Barman, vuoi lavorare o aprire un locale a Madrid? Devi sapere che…

Quanto guadagna un barman a Madrid? Quanto costa comprare o affittare un locale? Che cosa richiede la burocrazia? E ancora: quali sono i quartieri migliori per avviare un cocktail a bar? Ecco i temi della seconda puntata di Mixing in Madrid a cura di Luca Anastasio bartender & beverage consultant nonché international professional trainer.

Qual è la paga mensile minima per un barman a Madrid?
Gli stipendi partono da 1400 euro.

Quanto costa comprare un locale a Madrid?
Dipende dalla zona e dalla dimensione, ovviamente. In una zona centrale, per comprare un bar di piccole dimensioni attrezzato occorrono almeno 50.000 euro.

E affittarlo?
Per un locale in zona centrica sviluppato su una superficie di 150 metri quadrati si spendono al mese come minimo 2.500 euro.

Parliamo della burocrazia: consigli per chi vuole comprare un bar?
Se volete aprire un’attività a Madrid vi suggerisco di cercare un locale con una licenza avviata di bar, già attrezzato e in ordine. È importante che il locale abbia tutte le carte in regola, diversamente i tempi per ottenere le licenze si allungano, soprattutto se il bar è ospitato in un palazzo storico e quindi sottoposto a vincoli e regole speciali.

E per chi vuole affittare un bar?
In questo caso è essenziale garantirsi una lunga durata del contratto per evitare di trovarsi all’improvviso a fronteggiare la richiesta di un affitto più alto e magari a dover traslocare.

In quali zone suggeriresti di avviare un cocktail bar a Madrid?
Difficile generalizzare: dipende dagli obiettivi che ci si propone in termini di target di clientela e di stile di offerta. Per chi vuole aprire un locale di ricerca, con una proposta di bere miscelato e un servizio di alta qualità, è indicata tutta la zona che si estende intorno al Paseo de la Castellana e coinvolge il quartiere Salamanca e Plaza Colón.
Meno chic, ma con una vivacissima vita notturna, è invece il barrio Malasaña.