPIFICIO FRED,FRED ALKEMIL,FEDERICO CREMASCO

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook Seguici su Instagram

Oppure rimani sempre aggiornato sul mondo del fuori casa iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

03/02/2023

Noto per essere uno dei cocktail più alcolici della lista Iba, il Long Island iced Tea non ha in realtà nulla a che fare in il tè, se non per il colore che...

03/02/2023

Veganuary, l’iniziativa globale che incoraggia le persone a provare un’alimentazione a base vegetale a gennaio e oltre, ha nuovamente battuto tutti i record precedenti e ha raccolto più...

03/02/2023

Martini ha ideato due ricette per rendere unico il brindisi di San Valentino e stupire il proprio partner, preparate con ingredienti premium e iniziare i festeggiamenti in modo speciale: Martini...

03/02/2023

Spray Pan Cheese è il primo formaggio fresco spray ad arrivare in Italia. Lanciato da IFFCO Italia in occasione del Sigep di Rimini, il prodotto è una novità assoluta nel mercato alimentare, che...

 

Iscriviti alla newsletter!

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

BRAND POST

Ormai da diversi anni il fenomeno dello street food domina le tendenze del settore gastronomico italiano. Tra sperimentazione culinaria e riscoperta delle tradizioni locali, il suo successo ha...


I LUNEDÌ DI MIXER

Nuovo appuntamento con I Lunedì di Mixer.  Questa volta siamo a Medolla (Modena), e siamo ospiti di Menù, impresa leader nella produzione di specialità alimentari destinate alla...


Ultimo appuntamento della stagione con il business coach Pippo Sorrentino. Lo scorso lunedì, 11 luglio, ci ha parlato della composizione di un Team. In questa seconda puntata (lunedì 18 luglio)...


Dopo gli utilissimi consigli nel corso delle scorse puntate, che hanno riscosso grande successo, ritroviamo Pippo Sorrentino, Life & Business Coach, Facilitatore Certificato Lego Serious...


Nuovo appuntamento oggi, 6 giugno, con I Lunedì di Mixer. Questa volta siamo a Pavia, ospiti del BAR PASTICCERIA Gustò, dove Gianluca Malioto, titolare del locale, ci racconta com’è...


Con l'arrivo della bella stagione, complice la rinnovata libertà del post pandemia, i consumatori sono a caccia di proposte avvincenti che soddisfino il palato e regalino anche emozioni. Come fare?...


I VIDEO CORSI

Cofee Experts 2022
Cofee Experts 2021

VIDEOINTERVISTE SIGEP 2023

Le videointerviste di Mixer a Sigep 2023

Stop al caos amministrativo per i locali storici, ora tutelati da una norma Uni che prevede parametri uguali in tutte le regioni d’Italia. “È il primo passo verso un’azione di...

A cura di Giulia Di Camillo


“Senza una vigilanza attiva da parte dell’Autorità di regolazione per Energia, Ambiente e Reti sui fornitori, le misure adottate per mitigare gli effetti del caro bollette rischiano di essere...


L’obbligo di accettare i pagamenti digitali con carta e bancomat, senza incorrere in sanzioni, resta fissato a 60 euro. E' l'ultimo capitolo di una vicenda, quella del tetto per l'utilizzo del...


Stop alla sovrapposizione di norme, albi, elenchi di vario genere e al caos amministrativo. D’ora in avanti i Pubblici esercizi, che vorranno identificarsi come locali storici, potranno avvalersi...


Nella giornata internazionale contro la violenza sulle donne, svoltasi lo scorso 25 novembre, imprenditori e imprenditrici di Fipe-Confcommercio, hanno deciso di indossare la maglietta di Vera,...



Quine srl

Direzione, amministrazione, redazione, pubblicità

Tel. +39 02 864105 | Fax +39 02 72016740 | P.I.: 13002100157

©2023 - Tutti i diritti riservati - Responsabile della protezione dati: dpo@lswr.it

Top