Cimbali premiata per lavoro femminile e digitalizzazione

Gruppo Cimbali chiude l’anno con importanti riconoscimenti che premiano il percorso di sviluppo intrapreso in questi ultimi anni con un focus particolare su innovazione, digitalizzazione ed attenzione al lavoro femminile.

In Italia sono 200 le aziende che pongono le donne al centro delle loro politiche di sviluppo e Gruppo Cimbali, con i suoi quattro brand La Cimbali, Faema, Casadio e Slayer è proprio una di queste. L’azienda di Binasco è stata infatti nominata all’interno della classifica “Italy’s best employers for women” stilata dall’indagine dell’Istituto Tedesco Qualità Finanza (Itqf). La ricerca, giunta alla seconda edizione, è stata realizzata su 2000 aziende su 45 tematiche principali come cultura d’impresa, formazione professionale e pari opportunità.

Un riconoscimento prestigioso che conferma l’impegno costante di questi ultimi anni di Gruppo Cimbali a sostenere l’affermazione femminile in ambito lavorativo. L’azienda ha infatti intrapreso un percorso guidato da un Manifesto della Sostenibilità, in linea con gli obiettivi dell’Agenda ONU 2030, che evidenzia 4 principali aree di intervento per le proprie iniziative: People, Product, Planet e Partnership.

In particolare, per quanto riguarda l’ambito People, l’azienda si impegna a garantire: sicurezza sul lavoro per tutti i dipendenti, iniziative di prevenzione per la salute, promozione della cultura e coinvolgimento diretto nella comunità locale, supporto alle iniziative di solidarietà sociale e attività di diversity&inclusion tra le risorse umane. L’azienda, inoltre, supporta da anni progetti dedicati a donne e lavoro evidenziando quanto il settore del caffè e della produzione di macchine professionali per caffè espresso, anche se forse ancora inesplorato,è ricco di opportunità anche per l’universo femminile.

“È un onore ricevere un riconoscimento che sottolinea quanto il Gruppo sia orientato a valorizzare e sostenere il talento delle donne. Contribuire allo sviluppo della managerialità femminile è parte integrante della nostra azienda. Crediamo che la presenza di donne a tutti i livelli assicuri al Gruppo maggiore produttività, capacità di innovazione, attenzione a valori intangibili che sono sempre più determinanti in termini di reputation – afferma Fabrizia Cimbali, CEO del Gruppo. Stiamo promuovendo iniziative interne e collaborazioni esterne, proprio allo scopo di diffondere una cultura inclusiva che metta al centro le donne e il loro contributo di valore, nell’impresa e nella società”.

Quest’anno Cimbali è stata anche premiata per la sua capacità innovativa e imprenditoriale dall’Istituto Tedesco Qualità e Finanza (Itqf) entrando a far parte delle 300 Digital Stars d’Italia 2021/2022. Questa nomina rappresenta una conferma dell’impegno e dell’evoluzione del lavoro proprio in un’ottica di innovazione, digitalizzazione e sostenibilità che l’azienda sta portando avanti da più di un anno con il duplice obiettivo di anticipare e soddisfare le esigenze di mercato da un lato e, dall’altro, di consolidare il proprio ruolo di riferimento di questo settore.

Digitalizzazione significa guardare alla tecnologia come strumento anche di inclusione ed accessibilità, al fine di concretizzare l’impegno dell’azienda non solo attraverso l’offerta di servizi e prodotti sempre più innovativi e al passo con i tempi, ma anche offrendo alle persone un posto di lavoro dove possano sentirsi accolte, motivate, incentivate e valorizzate.