Pane e cultura. Teatro Orfeo Taranto: caffè e cultura nel foyer

    Il Teatro Orfeo di Taranto nel 2015 compie cento anni. I fratelli Luciano e Adriano Di Giorgio, giovani imprenditori che da dieci anni hanno rilevato la struttura ma che la gestiscono direttamente solo dal 2014, sono attivi su più fronti per garantire all’Orfeo un presente all’altezza della sua storia. Una delle iniziative più importanti è quella che vedrà sorgere, intorno a Pasqua, un caffè letterario nel foyer del teatro (in questa rubrica abbiamo già parlato di esperienze simili a Napoli e a Milano).

    “L’intenzione  è di fare sempre più dell’Orfeo un luogo di cultura a tutto tondo, e di renderlo fruibile lungo tutto l’arco della giornata” spiega Luciano Di Giorgio. “In vetrine, espositori e scaffali ci saranno libri di vario tipo, non in vendita ma in consultazione o, nel caso di libri antichi e rari, semplicemente da ammirare. Vogliamo fare di questo luogo un piccolo museo, esponendo oggetti acquistati in aste benefiche: non solo libri ma anche oggetti legati al teatro e all’arte in genere, come le scarpe di Carla Fracci che già ora fanno bella mostra di sé in una vetrina”.Teatro-Orfeo-21

    Le strutture del caffè saranno in buona parte mobili, in modo da non intralciare l’afflusso del pubblico negli orari di spettacolo. I colori che caratterizzeranno l’ambiente saranno il nero del legno wengè e il rosso dei velluti che impreziosiranno gli interni di cornici, vetrine ed espositori.

    Quanto all’offerta gastronomica, il caffè oltre a continuare la sua funzione da normale bar del cinema, con bibite, popcorn e affini, offrirà un servizio di caffetteria lungo tutto il giorno, e punterà forte soprattutto sull’aperitivo, un momento di consumo su cui i fratelli Di Giorgio possono far valere la propria esperienza maturata presso uno stabilimento balneare che gestiscono tuttora alcune decine di chilometri a sudest di Taranto.

    Naturalmente un caffè letterario all’interno di un teatro trova la propria ragion d’essere soprattutto in funzione di una ricca e variegata programmazione di eventi. “Vogliamo ospitare eventi di vari tipi, dai meeting aziendali alle presentazioni di libri” dice Luciano Di Giorgio. “Partiamo con l’obiettivo di realizzare un evento a settimana, ma è una previsione che andrà verificata sulla base dell’effettiva risposta del pubblico. Contiamo poi molto sulla correlazione fra attività da svolgere nel caffè e programmazione del teatro: abbiamo già in programma una serie di incontri con un critico cinematografico cui seguiranno proiezioni gratuite di film in mattinata”.

     

    Cinema Teatro Orfeo

    Via Pitagora, 80

    Taranto

     

     

    PANE E CULTURA

    Una rubrica di Giuliano Pavone

    A chi dice che con la cultura non si mangia rispondiamo proponendo settimanalmente un’esperienza che mette in relazione in modo profittevole e innovativo il mondo della cultura e dello spettacolo da un lato e quello del pubblico esercizio dall’altro. Format, eventi, libri e personaggi per cibare il corpo e la mente. 

    Pane e cultura. Trieste, la città dei caffè

    Pane e cultura. San Marco Trieste: alle origini del caffè letterario

    Pane e cultura. Eataly e librerie.coop convivono a Bologna

    Pane e cultura. Enoteca Letteraria Roma: libro e vino, storia comune

    Pane e cultura. Fourquette Foggia: quando il tipico è atipico

    Pane e cultura. Sugar Queen Napoli: il cake design diventa un libro

    Pane e cultura. Panecotto Matera: pane è cultura!

    Pane e cultura. Cucina calibro noir: buone letture e buona tavola

    Pane e cultura. Calib: caffè + libreria = valorizzare la Puglia

    Pane e cultura. Medieval: il GastroPub “storico” in Salento

    Pane e cultura. Sloan Square: l’Inglese si impara al pub

    Pane e cultura. Pizza per autodidatti: confessioni di un pizzaiolo

    Pane e cultura. Le Libragioni: vino, arte, libri

    Pane e cultura. Eataly e Vergnano al Museo del Cinema di Torino

    Pane e cultura. Terzo tempo Verona: vino e sport sono un bel connubio

    Pane e cultura. Adua Villa firma un romanzo rosé

    Pane e cultura. “In grazia di Dio”: il film a Km 0 gira il mondo

    Pane e cultura. Piccolo Teatro, grande servizio

    Pane e cultura. L’hamburger gourmet diventa un libro 

    Pane e cultura. Feltrinelli RED: se l’ibridazione diventa community

    Pane e cultura. Giufà Roma: in equilibrio fra libri e caffè

    Pane e cultura. Cyrano Alghero: libri, vino, svago

    Pane e cultura. Un Food Film Festival a Sud di Milano

    Pane e cultura. Cibo, e non solo, per la mente

    Pane e cultura. Anche gli angeli… mangiano cannoli!

    Pane e cultura. Macondo Bologna: l’arte di incontrarsi

    Pane e cultura. Liberrima: cibo e cultura all’ombra del Barocco

    Pane e cultura. La Cité: libri, musica, arte, caffè

    Pane e cultura. Orwell Manduria: quando il pub diventa letterario

    Pane e cultura. Enoteca letterario Badlands: socialità e passione

    Pane e cultura. Nea: arte (e bistrot) tutte le ore

    Pane e cultura. Cucina narrativa, showcooking e saperi tradizionali

    Pane e cultura. Musica e dintorni: birra artigianale e territorio