Per Rossopomodoro si chiude un anno straordinario

Quello che si chiude è stato un anno straordinario per Rossopomodoro, noto brand di cucina e pizzeria napoletana che negli ultimi 12 mesi ha inanellato notevoli successi in Italia e all’estero: dalla partecipazione a Expo, dove in sei mesi sono state vendute a visitatori italiani e stranieri 180.000 pizze, a quella al Campionato nazionale pizzaioli del Napoli Pizza Village, dove Rossopomodoro è riuscito a portare in giuria nientemeno che la nota chef italo-americana Lidia Bastianich; dal lancio a Milano di un nuovo brand, COQ, destinato a fare tendenza e totalmente a base di pollo, all’apertura di punti vendita all’interno di Eataly a San Paolo in Brasile e Monaco di Baviera, fino ai tanti seminari tenuti dal presidente Manna negli Atenei italiani (l’ultimo proprio oggi all’Università Federico II di Napoli) per raccontare la storia di un successo tutto italiano.

rossopomodoroE non è finita. Il 2015 è stato l’anno della pubblicazione del “Libro della pizza: come prepararla a casa con i segreti e le ricette di 11 grandi maestri pizzaioli napoletani”, edito da Mondadori e curato da Franco Manna, che ha dato un’impronta di vera italianità al modo di raccontare la pizza nel mondo, e del raggiungimento dell’obiettivo forse più ambito, per cui Rossopomodoro si è speso tantissimo: la candidatura italiana, ora al vaglio dell’Unesco, dell’arte dei pizzaioli napoletani a patrimonio immateriale dell’umanità.

«È stato veramente un anno pieno di soddisfazioni e di successi – conferma Franco Manna, presidente di Rossopomodoro e di Gruppo Sebeto, di cui il brand di pizzerie fa parte. Abbiamo raggiunto tutti gli obiettivi che ci eravamo prefissati e cominceremo il 2016 di slancio per ottenere anche quelli che abbiamo messo in cantiere per i prossimi mesi, tra cui l’apertura di 3 o 4 nuovi punti vendita all’estero. Per tutto questo non posso che dire grazie all’intero staff impegnato in Gruppo Sebeto, dai franchisee e i responsabili dei punti vendita a tutto il personale che ci lavora con entusiasmo e dedizione, senza dimenticare tutta la struttura organizzativa, amministrativa e finanziaria, dagli impiegati ai quadri, ai dirigenti».

E per celebrare degnamente la fine di questo ottimo 2015 non poteva mancare la tradizionale festa di Natale a Napoli a casa del Presidente Franco Manna, che come ogni anno ha invitato tutto il suo staff alla presenza di amici storici del marchio, artisti, giornalisti e personalità cittadine per festeggiare l’anno che si chiude e lanciare nuove entusiasmanti sfide per il 2016. L’albero di Natale è stato realizzato con i panettoni di Sal De Riso, celebre pasticciere partenopeo che quest’anno è stato dichiarato a Milano “Re Panettone” e che Rossopomodoro ha scelto come fornitore d’eccezione.