Deliveroo verso la quotazione in Borsa, forte crescita con il Covid

Forte performance finanziaria e operativa nel 2020 per Deliveroo, in vista della prevista quotazione alla Borsa di Londra, che è stata annunciata formalmente stamane.

Nell’anno della pandemia, che ha fatto crescere l’utilizzo dei servizi di food delivery, a livello globale la società ha aumentato del 64% il valore lordo delle transazioni (Gtv) – l’importo totale delle transazioni che gestisce sulla sua piattaforma – che sono passate da 2,5 miliardi di sterline nel 2019 a 4,1 miliardi di sterline.

Deliveroo – si legge in una nota – ha dimostrato di poter gestire la redditività su larga scala nel 2020, essendo stata redditizia su base Ebitda Adjusted (rettificato) per oltre due trimestri. Inoltre, l’utile lordo sottostante è aumentato dell’89,5% a 358 milioni di sterline rispetto ai 189 milioni di sterline dell’anno precedente.

Come risultato di questa forte performance, Deliveroo ha ridotto le perdite dell’anno a 223,7 milioni di sterline, rispetto ai 317 milioni di sterline del 2019. L’azienda rimane concentrata sugli “investimenti per generare crescita nel nascente mercato dell’online food market”, è scritto in una nota.

In una lettera introduttiva alla Eitf dell’azienda, il fondatore e ceo di Deliveroo, Will Shu, sottolinea che “oggi Deliveroo è molto più grande di quanto avrei mai pensato. Eppure, crediamo veramente che siamo ancora all’inizio. Le nostre ambizioni sono aumentate man mano che abbiamo veramente iniziato a comprendere e sfruttare l’opportunità che abbiamo di fronte, nel settore del cibo online”