Il segno dell’espresso italiano

Alla luce delle sensazioni e informazioni raccolte a Host 2019 esploriamo come gli attori del mondo dell’espresso italiano vivono questo prodotto principe del made in Italy insieme a Barbara Chiassai, Amministratore Delegato dell’Istituto Espresso Italiano (IEI)

Quale ruolo ha la torrefazione nella comunicazione dell’espresso italiano?
La torrefazione è un semplice fotogramma nella storia di un chicco di caffè, per poter far sì che la miscela italiana si esprima davvero nella sua identità sono necessarie attrezzature di livello e baristi formati e l’Istituto Espresso Italiano (IEI) è indispensabile per tutto grazie alla sua certificazione. Un percorso lunghissimo quello dell’espresso che si vive nei volti di chi sorseggia l’ambita tazzina.

Cos’è l’espresso italiano per il mondo?
L’espresso italiano è il biglietto da visita più bello che in Italia possiamo avere. È la nostra bandiera e abbiamo tanta voglia di dirlo: io sono italiano perché bevo l’espresso! L’espresso gode infatti di grande attrazione nel mondo. Il pubblico è sempre più preparato e ha esigenze sempre più specifiche ed elevate. La qualificazione dei prodotti attraverso un ente esterno quale l’Istituto Espresso Italiano (IEI) fa la differenza: permette ai produttori di comunicare in cosa consista la propria differenza rispetto agli altri. 

Tanti o un espresso italiano?
L’espresso italiano ha caratteristiche ben identificabili nel suo profilo sensoriale. Al suo interno vi sono espressioni uniche che caratterizzano territori d’appartenenza e personalità dei torrefattori. Esistono così diversi stili di espresso italiano, così come provato scientificamente dall’Istituto Internazionale Assaggiatori Caffè (IIAC). La narrazione degli stili è un modo per diffondere la cultura del prodotto.

Perché eventi come Espresso Italiano Champion sono importanti?
A Host abbiamo svolto le finali del campionato baristi dell’Istituto Espresso Italiano (IEI). Questo evento è importantissimo per coinvolgere i baristi che svolgono la propria professione con serietà ed è una leva per fare avvicinare i giovani a un modo nuovo di concepire l’espresso: anche attraverso il gioco porti informazione. Espresso Italiano Champion serve per elevare la professione e per fare conoscere l’espresso perfetto al grande pubblico.

Perché dare un marchio all’espresso italiano?
Per dare la possibilità a baristi e consumatori di avere certezza di qualità e per dare a tutti un valore in cui riconoscersi. Il marchio dell’Istituto Espresso Italiano (IEI) non solo è sinonimo di un grande lavoro da parte delle aziende e la verifica costante della qualità dei prodotti qualificati da parte di un ente terzo. È pure uno spunto di miglioramento, una fonte di ispirazione e un insieme di valori, quelli dell’espresso italiano, in cui rispecchiarsi, condivisi da tutti gli attori della filiera insieme ai baristi e ai clienti finali.

L’Istituto  Espresso Italiano (www.espressoitaliano.org), di cui fanno parte torrefattori, costruttori di macchine e macinadosatori e altri sodalizi che volgono la loro attenzione all’espresso di qualità, oggi conta 34 soci con un fatturato aggregato di circa 700 milioni di euro.