Pane e cultura. Orwell Manduria: quando il pub diventa letterario

Non un caffè ma un pub letterario. E’ questa una delle particolarità dell’Orwell, locale che si affaccia su una pittoresca piazza del centro storico di Manduria, nella bassa provincia di Taranto.

“In passato ho lavorato per cinque anni in una libreria, un settore che ho abbandonato a malincuore” racconta la titolare Giusy Daggiano. “Dal 2006 ho iniziato a collezionare esperienze in bar e ristoranti. In principio lo facevo per necessità, poi anche quella è diventata una passione. Così quando l’anno scorso ho avuto finalmente la possibilità di aprire un mio locale, ho cercato di mettere insieme il mio passato lavorativo e le mie due passioni. Ho intitolato il pub a George Orwell, uno dei miei autori preferiti. E’ una scommessa, perché locali di questo tipo da queste parti ce ne nono pochi, e in fondo anche nel resto d’Italia ci sono molti caffè letterari, ma non pub letterari”.unnamed (1)

La letteratura entra fisicamente nell’Orwell sotto forma di libri a disposizione dei clienti. “Mi piacerebbe nel mio piccolo incoraggiare la lettura, ma farlo in modo sociale, confrontandosi e discutendo” spiega Giusy. “I libri che ci sono nel locale sono in buona parte miei: mi piace condividere con altri le mie esperienze di lettura, e voglio che altri facciano lo stesso portando i propri libri. Per questo non permetto di portare a casa i libri: bisogna leggere e discutere al pub!

A connotare l’Orwell come pub letterario è il programma di presentazioni di libri: mediamente due al mese, in alternanza con concerti. “Al contrario dei concerti, le presentazioni non portano benefici economici, ma in compenso sono a costo zero. Si fanno per passione e naturalmente anche per promuoversi”.

Il discorso “culturale” continua anche nella proposta di cibi e bevande: questi ultimi infatti sono scelti con cura ad uno ad uno – un po’ come accade con i libri esposti – per costruire un’offerta che non sia mai scontata. Oltre a un assortimento di venti birre fra spina e bottiglia, all’Orwell si trova una buona scelta di distillati e anche di analcolici, con una cola solidale e una gamma di prodotti biologici che comprende aranciata, chinotto, mandarino, limonata e cedrata. “Il menù comunque cambia spesso, un po’ perché cerco di non annoiarmi e soprattutto di non annoiare i clienti, un po’ perché fra estate e inverno la composizione della clientela cambia parecchio: durante l’inverno affluisce gente da Manduria e dintorni, l’estate invece i manduriani vanno al mare e la città si riempie di turisti” conclude la Daggiano.

 

Orwell Literary Pub

Piazza Commestibili, 23

Manduria (TA)

PANE E CULTURA

Una rubrica di Giuliano Pavone

A chi dice che con la cultura non si mangia rispondiamo proponendo settimanalmente un’esperienza che mette in relazione in modo profittevole e innovativo il mondo della cultura e dello spettacolo da un lato e quello del pubblico esercizio dall’altro. Format, eventi, libri e personaggi per cibare il corpo e la mente. 

 

Pane e cultura. Enoteca letterario Badlands: socialità e passione

Pane e cultura. Nea: arte (e bistrot) tutte le ore

Pane e cultura. Cucina narrativa, showcooking e saperi tradizionali

Pane e cultura. Scriptorium cafè: la sala studi è al bar

Pane e cultura. L’Orablù: eventi nel bar della piscina

Pane e cultura. Melville, la balena piacentina

Pane e cultura. Libri e teatro si incontrano al bar

Pane e cultura. Libri e caffè (napoletano) nel foyer del teatro

Pane e cultura. Ottimomassimo: pane, libri e fantasia