Pane e cultura. Medieval: il GastroPub “storico” in Salento

Il Medieval GastroPub di Oria, nell’alto Salento in provincia di Brindisi, può essere definito storico in due sensi. Il primo: l’anno di apertura (1998) e l’esperienza ultratrentennale nel settore food dei suoi titolari. Il secondo: la location, una villa fortificata di fine Ottocento in cui degli architetti inglesi hanno ricreato un’atmosfera tipicamente medievale.

Il locale colpisce per l’atmosfera suggestiva, e soprattutto per l’ampiezza degli spazi: un numero sorprendente di ambienti diversi, dai più grandi (adatti fra l’altro per ricevimenti e concerti) ai più raccolti, utili per una serie di attività diversificate, anche in differenti momenti della giornata. Particolarmente accogliente, nei pressi del banco bar, la saletta con camino, poltrone e una libreria da cui i clienti possono attingere liberamente. Originale anche un’altra sala, pensata prevalentemente per il pomeriggio, dove l’arredamento in stile classico cede parzialmente il passo a pezzi vintage anni 70, dando vita a un insieme gradevole e armonico.Medieval 2

E’ chiaro che con simili caratteristiche il Medieval GastroPub trovi uno dei suoi punti di forza nella versatilità. Pub, ristorante, pizzeria, sala da tè o luogo di degustazione di distillati sono solo alcune delle anime di questo locale, senza dimenticare l’esperienza di bartender di successo della titolare Edmea Grassi, una garanzia per la qualità del bere miscelato.

Il Medieval GastroPub nel corso degli anni ha modificato più volte la sua formula per andare incontro alle tendenze del momento o magari anticiparle e lanciarle. Oggi si connota come un punto d’incontro ideale fra cultura e gastronomia. I libri da consultare, i giochi di società, i concerti e le conferenze organizzate periodicamente riempiono di contenuti le sale del Medieval. Quanto alla gastronomia, con la pizzeria e la ristorazione che si sono affiancate all’originaria funzione di pub, l’attenzione si è spostata sempre più verso la qualità del cibo, la sua origine controllata e gli ingredienti a chilometro zero.

Medieval Gastro Pub

Via Francavilla 55, Oria (BR)

www.medievaloria.com

 

PANE E CULTURA

Una rubrica di Giuliano Pavone

A chi dice che con la cultura non si mangia rispondiamo proponendo settimanalmente un’esperienza che mette in relazione in modo profittevole e innovativo il mondo della cultura e dello spettacolo da un lato e quello del pubblico esercizio dall’altro. Format, eventi, libri e personaggi per cibare il corpo e la mente. 

Pane e cultura. Sloan Square: l’Inglese si impara al pub

Pane e cultura. Pizza per autodidatti: confessioni di un pizzaiolo

Pane e cultura. Le Libragioni: vino, arte, libri

Pane e cultura. Eataly e Vergnano al Museo del Cinema di Torino

Pane e cultura. Terzo tempo Verona: vino e sport sono un bel connubio

Pane e cultura. Adua Villa firma un romanzo rosé

Pane e cultura. “In grazia di Dio”: il film a Km 0 gira il mondo

Pane e cultura. Piccolo Teatro, grande servizio

Pane e cultura. L’hamburger gourmet diventa un libro 

Pane e cultura. Feltrinelli RED: se l’ibridazione diventa community

Pane e cultura. Giufà Roma: in equilibrio fra libri e caffè

Pane e cultura. Cyrano Alghero: libri, vino, svago

Pane e cultura. Un Food Film Festival a Sud di Milano

Pane e cultura. Cibo, e non solo, per la mente

Pane e cultura. Anche gli angeli… mangiano cannoli!

Pane e cultura. Macondo Bologna: l’arte di incontrarsi

Pane e cultura. Liberrima: cibo e cultura all’ombra del Barocco

Pane e cultura. La Cité: libri, musica, arte, caffè

Pane e cultura. Orwell Manduria: quando il pub diventa letterario

Pane e cultura. Enoteca letterario Badlands: socialità e passione

Pane e cultura. Nea: arte (e bistrot) tutte le ore

Pane e cultura. Cucina narrativa, showcooking e saperi tradizionali

Pane e cultura. Musica e dintorni: birra artigianale e territorio