Mixology Experience: drink trend e news di prodotto. Video

I drink dell’estate saranno colorati e poco alcolici. Il gin la farà (ancora) da padrone e  territorialità e sostenibilità rappresenteranno le parole chiave dei cocktail. Lo dicono (quasi) tutti. E le aziende si adeguano.

Drink trend dalla prima edizione di MIxology Experience. Intanto, abbiamo visto diversi nuovi prodotti naturali, alcolici e non, perfetti anche per donare una tonalità cromatica particolare alla miscela. 
Rosa, verde, blu. E persino nero. Sì, hai capito bene. Succede con Taurus, primo black gin italiano, un London Dry secco e dal gusto persistente, che consente di creare tra le altre cose un elegante Gin Tonic bicolore.
drinkE poi spuntano nuove ricette ad hoc, low alcol e colorate, patrocinate dalle stesse aziende: una su tutte, Lillet Jolie. Si tratta di un aperitivo rosa con Lillet rosè e tonica di soli 5 gradi. Come una birra. E a proposito di low alcol o zero alcol, non solo sono in linea con il concetto di bere responsabile ma permettono ai gestori maggiori margini di guadagno sul drink e possono essere forieri di consumi superiori. 
Non è finita: è boom di gin craft italiani con botaniche regionali: dal siciliano Insule ai sardi Soero e Rena 41. Senza scordare il gin marchigiano di Mauro Mahjoub: 2PUNTO4.
 
drink
foto @devid_rotasperti

Dall’Italia all’estero, aumentano le referenze in arrivo da Paesi privi di  storia nel mondo del gin. Pensiamo per esempio a Norvegia e Filippine, con il Santa Ana distribuito da Rinaldi 1957.

Giuseppe Capotosto
Tra le novità green, il primo vermouth biologico di Bordiga, non ancora sul mercato, che ci racconta nel video servizio il brand ambassador Giuseppe Capotosto.