pubblici esercizi

09 Febbraio 2022

Gruppo Italiano Torrefattori di Caffè: tutti i perchè del caro espresso


Gruppo Italiano Torrefattori di Caffè: tutti i perchè del caro espresso

Dall'impennata dell'import alla speculazione finanziaria, le cause dell'aumento del caffè verde tengono banco nel dibattito tra gli addetti ai lavori. Questa volta, a dire la sua, è Alessandro Bianchin, CEO di Bin Caffè e Presidente del Gruppo Italiano Torrefattori di Caffè.

Il periodo del lockdown ha inevitabilmente rallentato l’approvvigionamento delle materie prime: molte torrefazioni hanno ridotto gli stock in magazzino durante il periodo di chiusure, per poi incrementarli con la ripresa post lockdown del 2021”, afferma Bianchin.

Ma non basta, perchè tra le cause della crisi attuale del settore c'è anche il congestionamento del traffico marittimo dovuto all’impennata dell’import post lockdown. Lo dimostrano le stime che arrivano dall’Istat: rispetto all’anno precedente, nel 2021 il mercato ha registrato importazioni pari a +5,5% di caffè verde e +21,2% di decaffeinato non torrefatto, per un giro d'affari totale di oltre 982 milioni di euro di import del caffè verde, rispetto ai 930 milioni di euro del 2020. In controtendenza, invece, è andato l’export della materia prima, che nel 2021 si è ridotto del 3,8% per il green coffee e del 14,7% per la materia prima decaffeinizzata, con un calo da oltre 41 milioni a 38 milioni di euro.

Un effetto elastico che avrebbe portato alle attuali difficoltà nei porti di imbarco, dove si stanno verificando una serie diproblemi legati al congestionamento del traffico e, soprattutto, complessità nel reperimento di container adatti al trasporto della materia prima. 

Oltre a ciò, sulle difficoltà del comparto pesa non solo il cambiamento climatico, a causa della forte irregolarità dei raccolti, ma anche la speculazione finanziaria internazionale, con le quotazioni del caffè nelle borse di Londra e New York che registrano, da oltre un anno, un trend rialzista dell’80% per il caffè Arabica e del 70% per la Robusta.

La fase di difficoltà ha però i mesi contati: il caffè italiano è riconosciuto nel mondo e ha voglia di ripartire, ma è importante che le aziende cambino o integrino i propri modelli di business. Non lasceremo scadere la qualità per abbattere i costi anzi, il futuro richiede una selezione sempre più accurata della materia prima anche nel canale home”, conclude Bianchin.

TAG: CAFFè DIEMME,ALESSANDRO BIANCHIN,CARO TAZZINA,GRUPPO ITALIANO TORREFATTORI DI CAFFè

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook Seguici su Instagram

Oppure rimani sempre aggiornato sul mondo del fuori casa iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

12/04/2024

È Leidy Yulieth Arias Aguirre la prima finalista dell’Espresso Italiano Champion, il campionato nazionale che vede sfidarsi i migliori baristi in prove di qualità e abilità.La giovane barista di...

12/04/2024

Dalle Alpi Marittime alle giacche a vento degli atleti di sport invernali italiani: è il nuovo viaggio intrapreso da Acqua San Bernardo che ha presentato ieri ad Alba la partnership triennale con...

A cura di Anna Muzio

12/04/2024

Anche la brewery veronese Legend Kombucha rivolge l'attenzione al segmento no/low alcol e lo fa con la nuova bevanda analcolica "Contaminazioni" che presenterà attraverso il...

12/04/2024

È italiano il trionfatore della finale Global di The Vero Bartender 2024, la competizione internazionale promossa da Amaro Montenegro e ideata da Armando Testa, che si è svolta al Sympò di...

 

Intelligente e interconnesso, capace di assicurare non solo una protezione ottimale delle macchine da caffè, ma anche una qualità costante in tazza e un servizio più efficiente. Sono i 'plus'...


Intelligente e interconnesso, capace di assicurare non solo una protezione ottimale delle macchine da caffè, ma anche una qualità costante in tazza e un servizio più efficiente. Sono i 'plus'...


Iscriviti alla newsletter!

I PIÙ LETTI

È andata all'amaro Amara la medaglia d'oro della Spirits Selection del Concours Mondial de Bruxelles: il riconoscimento, ottenuto a due anni di distanza da quello al World Liqueur Awards, è frutto...


I VIDEO CORSI







I LUNEDÌ DI MIXER

Si sente spesso dire che tra gli ingredienti fondamentali per il successo di un pubblico esercizio ce n’è uno non certo facile da reperire: l’esperienza. Se è così, allora Tripstillery va sul...


Altro che Roma e Milano: i cocktail bar piacciono e funzionano anche in piazze lontane dai circuiti classici dei grandi centri urbani e delle località turistiche famose. La prova più eclatante è...


Dal 2001 Christian Sciglio e Guido Spinello si sono dati una missione: far vivere un’esperienza autentica di una casa del Sud Italia, e precisamente siciliana, accogliendo al meglio i clienti nel...


Quanto ne sappiamo noi italiani di grappa? Troppo poco, a giudizio di Leonardo Pinto di Grappa Revolution, che in questa puntata de Il Lunedì di Mixer ci spiega come viene definito – in base...


In qualsiasi drink list che si rispetti è indispensabile inserire dei cocktail analcolici, così da rispondere alle attese di chi per motivi religiosi, di salute, culturali o semplicemente perché...



Quine srl

Direzione, amministrazione, redazione, pubblicità

Tel. +39 02 864105 | Fax +39 02 72016740 | P.I.: 13002100157

©2024 - Tutti i diritti riservati - Responsabile della protezione dati: dpo@lswr.it
Privacy Policy

Top