Buoni Da Bere, parte la nuova iniziativa di Coop

Portare fuori dalla propria rete vendita i nuovi prodotti a marchio e andare in luoghi dove è piacevole stare. E’ l’idea alla base di “Buoni da bere” i nuovi aperitivi e i cocktail sorprendenti di Coop, protagonisti di un tour che inizia dallo stabilimento balneare Fantini a Cervia il prossimo 27 luglio, fa tappa all’Arena della Casa del Cinema a Villa Borghese a Roma il 10 settembre e si conclude a ottobre alla Barcolana a Trieste.

A fare da trait d’union fra un appuntamento e l’altro di degustazioni guidate, tutte rigorosamente gratuite per gli ospiti dei luoghi citati, Giulia Castellucci bartender in ascesa e una delle prime donne a dedicarsi a questa professione.

Tutta la materia prima delle ricette “by Giulia”, 4 proposte alcoliche e 1 analcolica, è targata Coop pescando proprio nella nuovissima offerta di aperitivi, cocktail, bevande nell’ambito del più ampio progetto di riposizionamento dell’insegna che punta sul proprio prodotto a marchio come leva per rispondere alle richieste di consumatori molto diversi, sempre più esigenti unendo ai valori irrinunciabili di Coop una incredibile estensione dell’offerta e prezzi convenienti Nell’arco di due anni saranno circa 5000 i nuovi prodotti a scaffale (tra riformulazioni, cambi di packaging così da esaltarne i contenuti e proposte fino ad oggi inedite).

Gli aperitivi degli italiani e le proposte di Giulia
Sempre più in testa al gradimento degli italiani, la scorsa estate sono stati 170 milioni gli aperitivi bevuti (15 milioni in più rispetto al 2010), in larga parte consumati da donne a dimostrazione di una tendenza in ascesa. Complice la pandemia ma non solo. E sempre più si fanno strada rispetto alle essenze tradizionali nuove proposte. Sono il punto di forza di Giulia Castellucci che ha creato 5 ricette inedite per il tour “Buoni da bere” di Coop. Si va dalla “Mandarine Mule” una rivisitazione di un moscow mule con una nota più leggera e fresca complice il vermouth bianco di Torino, per arrivare al “Passion Smash”, l’aperitivo che nel trionfo di frutta unisce la parte esotica del passion fruit alla nota balsamica della mente. E ancora la rivisitazione shakerata di un classico come l’Americano (“Coop-America”), il “Tonico” dove la parte amaricante del bitter si unisce al mirin e come proposta analcolica un omaggio alla Sicilia (“In Sicilia”): latte di mandorla e red soda.