Irlanda, il Governo pensa a una “coffee cup” tax

Il governo irlandese ha lanciato una proposta che sta facendo molto discutere: una tassa sui bicchieri usa e getta comunemente utilizzati per il caffè o altre bevande, con l’obiettivo di ridurre i 200 milioni di contenitori, in plastica o altro materiale, che ogni anno i suoi cittadini gettano nella spazzatura, incentivando l’uso di tazze e contenitori lavabili e riutilizzabili, anche da portare con sé. La maggior parte di questi “single serve cups” – si legge su Foodweb.it – sono utilizzate dai coffee shops e dalla ristorazione per il servizio take away, e vengono quindi smaltite senza differenziare.

Il progetto per questa nuova tassa è stato sottoposto alle parti sociali dal ministro per l’Ambiente Richard Bruton per una consultazione pubblica, mentre sarà una ricerca di mercato a stabilire l’entità qualora dovesse essere adottata. La data di partenza sarebbe comunque fissata al 2021, mentre le ipotesi di balzello sono tre: 10, 15 o 25 centesimi di euro per ogni “cup” usa e getta. Un aggravio decisamente importante, considerato che si tratta di solito di caffè (americano), ovvero una bevanda di uso comune durante la giornata e dal costo unitario molto basso.