Green pass, più di 3 milioni le famiglie ‘separate’ al ristorante

Fipe lancia l’allarme: se passa l’obbligo green pass al ristorante, in attesa del loro turno per vaccinarsi 4 milioni di giovanissimi potrebbero non poter andare con i genitori.

Green pass al ristorante? E’ allarme famiglie separate. Più che in casa, al ristorante.

“Da lunedì prossimo – fa infatti notare Aldo Cursano, vice presidente vicario di Fipe-Confcommercio  se passa l’obbligo del green pass anche per andare al ristorante oltre tre milioni di famiglie italiane verranno letteralmente spaccate in due. Al momento, infatti, ci sono circa 4 milioni di giovanissimi tra i 12 e i 19 anni non ancora vaccinati.

Non si tratta di no vax ma di persone in attesa del loro turno. Molti di questi ragazzi passeranno le vacanze con i genitori, in larga parte già vaccinati, ma non potranno andare neppure a mangiare una pizza con loro. Questo cortocircuito è dato dalla fretta con la quale si vuole approvare una norma che, così congegnata, non porterà gli effetti attesi”.

“Se il governo ­– aggiunge Cursano – è comprensibilmente preoccupato per i 3 milioni di over 60 che ancora non hanno ricevuto nemmeno una dose di vaccino allora deve sapere che l’azione di moral suasion attraverso i ristoranti rischia di essere fallimentare. Solo il 9% degli over 60, infatti, è un frequentatore non occasionale di questi esercizi. Ecco perché questa misura, oltre ad essere iniqua, dal momento che penalizza alcune imprese risparmiandone altre, non riuscirà a spingere gli over 60 più scettici a vaccinarsi. Allora tanto vale mettere l’obbligo di vaccinazione almeno per gli over 60”.