Pane e cultura. Bar Luce Milano: Wes Anderson alla Fondazione Prada

    L’apertura della seconda sede della Fondazione Prada (dopo Venezia) è stata uno dei fatti culturali più interessanti degli ultimi tempi a Milano. Il complesso, costituito da vari ambienti espositivi collegati da spazi all’aperto, è frutto della ristrutturazione di una distilleria dei primi del Novecento, che ha visto il restauro dei vecchi edifici e la costruzione di nuove volumetrie. In tale contesto, elegante e vagamente surreale, certo non sfigura il Bar Luce, punto di ristoro della Fondazione ma nelle intenzioni anche luogo di aggregazione del quartiere, progettato dal celebre regista Wes Anderson. Anderson (“I Tenenbaum, Grand Budapest Hotel…) è noto per l’impronta personalissima, sempre un po’ straniante e spesso dal sapore retro, che dà ai “mondi” creati per i suoi film. Alle prese con la progettazione di un bar, non si è smentito, ricreando l’atmosfera di un tipico caffè della vecchia Milano. “Credo che sarebbe un ottimo set, ma anche un bellissimo posto per scrivere un film. Ho cercato di dare forma a un luogo in cui mi piacerebbe trascorrere i miei pomeriggi non cinematografici” ha dichiarato il regista.Bar luce 2

    Per la verità il locale – che è aperto tutti i giorni dalle 9 alle 22 – ha dimensioni e pretese abbastanza ridotte ma ugualmente (o forse proprio per questo?) l’esperimento estetico e gli obiettivi del servizio possono considerarsi compiuti. Sulla parte alta delle pareti e sul soffitto a volta viene riprodotta la Galleria Vittorio Emanuele,  mentre gli arredi, le sedute, i mobili di formica, il pavimento, i pannelli di legno impiallacciato che rivestono la parte inferiore delle pareti e infine la gamma cromatica ricordano inequivocabilmente le atmosfere dei bar italiani degli anni 50 e 60. A questo salto nel tempo contribuiscono i due flipper (ispirati a film dello stesso Anderson) e il juke-box, tutti funzionanti con monete da cento lire che si possono chiedere gratuitamente al numeroso e cortese personale di sala, ma anche i liquori contenuti nelle vetrine inglobate nel banco. Liquori ancora in commercio ma indubbiamente evocativi di epoche passate.

    L’offerta di cibi salati è sostanzialmente limitata ai panini: ve n’è una selezione già pronta (panini piccoli e semplici, ai salumi) e un’offerta più ampia da preparare al momento. I posti a sedere, riservati a chi ordina al cameriere, sono collocati in buona parte all’interno, e poi all’aperto in un piccolo ballatoio che dà su un camminamento scoperto interno alla Fondazione. Proprio su una specie di grande gradino presente su questo camminamento, si sistemano (col bel tempo) gli avventori che hanno acquistato la consumazione senza rivolgersi ai camerieri. Sul lato opposto, invece c’è il piccolo accesso indipendente rispetto a quello della Fondazione Prada, segnalato da una discreta e un po’ naif insegna “Bar” di neon verde.

     

    Bar Luce

    c/o Fondazione Prada

    Largo Isarco, 2 (Ingresso indipendente da via Orobia)

    Milano

    www.fondazioneprada.org/barluce/

     

     

    PANE E CULTURA

    Una rubrica di Giuliano Pavone

    A chi dice che con la cultura non si mangia rispondiamo proponendo settimanalmente un’esperienza che mette in relazione in modo profittevole e innovativo il mondo della cultura e dello spettacolo da un lato e quello del pubblico esercizio dall’altro. Format, eventi, libri e personaggi per cibare il corpo e la mente. 

    Pane e cultura. Mudec Milano: ristorazione nel Museo delle Culture

    Pane e cultura. Sugo-Condimenti per la casa a Roma dal 12 al 14 giugno

    Pane e cultura. Persepolis Andria: il caffè fa riaprire la libreria

    Pane e cultura. Nuvole in cantina: vino e fumetti in un luogo che vive

    Pane e cultura. Il pop food di Davide Oldani in un libro

    Pane e cultura. Bar, libreria, Internet: con Knulp Trieste si rinnova

    Pane e cultura. Ex Forno Bologna: dal pane all’arte moderna

    Pane e cultura. Rotonda Bistro Milano: per bambini da 3 a 93 anni

    Pane e cultura. Gambrinus Napoli: la storia è qui

    Pane e cultura. Triennale Milano: mostra e terrazza aperte sull’Expo

    Pane e cultura. mcafé Genova: mastica l’arte, medita sul cibo

    Pane e cultura. Memo caffè Fano: il bio in mediateca

    Pane e cultura. Per un trancio di libri: una microlibreria a L’Orablù

    Pane e cultura. Teatro Orfeo Taranto: caffè e cultura nel foyer

    Pane e cultura. Trieste, la città dei caffè

    Pane e cultura. San Marco Trieste: alle origini del caffè letterario

    Pane e cultura. Eataly e librerie.coop convivono a Bologna

    Pane e cultura. Enoteca Letteraria Roma: libro e vino, storia comune

    Pane e cultura. Fourquette Foggia: quando il tipico è atipico

    Pane e cultura. Sugar Queen Napoli: il cake design diventa un libro

    Pane e cultura. Panecotto Matera: pane è cultura!

    Pane e cultura. Cucina calibro noir: buone letture e buona tavola

    Pane e cultura. Calib: caffè + libreria = valorizzare la Puglia

    Pane e cultura. Medieval: il GastroPub “storico” in Salento

    Pane e cultura. Sloan Square: l’Inglese si impara al pub

    Pane e cultura. Pizza per autodidatti: confessioni di un pizzaiolo

    Pane e cultura. Le Libragioni: vino, arte, libri

    Pane e cultura. Eataly e Vergnano al Museo del Cinema di Torino

    Pane e cultura. Terzo tempo Verona: vino e sport sono un bel connubio

    Pane e cultura. Adua Villa firma un romanzo rosé

    Pane e cultura. “In grazia di Dio”: il film a Km 0 gira il mondo

    Pane e cultura. Piccolo Teatro, grande servizio

    Pane e cultura. L’hamburger gourmet diventa un libro 

    Pane e cultura. Feltrinelli RED: se l’ibridazione diventa community

    Pane e cultura. Giufà Roma: in equilibrio fra libri e caffè

    Pane e cultura. Cyrano Alghero: libri, vino, svago

    Pane e cultura. Un Food Film Festival a Sud di Milano

    Pane e cultura. Cibo, e non solo, per la mente

    Pane e cultura. Anche gli angeli… mangiano cannoli!

    Pane e cultura. Macondo Bologna: l’arte di incontrarsi

    Pane e cultura. Liberrima: cibo e cultura all’ombra del Barocco

    Pane e cultura. La Cité: libri, musica, arte, caffè

    Pane e cultura. Orwell Manduria: quando il pub diventa letterario

    Pane e cultura. Enoteca letterario Badlands: socialità e passione

    Pane e cultura. Nea: arte (e bistrot) tutte le ore

    Pane e cultura. Cucina narrativa, showcooking e saperi tradizionali

    Pane e cultura. Musica e dintorni: birra artigianale e territorio