Importante riconoscimento per Urbani Tartufi

La “Cerca e cavatura del tartufo in Italia: conoscenze e pratiche tradizionali” è stata iscritta nella Lista Rappresentativa del Patrimonio Culturale Immateriale UNESCO grazie alla candidatura presentata lo scorso gennaio dalla Federazione Nazionale Tartufai Italiani (FNATI) e dall’Associazione Nazionale Città del Tartufo (ANCT).

Urbani Tartufi, azienda leader mondiale nella produzione e trasformazione del tartufo nonché uno dei principali player del settore, esprime la sua soddisfazione e il suo orgoglio per questo importante riconoscimento.

“Un traguardo epocale in una stagione che per il tartufo si è dimostrata difficile a causa delle sfavorevoli condizioni climatiche. Il nostro obiettivo da sempre è di sostenere la filiera, soprattutto durante questi momenti, azione concrete come questa valorizzano una tradizione centenaria del Made in Italy riconosciuta come patrimonio dell’umanità” – commenta Giammarco Urbani, Amministratore del Gruppo Urbani Tartufi. “Questo riconoscimento infatti, ci permette di difendere correttamente una pratica storica, secolare e sostenibile, fatta di enorme impegno, di cultura e rispetto oltre che conoscenza dell’ecosistema ambientale. Noi di Urbani Tartufi siamo soddisfatti dell’attenzione prestata da parte del Comitato Intergovernativo per valorizzare lo speciale rapporto tra uomo, natura e cane”.