Pane e cultura. Sloan Square: l’inglese si impara al pub

    Sloan Square è il pub inglese aperto a Milano da John Peter Sloan, il cabarettista d’oltremanica diventato un guru nell’insegnamento della lingua di Shakespeare, con svariati libri e due scuole di inglese, una a Milano e una a Roma.

    Spiega Andrea Pastori, uno dei soci di Sloan (gli altri sono Antonio de Luca e Marco Cigna): “Sloan Square nasce come locale internazionale, per dare un punto di riferimento a tutti gli anglofoni e gli anglofili che gravitano intorno a Milano”. Numerose le attività in lingua inglese, dal lunch in English (due volte alla settimana) all’aperitivo (uno alla settimana), con una teacher a disposizione dei clienti senza costi aggiuntivi, per poi passare al breakfast (trasmissione di notiziari in inglese) e al Pub Quiz. Ogni lunedì sera poi John Peter Sloan si dedica al listen and learn: una canzone in inglese tradotta, spiegata e poi interpretata.meeting-aziendali

    Nel locale si possono poi acquistare libri inerenti l’apprendimento dell’inglese, l’Inghilterra, il cibo o la birra. In effetti, un’altra caratteristica distintiva dello Sloan Square è la selezione di birre: una scelta vastissima delle migliori craft beer inglesi e internazionali. Ben 24 spine al piano superiore e 14 al piano inferiore e più di 400 etichette in bottiglia, acquistabili anche nel beer shop presente nel locale. “Anche questa scelta è stata fatta in chiave di internazionalità” spiega Andrea Pastori. “Molti locali milanesi hanno birre artigianali italiane, molti altri hanno birre commerciali internazionali; ci sembrava che mancasse un posto dove ci fosse una ricca scelta di birre artigianali internazionali, magari anche con delle birre molto ambite dagli appassionati disponibili in anteprima”.

    La cucina propone piatti semplici da pub (con il fish & chips a farla da padrone), e il 100% dei piatti ha la birra come ingrediente. “Abbiamo provato diverse variazioni sul tema del fish & chips, ma la clientela ha dimostrato di essere tradizionalista in questo e ci ha convinto a fare un passo in dietro e tornare alla preparazione tradizionale. Il pranzo è stato da subito un momento di grande successo (siamo in una zona di uffici) grazie a una clientela abituale di lavoro che abbiamo fidelizzato anche attraverso convenzioni con le aziende. La cena è più problematica ed è per questo che aspiriamo a diventare – e ci siamo già vicini – un luogo in cui ogni sera della settimana succede qualcosa: cabaret, musica dal vivo, spettacoli in inglese…”

     

    Sloan Square

    Piazzale Cadorna 2 angolo Foro Bonaparte

    Milano

    www.sloansquare.it

     

    PANE E CULTURA

    Una rubrica di Giuliano Pavone

    A chi dice che con la cultura non si mangia rispondiamo proponendo settimanalmente un’esperienza che mette in relazione in modo profittevole e innovativo il mondo della cultura e dello spettacolo da un lato e quello del pubblico esercizio dall’altro. Format, eventi, libri e personaggi per cibare il corpo e la mente. 

    Pane e cultura. Pizza per autodidatti: confessioni di un pizzaiolo

    Pane e cultura. Le Libragioni: vino, arte, libri

    Pane e cultura. Eataly e Vergnano al Museo del Cinema di Torino

    Pane e cultura. Adua Villa firma un romanzo rosé

    Pane e cultura. “In grazia di Dio”: il film a Km 0 gira il mondo

    Pane e cultura. Piccolo Teatro, grande servizio

    Pane e cultura. L’hamburger gourmet diventa un libro 

    Pane e cultura. Feltrinelli RED: se l’ibridazione diventa community

    Pane e cultura. Giufà Roma: in equilibrio fra libri e caffè

    Pane e cultura. Cyrano Alghero: libri, vino, svago

    Pane e cultura. Un Food Film Festival a Sud di Milano

    Pane e cultura. Cibo, e non solo, per la mente

    Pane e cultura. Anche gli angeli… mangiano cannoli!

    Pane e cultura. Macondo Bologna: l’arte di incontrarsi

    Pane e cultura. Liberrima: cibo e cultura all’ombra del Barocco

    Pane e cultura. La Cité: libri, musica, arte, caffè

    Pane e cultura. Orwell Manduria: quando il pub diventa letterario

    Pane e cultura. Enoteca letterario Badlands: socialità e passione

    Pane e cultura. Nea: arte (e bistrot) tutte le ore

    Pane e cultura. Cucina narrativa, showcooking e saperi tradizionali

    Pane e cultura. Musica e dintorni: birra artigianale e territorio