Fipe in difesa del barista di Stradella: “Gesto ignobile!”

“Gesto ignobile! Ci auguriamo che episodi del genere non si ripetano”. Non usa mezzi termini Fipe-Confcommercio di fronte ai recenti fatti di cronaca che hanno visto un barista nel Pavese aggredito da alcuni clienti per avere chiesto loro di esibire il Green pass.

La Federazione esprime la solidarietà al giovane barista di Stradella aggredito da tre giovani per aver operato correttamente, richiedendo cioè il green pass così come previsto dalla legge“, si legge in una nota della Federazione Italiana dei Pubblici Esercizi.

Quanto accaduto è certamente molto grave e, purtroppo, non si tratta il primo episodio del genere. Ci auguriamo che gli aggressori paghino per questo gesto ignobile e che episodi come questo non si ripetano mai più. Gli esercenti stanno portando avanti le loro attività tra mille difficoltà, anche per favorire il presidio sanitario, e non è accettabile che debbano subire aggressioni di questa gravità”.

Come si ricorderà, nei giorni scorsi barista è stato picchiato da tre clienti a Stradella, in provincia di Pavia, per avere chiesto loro di esibire il Green pass, di cui i responsabili del pestaggio non erano in possesso. Il barista 31enne, di nazionalità cinese, ha riportato diversi traumi al volto prima che le forze dell’ordine sopraggiungessero sul posto. Dopo l’aggressione e la successiva fuga i responsabili del pestaggio sono stati individuati e denunciati dai carabinieri per lesioni.

Dovranno anche pagare una multa di 400 euro a testa per essersi seduti al tavolo del bar senza essere in possesso del Green pass.