cocktail

15 Dicembre 2021

Sostenibilità al centro della mixology. Anche nelle competizioni

di Stefano Fossati


Sostenibilità al centro della mixology. Anche nelle competizioni

"Sostenibilità" è ormai uno dei mantra che ispirano le scelte strategiche in ogni settore della società, dell'industria e della finanza. E naturalmente neanche la mixology poteva sfuggire a questa tendenza. Almeno nei limiti del possibile. Spazio quindi, nella preparazione dei drink, all'utilizzo di ingredienti di stagione e il più possibile a "chilometro zero", oltre all'attenzione a ridurre al minimo sprechi e scarti, magari utilizzandoli per preparare sciroppi ed estratti.

C'è chi ne ha fatto una vera e propria mission, come Renato Tonelli, bartender italoamericano residente a New York, che durante il periodo del lockdown dello scorso anno ha realizzato il progetto di formazione Sustainable Bartender, che attraverso una serie di corsi insegna agli addetti ai lavori (anche in Italia) tecniche e metodi di lavoro per azzerare gli sprechi alimentari nella miscelazione.

[caption id="attachment_197173" align="aligncenter" width="1080"] Renato Tonelli[/caption]

Inevitabile, quindi, che anche le competizioni di settore inizino a considerare anche il parametro della sostenibilità fra i criteri che le giurie devono valutare per stabilire graduatorie e riconoscimenti. Al punto che Flor de Caña, celebre rum nicaraguense che storicamente pone la sostenibilità al centro di tutta la sua filiera di produzione - è carbon neutral ed equosolidale, viene distillato utilizzando il 100% di energia rinnovabile e tutte le emissioni di Co2 durante la fermentazione vengono catturate e riciclate - ha lanciato ques'anno la sua Sustainable Cocktail Challenge, basata proprio sull’utilizzo creativo di ingredienti sostenibili nei cocktail.

[caption id="attachment_197174" align="aligncenter" width="980"] Manachain Monaghan[/caption]

Per la cronaca, la prima edizione della competition, lo scorso novembre, ha visto la vittoria del britannico Manachain Monaghan, proprietario del Below Stairs Bar, con il suo Steamship, cocktail a zero spreco d’acqua preparato con cacao fatto in casa e lime bitter, liquore al caffè prodotto con chicchi di caffè nicaraguensi riutilizzati, zucchero equosolidale, gocce di soluzione salina e Flor de Caña 12 Y.O., servito sopra un blocco di ghiaccio su un sottobicchiere di pera disidratata. A riprova dell'impegno che chiunque può mettere nella propria attività per la tutela dell'ambiente e delle fasce più deboli della società. Senza per questo rinunciare al buon bere.

TAG: SOSTENIBLITà,FLOR DE CAñA,RENATO TONELLI,SUSTAINIBLE BARTENDER,SUSTAINABLE COCKTAIL CHALLENGE

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook Seguici su Instagram

Oppure rimani sempre aggiornato sul mondo del fuori casa iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

24/05/2024

Mise en place, presentare l’olio nelle sale in chiave moderna e funzionale, in un’ottica di design. È questo il tema della settima edizione del forum Olio...

24/05/2024

Volete sapere quanto dovrebbe costare un espresso in un bar italiano secondo l'Intelligenza Artificiale? 3,45€ a tazzina, utilizzando un caffè di bassa qualità, e 3,70€ se si usa...

24/05/2024

Tornerà sabato 1 giugno, dalle ore 10 alle 18, il Palermo Coffee Festival, manifestazione organizzata da Morettino, in collaborazione con CoopCulture e Orto Botanico di Palermo, dedicata agli...

24/05/2024

È Andrea Pieraccini il nuovo International Tour Ambassador della Sabatini Cocktail Competition. Il bartender del bistrot La Zanzara di Roma è stato uno dei ...

 

Intelligente e interconnesso, capace di assicurare non solo una protezione ottimale delle macchine da caffè, ma anche una qualità costante in tazza e un servizio più efficiente. Sono i 'plus'...


Intelligente e interconnesso, capace di assicurare non solo una protezione ottimale delle macchine da caffè, ma anche una qualità costante in tazza e un servizio più efficiente. Sono i 'plus'...


Iscriviti alla newsletter!

I PIÙ LETTI

È andata all'amaro Amara la medaglia d'oro della Spirits Selection del Concours Mondial de Bruxelles: il riconoscimento, ottenuto a due anni di distanza da quello al World Liqueur Awards, è frutto...


I VIDEO CORSI







I LUNEDÌ DI MIXER

Si sente spesso dire che tra gli ingredienti fondamentali per il successo di un pubblico esercizio ce n’è uno non certo facile da reperire: l’esperienza. Se è così, allora Tripstillery va sul...


Altro che Roma e Milano: i cocktail bar piacciono e funzionano anche in piazze lontane dai circuiti classici dei grandi centri urbani e delle località turistiche famose. La prova più eclatante è...


Dal 2001 Christian Sciglio e Guido Spinello si sono dati una missione: far vivere un’esperienza autentica di una casa del Sud Italia, e precisamente siciliana, accogliendo al meglio i clienti nel...


Quanto ne sappiamo noi italiani di grappa? Troppo poco, a giudizio di Leonardo Pinto di Grappa Revolution, che in questa puntata de Il Lunedì di Mixer ci spiega come viene definito – in base...


In qualsiasi drink list che si rispetti è indispensabile inserire dei cocktail analcolici, così da rispondere alle attese di chi per motivi religiosi, di salute, culturali o semplicemente perché...



Quine srl

Direzione, amministrazione, redazione, pubblicità

Tel. +39 02 864105 | Fax +39 02 72016740 | P.I.: 13002100157

©2024 - Tutti i diritti riservati - Responsabile della protezione dati: dpo@lswr.it
Privacy Policy

Top