Cioccolato: la Russia entra nella top ten mondiale degli esportatori

La notizia arriva dall’Associazione russa delle imprese dell’industria dolciaria (Askond) che sottolinea come, da settembre 2020 a settembre 2021, la Russia ha esportato prodotti a base di cioccolato per un valore di 838,5 milioni di dollari, mentre la Svizzera per 819 milioni.

L’anno scorso, sottolineano i dati delle agenzie Itc TrademapComtrade, le cose erano andate diversamente. La Russia, infatti, si era classificata all’11° posto nella classifica mondiale, con un export che era andato oltre le 295mila tonnellate di cioccolato, e un giro d’affari complessivo di 729,2 milioni di dollari. Sempre nel 2020, la Svizzera si era classificata al decimo posto con un volume di esportazioni di 109,8 mila tonnellate ma per un valore di 753 milioni di dollari.

Askond ha notato che l’offerta di cioccolato russo è stata negli ultimi dodici mesi in crescita per il sesto anno consecutivo. In particolare, crescono le esportazioni grazie alle vendite nei nuovi mercati, come Serbia, Brasile, Nigeria e i paesi del Medio Oriente.

Secondo le previsioni dell’associazione, entro la fine del 2021, l’export di prodotti dolciari dalla Russia aumenterà del 19,1% e ammonterà a oltre 824mila tonnellate per un valore di 1,68 miliardi di dollari. In questo caso, verrà battuto un record per l’industria dolciaria e il volume delle esportazioni supererà l’indicatore nel 2019 pre-pandemia del 30,8%.