McDonald’s, arriva McItaly Romagnola con vitellone bianco dell’Appennino Igp

Fino al 20 dicembre, McDonald’s introduce nell’offerta McItaly la carne del vitellone bianco dell’Appennino Centrale – razza romagnola tutelata dall’Ue con il marchio Igp -, proponendola agli oltre 700.000 clienti che ogni giorno visitano i 540 ristoranti in Italia con una stima di vendita di circa un milione di panini McItaly Romagnola pari a circa 380 capi della pregiata qualità Romagnola

Le carni di McItaly Romagnola vengono fornite dagli allevamenti aderenti al Consorzio di Tutela del Vitellone Bianco dell’Appennino Centrale IGP che si occupa di salvaguardare, certificare e incentivare il consumo delle razze Chianina, Marchigiana e Romagnola; quest’ultima tutelata anche dalla Comunità Europea nell’ambito della salvaguardia della biodiversità. Solo grazie a una sua adeguata valorizzazione e commercializzazione sarà possibile dare un incentivo a proseguirne l’allevamento e scongiurare la scomparsa di una razza antica, molto versatile e apprezzata ma i cui capi sono sempre meno allevati. Il rischio di scomparsa della Romagnola, infatti, costituirebbe un grave danno alla biodiversità e la perdita di un importante tassello del sistema di eccellenze agroalimentari d’Italia.

“Siamo molto soddisfatti di questa importante collaborazione che rappresenta uno stimolo decisivo alla prosecuzione dell’allevamento di Romagnola, una razza straordinaria, ma purtroppo sempre meno valorizzata e che rischia di scomparire con grave danno alla biodiversità – afferma Stefano Mengoli, Presidente del Consorzio di Tutela del Vitellone Bianco dell’Appennino Centrale IGP -. Questa iniziativa congiunta è un ottimo esempio di come la collaborazione virtuosa tra il settore agroalimentare e ristorazione possa portare a benefici che vanno oltre il supporto alle economie locali portando ad una valorizzazione a livello nazionale del patrimonio culturale e alimentare dell’Appennino Centrale”.

“Questa iniziativa e la collaborazione con gli amici del Consorzio è per noi un punto d’orgoglio poiché ci permette valorizzare uno straordinario tassello del patrimonio agroalimentare d’Italia – commenta Tommaso Valle, Direttore della Comunicazione di McDonald’s Italia -. Pensiamo inoltre che sia estremamente importante incentivare questa tipologia di collaborazione con tutti i nostri partner che, per McDonald’s Italia, sono rappresentati per oltre il 90% da aziende italiane e che grazie alla nostra rete di oltre 540 ristoranti possono far conoscere i loro prodotti proponendoli a tutti gli italiani dal Trentino alla Sicilia”.