Distillerie Francoli a Expo: la cultura del calice

Nuovi appuntamenti e degustazioni guidate con i prodotti di Distillerie Francoli allo Spazio Grappa del Padiglione Vino. Un salotto d’eccezione, che fino alla fine di ottobre sarà il luogo in cui degustare e scoprire il distillato italiano: la Grappa. È questa la cornice dello Spazio Grappa di Expo 2015, situato al II° piano del Padiglione “Vino a Taste of Italy”. Uno spazio speciale in cui le Distillerie Francoli proporranno una selezione dei loro migliori distillati. Prodotti che rappresentano il territorio di Ghemme, storica sede dell’azienda, e raccontano un mondo fatto di passione, qualità ed attenzione all’ambiente.

Il pubblico di Expo 2015 avrà la possibilità di conoscere questi “distillati dell’Alto Piemonte” grazie alle degustazioni guidate dai sommelier di Anag Lombardia. Tre gli appuntamenti ancora in programma, con altrettanti distillati firmati Luigi Francoli: Venerdì 17 luglio, alle 14.00, sarà di scena la grappa “Sorsi di Nebbiolo da Gattinara Barrique”; venerdì 31 luglio alle 14.00 verrà presentata “Sorsi di Vespolina e Nebbiolo da Ghemme”; gran finale venerdì 16 ottobre alle 14.00, con una degustazione di tre fra le migliori referenze firmate Francoli. Un vero racconto nel calice, che permetterà di assaporare tutta la storia e la cultura italiana che la Grappa da sempre rappresenta.

distillerie-francoli-celebrato-il-60-di-fondazione-della-azienda-1515La Storia di Fancoli. 1875: Dinastia di distillatori, la famiglia Francoli mosse i suoi primi passi nel mondo degli alambicchi nel 1875, quando Luigi Guglielmo Francoli iniziò, in Campodolcino (Val San Giacomo – SO) i suoi primi esperimenti con un rudimentale alambicco, e diede alla luce le prime gocce della sua grappa. 1895: La produzione era solo di alcune decine di litri, per la famiglia e per gli amici, che tutta la zona imparò presto ad apprezzare. Numerosi riconoscimenti vennero però anche da oltre i confini locali. 1922: La passione distillatoria coinvolse i figli di Gabriele e Guglielmo. I primi due fondarono una distilleria a Ponti Sul Mincio in provincia di Mantova; i secondi (Guglielmo e Severo) fecero altrettanto, ma intrapresero la via per il Piemonte, a Ghemme (NO), dove fondarono la Distilleria Francoli nel 1922. Nel 1948 Guglielmo venne raggiunto dal nipote Luigi, figlio di Severo, il quale più tardi, nel 1951, decise di rilevare l’attività e fondò a Ghemme la Distilleria Luigi Francoli, dove venivano imbottigliate e vendute le migliori grappe della zona. L’incremento del lavoro suggerì a Luigi di chiamare a sé i 4 fratelli più giovani che, uno dopo l’altro lo raggiunsero. Nacque così la quarta generazione di distillatori Francoli. Il 1° marzo 1999 si presenta sul mercato la Grappa Luigi Francoli. Da questo momento la Grappa assume, per Distillerie Francoli, la vera connotazione di marca. I tratti caratterizzanti del marchio sono: l’immagine pulita, essenziale, che mette in evidenza l’essenza stessa di Distillerie Francoli (la lunga tradizione nella distillazione della Grappa) e i contenuti ben definiti e assolutamente differenziati fra loro. Per Distillerie Francoli il rispetto dell’ambiente è fondamentale. Questo si realizza, anche attraverso l’adesione al progetto Impatto Zero grazie al quale sono stati creati e tutelati venti ettari di foreste in crescita in grado di assorbire la quantità di anidride carbonica prodotta dalle attività commerciali quali approvvigionamento e consegna delle merci, spostamenti in auto e in aereo di tutte le persone coinvolte nella vita dell’azienda.