Pane e cultura. Ex Forno Bologna: dal pane all’arte moderna

    Si trova dove un tempo si preparava il pane per i bolognesi ed è il bistrot del MamBo, il Museo di arte moderna di Bologna, ma l’Ex Forno ha una vita autonoma, e dalle funzioni presenti e passate del luogo che lo ospita attinge soprattutto suggestioni estetiche. “Il locale è direttamente collegato al museo da una porta” spiega Marco, uno dei quattro soci torinesi che dal maggio 2007, data di inaugurazione del museo, gestisce il bistrot. “Durante il giorno, dalle 10,30 alle 18,30, i nostri frequentatori sono per il 70% autonomi e per il 30% provenienti dal museo. La sera dalle 18,30 alle 2, invece, il pubblico è al 100% autonomo”. L’Ex Forno del Pane mantiene attraverso il nome un legame con la storia del luogo in cui si trova. Nell’allestimento gli ambienti sono stati concepiti all’insegna della semplicità al fine di far sentire le persone a proprio agio, come in un salotto. Gli arredi di riciclo e oggetti scovati quasi per caso nei mercatini, con il gusto informale del vintage, sono accostati a interventi di artisti contemporanei e oggetti di design. “Il bancone del bar è progettato da Favelli, un artista che espone anche al Museo. Abbiamo una grande passione per l’arredamento di design e per l’arte contemporanea. E’ per questo, oltre che ovviamente per creare un trait d’union col museo, che il locale è arredato in questo modo”.Ex forno 1

    Il locale è composto di due grandi sale. I coperti a pranzo sono 70, con molto spazio fra un tavolo e l’altro, ma la sera raddoppiano per fare fronte alla gente che si affolla soprattutto all’orario dell’aperitivo. All’Ex Forno lavorano 10-12 persone d’inverno e 20 d’estate, quando si gestisce anche la programmazione eventi del Parco del Cavaticcio, che sta alle spalle del locale.

    “La nostra offerta cerca di essere il più organica e completa possibile. Si parte con una colazione ‘per chi si alza tardi’, alle 10,30. Dalle 12,30 alle 15/15,30 si svolge il pranzo con menù alla carta in stile bistrot francese. Poi la sera dalle 19 alle 22 c’è l’aperitivo con un buffet preparato fresco tutti i giorni dai nostri cuochi. Il nostro aperitivo è molto considerato tra i bolognesi, tant’è vero che il locale di sera è sempre pieno e spesso capita di essere in overbooking con le prenotazioni e di non poterne accettare più. Poi dopo l’aperitivo, dalle 22 alle 2, è il regno dei barman e di chi vuol bere un buon drink. La domenica – e anche in questo caso riscuotiamo un grande successo – serviamo il brunch dalle 12,30 alle 15,30: un ricchissimo buffet di dolci, piatti caldi e freddi. Strizziamo l’occhio agli States, che hanno inventato il brunch, ma allo stesso tempo proponiamo anche piatti tipici delle domeniche italiane passate in famiglia”.

    Infine gli eventi: “Siamo particolarmente affezionati alla scena musicale underground, di conseguenza tutti i mesi in collaborazione con alcune associazioni culturali bolognesi organizziamo 2/3 serate in cui ospitiamo gruppi che suonano, dj internazionali, eccetera. Diamo anche spazio a eventi più strettamente culturali come reading, presentazioni di libri, show cooking e altro”.

    Ex Forno

    Via Don Minzoni 14, Bologna

    http://www.mambo-bologna.org/

     

    PANE E CULTURA

    Una rubrica di Giuliano Pavone

    A chi dice che con la cultura non si mangia rispondiamo proponendo settimanalmente un’esperienza che mette in relazione in modo profittevole e innovativo il mondo della cultura e dello spettacolo da un lato e quello del pubblico esercizio dall’altro. Format, eventi, libri e personaggi per cibare il corpo e la mente. 

    Pane e cultura. Rotonda Bistro Milano: per bambini da 3 a 93 anni

    Pane e cultura. Gambrinus Napoli: la storia è qui

    Pane e cultura. Triennale Milano: mostra e terrazza aperte sull’Expo

    Pane e cultura. mcafé Genova: mastica l’arte, medita sul cibo

    Pane e cultura. Memo caffè Fano: il bio in mediateca

    Pane e cultura. Per un trancio di libri: una microlibreria a L’Orablù

    Pane e cultura. Teatro Orfeo Taranto: caffè e cultura nel foyer

    Pane e cultura. Trieste, la città dei caffè

    Pane e cultura. San Marco Trieste: alle origini del caffè letterario

    Pane e cultura. Eataly e librerie.coop convivono a Bologna

    Pane e cultura. Enoteca Letteraria Roma: libro e vino, storia comune

    Pane e cultura. Fourquette Foggia: quando il tipico è atipico

    Pane e cultura. Sugar Queen Napoli: il cake design diventa un libro

    Pane e cultura. Panecotto Matera: pane è cultura!

    Pane e cultura. Cucina calibro noir: buone letture e buona tavola

    Pane e cultura. Calib: caffè + libreria = valorizzare la Puglia

    Pane e cultura. Medieval: il GastroPub “storico” in Salento

    Pane e cultura. Sloan Square: l’Inglese si impara al pub

    Pane e cultura. Pizza per autodidatti: confessioni di un pizzaiolo

    Pane e cultura. Le Libragioni: vino, arte, libri

    Pane e cultura. Eataly e Vergnano al Museo del Cinema di Torino

    Pane e cultura. Terzo tempo Verona: vino e sport sono un bel connubio

    Pane e cultura. Adua Villa firma un romanzo rosé

    Pane e cultura. “In grazia di Dio”: il film a Km 0 gira il mondo

    Pane e cultura. Piccolo Teatro, grande servizio

    Pane e cultura. L’hamburger gourmet diventa un libro 

    Pane e cultura. Feltrinelli RED: se l’ibridazione diventa community

    Pane e cultura. Giufà Roma: in equilibrio fra libri e caffè

    Pane e cultura. Cyrano Alghero: libri, vino, svago

    Pane e cultura. Un Food Film Festival a Sud di Milano

    Pane e cultura. Cibo, e non solo, per la mente

    Pane e cultura. Anche gli angeli… mangiano cannoli!

    Pane e cultura. Macondo Bologna: l’arte di incontrarsi

    Pane e cultura. Liberrima: cibo e cultura all’ombra del Barocco

    Pane e cultura. La Cité: libri, musica, arte, caffè

    Pane e cultura. Orwell Manduria: quando il pub diventa letterario

    Pane e cultura. Enoteca letterario Badlands: socialità e passione

    Pane e cultura. Nea: arte (e bistrot) tutte le ore

    Pane e cultura. Cucina narrativa, showcooking e saperi tradizionali

    Pane e cultura. Musica e dintorni: birra artigianale e territorio