Italian Coffee Heritage, il nuovo payoff di Bazzara

La TriestEspresso Expo sarà il palcoscenico per la presentazione del nuovo payoff Bazzara “Italian Coffee Heritage”. Un payoff che custodisce tre concetti chiave (italianità, caffè, eredità) racchiudendo il senso di anni di ricerca dell’eccellenza, la passione, tipicamente italiana, con importanza al lavoro svolto non solo per la crescita aziendale ma anche per lo sviluppo culturale della grande “comunità del caffè” alla quale la torrefazione appartiene.

Italian Coffee Heritage è l’unione di tutti gli elementi chiave dell’identità Bazzara, ben radicata nei principi familiari e nelle consuetudini del buon vivere italiano di qualità che attraverso il semplice e complesso rito del caffè espresso italiano rinnova quotidianamente le fondamenta di un modo di essere divenuto patrimonio collettivo.

Tra i punti chiave che hanno portato alla scelta del messaggio troviamo infatti temi importanti come: il patrimonio culturale ed editoriale; la divulgazione e la conoscenza; la storia aziendale; l’italian passion e inevitabilmente il sacro patrimonio del Made in Italy a cui traggono ispirazione il bello, il buono, ben fatto e artigianale; le radici culturali e familiari, ma anche l’autorevolezza e la reputazione che la famiglia è riuscita a costruirsi nel tempo con passione e professionalità.

Italian
Tra le parole italiane più usate all’estero? “Espresso” e “Cappuccino”. Ecco perché il termine “Italian” esalta lo spirito del Bel Paese e l’orgoglio della nostra penisola, rimarcandone l’identità culturale come valore condiviso e l’essenza del buon vivere emulate in tutto il mondo, tra queste quello di gustare un buon Espresso: una storia di emozioni radicate nel tempo che raccontano il percorso svolto per portare al di fuori dei confini nazionali il nostro concetto di lifestyle. Oggi il «Made in Italy» rappresenta infatti un bene immateriale da salvaguardare.

Coffee
Immancabile, il caffè rappresenta il core business dell’azienda, il cuore e il senso del lavoro dei Bazzara che, grazie alla tradizione artigianale tramandata nel corso degli anni di generazione in generazione, trasmettono la loro dedizione aspirando a creare qualcosa di unico e raro con un caffè in grani ancora torrefatto lentamente. Da sempre la famiglia Bazzara seleziona le migliori varietà di Arabica e Robusta per offrire tutti i giorni un caffè di qualità.

Heritage
Infine il concetto di “Heritage” che indica un tributo alla secolare eredità italiana come patria del “rito del caffè espresso” dove è nata la miscela e la macchina da caffè: per fare qualche esempio, le prime invenzioni e i primi brevetti delle macchine per espresso risalgono alla fine del XIX secolo, le prime tracce dell’uso di miscelare e le tostature differenti di chicchi di caffè al 1845.

Il caffè espresso è una tradizione culturale prettamente italiana che include pratiche comunitarie, abitudini sociali, tecnologia, capacità artigiane, profondamente radicate nell’identità nazionale. Una pratica che quotidianamente unisce ogni italiano. Le abitudini di consumo dell’espresso raccontano storie, per un italiano è quasi impossibile rinunciare all’offerta di un caffè o terminare un pasto senza “l’Espresso”. È ritenuto il modo migliore per iniziare una giornata, ritrovare energia, ricaricarsi e anche fare una pausa e rilassarsi, è qualcosa da offrire con piacere ad altre persone. Un’eredità importante – quella del rito del caffè espresso italiano- adesso candidata a diventare patrimonio immateriale dell’umanità Unesco: basta un clic per promuovere la nostra preziosa tradizione italiana, una missione a cui la Bazzara aderisce anche come socio al Consorzio di Tutela del Caffè Espresso Italiano Tradizionale dal 2021.

Per la Bazzara caffè significa piacere, appartenenza, tradizione, storia e cultura. L’idea che la torrefazione si ponga come promotrice della cultura caffeicola italiana sotto diversi aspetti definisce la scelta del payoff, grazie anche al retaggio artigianale e lavorativo tramandato e soprattutto nella veste di collante della comunità grazie all’organizzazione di attività a beneficio dell’intera filiera caffeicola.