Pane e cultura. Dopolavoro Bicocca: food e arte contemporanea

Presso HangarBicocca (spazio ex industriale della periferia milanese dedicato all’arte contemporanea) è attivo Dopolavoro Bicocca, un format di ristorazione amichevole e divertente dove si possono gustare cene seduti, spuntini “mordi e fuggi”, pranzi di lavoro, merende, brunch e aperitivi che richiamano le migliori tradizioni a partire da quella italiana.

La specificità del luogo influenza l’attività di Dopolavoro Bicocca, che deve adattarsi nei tempi, nei modi e nello stile alle esigenze di una clientela che è in parte composta dai visitatori delle mostre e delle opere “site specific” e in parte dagli impiegati delle aziende del circondario.

“Cerchiamo di offrire alla nostra clientela un servizio continuo” dice lo chef Lorenzo Piccinelli (dell’equipe dello chef Matteo Pisciotta): “le pause pranzo di lavoro, i brunch della domenica per le famiglie, merende e aperitivi per tutti e per i visitatori delle mostre che non hanno orari precisi. E’ possibile sedersi all’interno del ristorante o nel dehor oppure prendere qualche piatto come take away. HangarBicocca è uno spazio dinamico e cerchiamo di seguire lo stesso concetto”.dopolavoro6

Dopolavoro Bicocca è aperto mercoledì a pranzo e dal giovedì alla domenica dalle 11 alle 24. Dal mercoledì al venerdì ci sono moltissimi pranzi di lavoro con un picco dalle 12,30 alle 15; mentre sabato e domenica si inizia con il pranzo o il brunch della domenica, si continua con la caffetteria del pomeriggio e aperitivi per poi finire con le cene. Il flusso durante il weeekend è abbastanza continuo tutto il giorno. Semplificando, si può dire che nel weekend conta lo spazio espositivo, mentre nei giorni feriali e di sera si ha a che fare soprattutto con clientela di lavoro.

“Le mostre sono fondamentali soprattutto durante i fine settimana” spiega Piccinelli. “Hangar Bicocca propone due mostre in contemporanea, altre attività collaterali e numerosi laboratori per bambini. Lavoriamo molto bene anche con le aziende che si trovano nelle vicinanze per pranzi, cene ed eventi speciali, oltre al costante flusso dei visitatori dello spazio”.

Il pranzo con un piatto unico costa 15 euro, acqua e caffè inclusi. Il brunch costa 25 euro con un ricco buffet dolce e salato, succhi di frutta in caraffa, caffè americano, acqua e un piatto a scelta dalla carta. L’aperitivo con un cocktail a scelta e piattini sfiziosi direttamente al tavolo costa 8 euro la prima consumazione.

“Proponiamo dei piatti semplici ma con una scelta di materie prime di qualità. Cerchiamo di essere dinamici anche in cucina. Quindi le nostre proposte stile ‘street food’ permettono ai nostri clienti di consumare in qualsiasi ora della giornata. Per esempio, le arancine ragù e piselli, l’hamburger classico, il panzerotto mozzarella e prosciutto sono sfizi sempre presenti oltre ad una carta con piatti semplici ma gustosi”.

 

Via Chiese 2, Milano

www.hangarbicocca.org

 

PANE E CULTURA

Una rubrica di Giuliano Pavone

A chi dice che con la cultura non si mangia rispondiamo proponendo settimanalmente un’esperienza che mette in relazione in modo profittevole e innovativo il mondo della cultura e dello spettacolo da un lato e quello del pubblico esercizio dall’altro. Format, eventi, libri e personaggi per cibare il corpo e la mente.

 

Pane e cultura. BBeP Locorotondo (BA): bottega culturale di qualità

Pane e cultura. Il Mercato del Duomo: esperienza verticale di Autogrill

 Pane e cultura. Mondadori café Milano: la Lunigiana nel megastore

Pane e cultura. Nel coffee art bookstore si fa anche food storytelling 

Pane e cultura. Libri&Bar Pallotta Roma: via il biliardo, arriva la libreria

Pane e cultura. La loggia: un art cafè a Carovigno (BR)

Pane e cultura. Gusto e intrattenimento al Mercato Metropolitano

Pane e cultura. In libreria i segreti della pizza

Pane e cultura. Area 8 Matera: un “non hotel” nei Sassi

Pane e cultura. Libreria Bacco: non chiamatela enoteca letteraria

Pane e cultura. Kino Roma: buon cinema, buon cibo

Pane e cultura. Bar luce: Wes Anderson alla Fondazione Prada

Pane e cultura. Mudec Milano: ristorazione nel Museo delle Culture

Pane e cultura. Sugo-Condimenti per la casa a Roma dal 12 al 14 giugno

Pane e cultura. Persepolis Andria: il caffè fa riaprire la libreria

Pane e cultura. Nuvole in cantina: vino e fumetti in un luogo che vive

Pane e cultura. Il pop food di Davide Oldani in un libro

Pane e cultura. Bar, libreria, Internet: con Knulp Trieste si rinnova

Pane e cultura. Ex Forno Bologna: dal pane all’arte moderna

Pane e cultura. Rotonda Bistro Milano: per bambini da 3 a 93 anni

Pane e cultura. Gambrinus Napoli: la storia è qui

Pane e cultura. Triennale Milano: mostra e terrazza aperte sull’Expo

Pane e cultura. mcafé Genova: mastica l’arte, medita sul cibo

Pane e cultura. Memo caffè Fano: il bio in mediateca

Pane e cultura. Per un trancio di libri: una microlibreria a L’Orablù

Pane e cultura. Teatro Orfeo Taranto: caffè e cultura nel foyer

Pane e cultura. Trieste, la città dei caffè

Pane e cultura. San Marco Trieste: alle origini del caffè letterario

Pane e cultura. Eataly e librerie.coop convivono a Bologna

Pane e cultura. Enoteca Letteraria Roma: libro e vino, storia comune

Pane e cultura. Fourquette Foggia: quando il tipico è atipico

Pane e cultura. Sugar Queen Napoli: il cake design diventa un libro

Pane e cultura. Panecotto Matera: pane è cultura!

Pane e cultura. Cucina calibro noir: buone letture e buona tavola

Pane e cultura. Calib: caffè + libreria = valorizzare la Puglia

Pane e cultura. Medieval: il GastroPub “storico” in Salento

Pane e cultura. Sloan Square: l’Inglese si impara al pub

Pane e cultura. Pizza per autodidatti: confessioni di un pizzaiolo

Pane e cultura. Le Libragioni: vino, arte, libri

Pane e cultura. Eataly e Vergnano al Museo del Cinema di Torino

Pane e cultura. Terzo tempo Verona: vino e sport sono un bel connubio

Pane e cultura. Adua Villa firma un romanzo rosé

Pane e cultura. “In grazia di Dio”: il film a Km 0 gira il mondo

Pane e cultura. Piccolo Teatro, grande servizio

Pane e cultura. L’hamburger gourmet diventa un libro 

Pane e cultura. Feltrinelli RED: se l’ibridazione diventa community

Pane e cultura. Giufà Roma: in equilibrio fra libri e caffè

Pane e cultura. Cyrano Alghero: libri, vino, svago

Pane e cultura. Un Food Film Festival a Sud di Milano

Pane e cultura. Cibo, e non solo, per la mente

Pane e cultura. Anche gli angeli… mangiano cannoli!

Pane e cultura. Macondo Bologna: l’arte di incontrarsi

Pane e cultura. Liberrima: cibo e cultura all’ombra del Barocco

Pane e cultura. La Cité: libri, musica, arte, caffè

Pane e cultura. Orwell Manduria: quando il pub diventa letterario

Pane e cultura. Enoteca letterario Badlands: socialità e passione

Pane e cultura. Nea: arte (e bistrot) tutte le ore

Pane e cultura. Cucina narrativa, showcooking e saperi tradizionali

Pane e cultura. Musica e dintorni: birra artigianale e territorio

Pane e cultura. Scriptorium cafè: la sala studi è al bar

Pane e cultura. L’Orablù: eventi nel bar della piscina

Pane e cultura. Melville, la balena piacentina

Pane e cultura. Libri e teatro si incontrano al bar

Pane e cultura. Libri e caffè (napoletano) nel foyer del teatro

Pane e cultura. Ottimomassimo: pane, libri e fantasia