Federcuochi e pasticceri: giù le bollette, altrimenti rischio chiusure

Bollette impazzite e costi della materie prime alle stelle. Per evitare il rischio chiusure di ristoranti e pasticcerie, arriva l’appello di Federcuochi e Conpait – Confederazione Pasticceri Italiani, che si aggiunge agli altri lanciati negli scorsi giorni dalle altre associazioni del comparto horeca.

La ristorazione è ormai alla canna del gas come dimostra il grido d’aiuto che giunge ormai da ristoratori e pasticceri di tutta Italia, che hanno visto aumentare i costi delle bollette gas e luce di circa il 300%“, si legge in una nota congiunta delle due associazioni. “Non è pensabile continuare a chiedere sacrifici a chi è stato già fortemente penalizzato dalla crisi dovuta alla pandemia“.

Di qui l’appello alla politica perchè attui tutte le misure necessarie per evitare una pesante ricaduta sui consumi. “Di questo passo andare al ristorante, in albergo o semplicemente in gelateria o pasticceria diverrà un lusso per pochissimi eletti. Siamo in una situazione drammatica. La politica deve intervenire immediatamente per porre un freno a questi aumenti insostenibili, fissando un tetto massimo – concludono – per le tariffe dei consumi energetici“.