Bocuse d’Or, a Tallinn gli azzurri si giocano la finale di Lione

Team italiano alla ricerca della finale al Bocuse d’Or, campionato mondiale di cucina per cuochi e nominato così in onore dello chef Paul Bocuse: Il 15 e il 16 ottobre a Tallinn, in Estonia, si svolgeranno infatti le qualificazioni per Lione 2021, dove 16 team di altrettante nazioni si contenderanno il trofeo della competizione culinaria “più importante al mondo”.

La squadra italiana sarà guidata da Alessandro Bergamo, già sous chef del ristorante Cracco di Milano e dai membri della Federazione Italiana Cuochi, lo chef Lorenzo Alessio in qualità di coach, Francesco Tanese (commis), Filippo Crisci (vice coach) e gli helper Graziano Patanè e Andrea Monastero.

Fino a oggi l’Italia è più volte arrivata tra le prime dieci ma senza mai riuscire a salire sul podio, sfiorato solo nel 2001 con il quarto posto di Paolo Lopriore, come miglior piatto di pesce.

Le qualificazioni di Tallinn, causa Covid, verranno trasmesse in streaming a porte chiuse con la sola presenza degli addetti ai lavori. Tutti i team avranno a disposizione 5 ore e 35 minuti per presentare una creazione su un piatto e un’altra su un vassoio, che verranno giudicate dalle commissioni composte da chef secondo i criteri di presentazione, gusto, metodo di cottura, abilità, rispetto dei prodotti e originalità.

Tema principale del vassoio per la finale europea sono le quaglie, l’uovo di quaglia e due contorni vegetali, mentre il tema del piatto è il pesce gatto, da presentare con tre contorni vegetali.

“Ci siamo allenati molto”, commenta lo chef Enrico Crippa, presidente della Bocuse d’Or Italy Academy. “I ragazzi hanno condotto una vita cameratesca in questi mesi e dalle 8 del mattino sino a tarda sera hanno provato la gara, sette giorni su sette”.