Pizzerie: la Lombardia insegue la Campania

Il dato emerge dall’Osservatorio agroalimentare del Cna: a fronte di circa 130mila esercizi che producono e vendono pizza, la Lombardia, con i suoi 14.171 punti di vendita è seconda solo alla Campania, che ne conta 17.401. La regione padana vanta così a livello nazionale una penetrazione dell’11,2% tra le imprese che operano nel segmento.

Ma è tutto il Nord Italia a fare registrare una passione per Margherita & co. In Valle d’Aosta – riporta l’Ansa – è scoppiata una vera mania, tanto da far registrare l’apertura di nuove attività commerciali con un aumento del +56,8%, rispetto all’anno precedente. Sulla stessa strada anche il Piemonte che, tra le regioni dove si sono registrate aumenti di attività commerciali legate alla pizza, figura nella top ten nazionale.

Altro dato dello studio del CNA, relativo a queste regioni, indica la trasformazione dal classico ristorante/pizzeria (-0,3%) verso altre tipologie di attività che consentono un consumo più veloce e una gestione con costi inferiori (+4,5%), come panetterie, pizzerie da solo asporto, rosticcerie, bar che implementano così lo street food del prodotto pizza