Sugar Tax, Assobibe: bene l’apertura di Misiani, rinviare la tassa

sugar adiction: three soda cana and sugar

Assobibe, l’Associazione di Confindustria che rappresenta le imprese che producono e vendono bevande analcoliche in Italia, accoglie con favore l’apertura del Viceministro dell’Economia Antonio Misiani, intervenuto al seminario “Gli Italiani e le attese sul fisco” a ridiscutere la Sugar Tax, anche alla luce del contesto economico ancora colpito dalla pandemia in corso, chiedendone di posticipare di almeno 1 anno l’entrata in vigore.

“Le aziende del settore sono pronte ad aprire un confronto costruttivo con il Governo per identificare insieme soluzioni che permettano a quest’ultimo di raggiungere gli obiettivi prefissati, ma che allo stesso tempo evitino di colpire il tessuto produttivo italiano, e in particolar modo le Pmi, con effetti negativi sull’intera filiera, dal mondo dell’HOReCa e dei consumi fuori casa a quello dell’agricoltura. Introdurre nuove tasse in un momento difficile per l’economia, come testimoniano anche le norme contenute nel Dpcm di questa notte, avrebbe ripercussioni disastrose sui volumi di vendita e conseguentemente sull’occupazione del settore”, commenta Giangiacomo Pierini, Presidente di Assobibe.

La Sugar Tax, al momento, colpisce indiscriminatamente bevande con e senza zucchero, oltre a colpire anche i succhi di frutta italiani che vengono utilizzati come ingredienti nei prodotti tipici della nostra tradizione. Per questo gli imprenditori chiedono la sospensione della tassa almeno per il 2021 e l’apertura di un tavolo di confronto.