Chiusure, lo chef Vissani contro il governo: “Ci sta facendo del male”

Gianfranco Vissani

“Siamo il Paese dei pucciotti, noi non comandiamo niente. Chi ci governa fa il bello e cattivo tempo, ci stanno facendo del male“. Lo dice all’Ansa lo chef Gianfranco Vissani commentando gli ultimi provvedimenti del governo nell’ennesimo tentativo di contenere la pandemia e sostenere le imprese italiane.

“E’ più di un anno che siamo chiusi, a mio figlio sono arrivati 10mila euro, mi dice come può mantenere in vita l’azienda con questi soldi?“, chiede Vissani. Che lancia una provocazione: “Se vogliono continuare a tenere tutto chiuso, allora chiudano per 15 giorni anche tutti i punti food del Paese, a cominciare da supermercati, forni e quant’altro, voglio vedere come campiamo”.

E sulla polemica nata sulla possibilità di andare fuori i confini nazionali in vacanza mentre non ci si può spostare tra regioni italiane, Vissani ribadisce che “è una vergogna”: “Credevo che il premier Draghi potesse fare meglio – ha concluso il grande chef – invece sta seguendo la vecchia strada”.