pubblici esercizi

24 Ottobre 2021

Food delivery: tutte le opportunità per la ristorazione professionale

di Maddalena Baldini


Food delivery: tutte le opportunità per la ristorazione professionale

Consegna del cibo a domicilio, o food delivery. In qualunque modo la si voglia chiamare, si tratta di una tendenza che nel periodo pandemico è letteralmente esplosa, portando notevoli cambiamenti non solo nella abitudini dei consumatori, ma anche nella ristorazione professionale, che ormai guarda ancor più da vicino l’online.

“Dobbiamo riflettere sui cambiamenti che ci sono stati e su quelli che ci saranno", ha detto Luciano Sbraga, vicedirettore Fipe e direttore Centro Studi Fipe, intervenuto in occasione della tavola rotonda organizzata nel corso delle seconda giornata di Host2021. "In questi mesi guidati dall’emergenza Covid le aziende che hanno deciso di affidarsi o di essere supportate dalla consegna a domicilio sono aumentate del 30%. Ma, al di là, delle cifre è importante notare anche il forte sviluppo e ammodernamento di tutto l’aspetto del digitale, a partire dagli ordini sino ai pagamenti, attività che, prima della pandemia, non erano ancora utilizzate al meglio da molti pubblici esercizi”.

Se l’ordinare cibo a casa rappresentava una valida alternativa alla mancanza di tempo, all’assenza di materia prima a disposizione e alla poca voglia di mettersi ai fornelli, il delivery vissuto fino a poco fa era un ponte verso la normalità … quella capace di trasformare le pareti domestiche in un ristorante e poter rivivere quell’aspetto di convivialità che tanto è mancato soprattutto durante il lockdown.

“Giunti a questo punto – ha proseguito Sbraga – possiamo dire che il delivery rappresenta un’integrazione e non una sostituzione. Il ruolo del ristorante non è stato rimpiazzato, né dal punto di vista materiale (con la sua offerta culinaria) né dal punto di vista simbolico (assoluto luogo di convivialità). Un aspetto sul quale, invece, bisogna puntare è un delivery sostenibile per tutta la filiera”.

Assai interessanti anche gli interventi dei vari ospiti coinvolti alla tavola rotonda, come quello di Luigi Provenzani di RTL 102.5 news, che ha sottolineato come in tanti si sono "reinventati, coinvolgendo non solo le grandi città ma anche i piccoli centri urbani, studiando proposte culinarie ad hoc per soddisfare gusti e necessità logistiche".

Voce anche a Nicola Ballarini, co-founder assieme ad Andrea Roberto Bifulco della start up Ktchn Lab, basata su una cucina di qualità con l’apertura e la gestione di ‘ristoranti virtuali’ che vendono solo online appoggiandosi a note piattaforme.

Un’altra particolare evoluzione di delivery emersa è stata quella di Kuiri, illustrata dal co-founder Francesco Casserà: in questo caso non cucine fantasma ma la possibilità di ‘affittare’ spazi destinati a diventare cucine nel cuore delle città, con il vantaggio di avere costi decisamente più contenuti rispetto a un tradizionale affitto di locazione.

Importante è il cibo di qualità ma, allo stesso modo, è fondamentale la conservazione. E questo è stato l’argomento trattato da Anthony Byron Prada, CEO di Hotbox, un forno ventilato adatto per fare consegne a domicilio, capace di controllare l’umidità in eccesso e conservare la giusta temperatura entro gli 85°C, garantendo la consegna in 40 minuti.

TAG: MARCO BERETTA,LUCIANO SBRAGA,FIPE – CONFCOMMERCIO

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook Seguici su Instagram

Oppure rimani sempre aggiornato sul mondo del fuori casa iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

15/04/2024

Drink con il vino (e lo champagne) tra gli ingredienti base: come hanno rilevato numerose survey è questa una delle principali tendenze del 2024 della mixology internazionale sulla cui scia...

15/04/2024

Sostenibili a tavola? Un desiderio comune. Anche tra gli utenti di TheFork, l’app per la prenotazione che gestisce 20mila ristoranti in tutta Italia. Di questi, 1133 segnalano la proposta di piatti...

A cura di Anna Muzio

15/04/2024

Raddoppio a Milano per La Esse Romagnola: al ristorante di via Tortona ora si aggiunge la nuova apertura nel quartiere Isola, in via Ugo Bassi 14, ai piedi di "Primo", il building di 8.500 metri a...

12/04/2024

È Leidy Yulieth Arias Aguirre la prima finalista dell’Espresso Italiano Champion, il campionato nazionale che vede sfidarsi i migliori baristi in prove di qualità e abilità.La giovane barista di...

 

Intelligente e interconnesso, capace di assicurare non solo una protezione ottimale delle macchine da caffè, ma anche una qualità costante in tazza e un servizio più efficiente. Sono i 'plus'...


Intelligente e interconnesso, capace di assicurare non solo una protezione ottimale delle macchine da caffè, ma anche una qualità costante in tazza e un servizio più efficiente. Sono i 'plus'...


Iscriviti alla newsletter!

I PIÙ LETTI

È andata all'amaro Amara la medaglia d'oro della Spirits Selection del Concours Mondial de Bruxelles: il riconoscimento, ottenuto a due anni di distanza da quello al World Liqueur Awards, è frutto...


I VIDEO CORSI







I LUNEDÌ DI MIXER

Si sente spesso dire che tra gli ingredienti fondamentali per il successo di un pubblico esercizio ce n’è uno non certo facile da reperire: l’esperienza. Se è così, allora Tripstillery va sul...


Altro che Roma e Milano: i cocktail bar piacciono e funzionano anche in piazze lontane dai circuiti classici dei grandi centri urbani e delle località turistiche famose. La prova più eclatante è...


Dal 2001 Christian Sciglio e Guido Spinello si sono dati una missione: far vivere un’esperienza autentica di una casa del Sud Italia, e precisamente siciliana, accogliendo al meglio i clienti nel...


Quanto ne sappiamo noi italiani di grappa? Troppo poco, a giudizio di Leonardo Pinto di Grappa Revolution, che in questa puntata de Il Lunedì di Mixer ci spiega come viene definito – in base...


In qualsiasi drink list che si rispetti è indispensabile inserire dei cocktail analcolici, così da rispondere alle attese di chi per motivi religiosi, di salute, culturali o semplicemente perché...



Quine srl

Direzione, amministrazione, redazione, pubblicità

Tel. +39 02 864105 | Fax +39 02 72016740 | P.I.: 13002100157

©2024 - Tutti i diritti riservati - Responsabile della protezione dati: dpo@lswr.it
Privacy Policy

Top